domenica 17 gennaio 2021

Scuola Europea 3, gli insegnanti "portano" l'Italia a Bruxelles

"L'italiano e gli italiani a Ixelles" è un progetto didattico ideato e sviluppato dagli insegnanti di Italiano alla Scuola Europea 3 di Bruxelles, che si trova nel Comune di Ixelles. Delle quattro scuole europee del capoluogo belga, questa è l'unica dove non c'è una sezione italiana e l'insegnamento della nostra bella lingua è impartito come lingua straniera.

Invitare e convincere studenti e genitori a studiare italiano come L3 e L4 (addirittura L5) non è per niente facile, visto il potere delle tre lingue veicolari obbligatorie (francese, tedesco e, nonostante il Brexit, inglese) e la presenza delle sezioni spagnola e neerlandofona. 
Inoltre, praticare l'italiano a Bruxelles non è così immediato: ecco allora l'idea dei professori di portare l'Italia a scuola (in presenza prima del lockdown e a distanza durante il confinamento).
Un progetto tanto semplice quanto geniale perché si pone come obiettivo quello di fornire "materiale autentico" agli alunni in modo da far ascoltare loro diverse pronunce e intonazioni in base all'origine e anche alla nazionalità dell'ospite di turno. Cosa c'è di più autentico di una persona in carne e ossa?
Molte personalità di vari settori con molta disponibilità hanno accettato di essere intervistati dagli studenti di italiano e di rispondere alle loro domande con spontaneità e simpatia. Un'operazione linguistica, didattica e culturale che ha permesso agli studenti di conoscere il Bel Paese grazie a rappresentanti di molteplici campi: opera, musica pop, giornalismo, musei, cinema, televisione, libri, il Made in Italy, arte, gastronomia, diplomazia.
Peter de Caluwe

Eike Schmidt

Negli anni si sono succeduti l'allora Ambasciatore d'Italia in Belgio Alfredo Bastianelli, il direttore dell'Opera La Monnaie Peter de Caluwe, il direttore dell'Opera di Liegi Stefano Mazzonis di Pralafera, Eike Schmidt, direttore della Galleria degli Uffizi, Marisa Ingrosso, giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno e autrice del libro inchiesta "Sud Atomico", le blogger enogastronomiche pugliesi Giorgia e Martina Lenti, lo chef pasticciere Andrea Tortora, Maria Mencaroni Zoppetti, Presidente dell'Ateneo di Scienze Lettere e Arti di Bergamo, il regista Angelo Longoni che ha risposto alle domande sul cortometraggio "Sogni" interpretato da Loretta Goggi, il giornalista e scrittore Paolo di Paolo intervenuto sul suo libro "La mucca volante", l'autrice de "Il treno dei bambini" Viola Ardone, l'attrice Dora Romano (interprete fra l'altro de "L'amica geniale" e "Sulla mia pelle"), il fotografo Nuccio Zicari che ha mostrato online alcune sue foto della mostra "Umanità senza confini", i musicisti Giacomo Lariccia (che lavora e compone a Bruxelles), Manuele Marchetti (concorrente de The Voice Belgique) e Carlo Belmondo che ha parlato ai ragazzi della sicurezza stradale tema del suo ultimo singolo, Fernando Muraca autore dell'esperimento social riportato nel libro "Liberamente Veronica", Eugenia Bonino Miss Italia 1954, il dott. Paolo Grossi, direttore dell'Istituto italiano di cultura di Bruxelles e Marco Mongillo della Ferrero che ha risposto sulla Nutella. Hanno parlato coi ragazzi anche il direttore aggiunto delle secondarie, l'irlandese Peter Garry e la direttrice Micheline Sciberras, maltese: entrambi parlano un ottimo italiano.
Per alcuni incontri sono state coinvolte anche altre scuole europee con il progetto InterNETional che tramite la piattaforma Teams ha permesso la partecipazione di Bruxelles I, II e IV, Monaco di Baviera, Francoforte, Lussemburgo I e II, Bergen, L'Aja, Parigi-La Défense, Culham, Brindisi-Liceo Fermi Monticelli.
Inoltre, altri personaggi italiani hanno inviato in video o audio un breve saluto agli studenti di Italiano di Ixelles.
Eccoli:
L'ambasciatore Vincenzo Grassi.
Lorella Cuccarini.
Il baritono Nicola Alaimo e il tenore Antonio Poli.
L'imprenditore Riccardo Illy