lunedì 18 febbraio 2019

Berlinale, l'addio di Dieter Kosslick dopo un festival di successo

Il 69° Berlin International Film Festival è giunto a una conclusione positiva.
Il 17 febbraio - "Berlinale Publikumstag" - i frequentatori di film si sono riversati nei cinema un'ultima volta per provare i momenti salienti delle diverse sezioni del festival di quest'anno. Con 335.000 biglietti venduti e il suo programma di ampio respiro, la Berlinale è stata di nuovo un successo per il pubblico e culminata magnificamente nella cerimonia di premiazione al Palast di Berlino il 16 febbraio.
Durante l'emozionante Closing Gala, il film di Nadav Lapid Synonymes (Sinonimi) è stato premiato con l'Orso d'oro per il miglior film. Durante i dieci giorni del festival, l'Orso d'oro onorario è stato assegnato all'attrice Charlotte Rampling, e Berlinale Cameras alla regista Agnès Varda, alla produttrice Sandra Schulberg, al regista Herrmann Zschoche e alla guida storica di Panorama Wieland Speck.
Con la Berlinale 2019, Dieter Kosslick ha salutato definitivamente il festival dopo 18 anni come direttore. Per riassumere i risultati del suo mandato: sono stati venduti quasi cinque milioni di biglietti; circa 7000 film proiettati nel programma; e sono stati assegnati 164 orsi.
Dal 2002 al 201 Dieter Kosslick ha continuato a sviluppare ulteriormente la Berlinale e l'European Film Market (EFM).
Le numerose innovazioni di Dieter Kosslick includono: la creazione della sezione Perspektive Deutsches Kino, la Berlinale Special con la Berlinale Series e le presentazioni speciali Culinary Cinema, Berlinale Goes Kiez e NATIVe. Ha inoltre lanciato nuove iniziative, come Berlinale Talents, il World Cinema Fund e il mercato della coproduzione della Berlinale.
Sotto la direzione di Dieter Kosslick, la Berlinale si è affermata come la più grande festa del pubblico del mondo e ha affinato il suo profilo e la posizione socialmente critica. Durante questo processo, il festival è cresciuto e si è aperto a nuovi gruppi target. Nel 2019, il programma ha attirato circa 22.000 professionisti accreditati provenienti da 135 paesi.
E, come sempre, l'arte cinematografica è stata presentata in molte sfaccettature, formati e generi. Si sono svolti vivaci dibattiti sul cinema, l'arte e l'industria.
Anche quest'anno l'European Film Market (EFM) ha registrato risultati positivi, con una grande affluenza di visitatori ed espositori nelle due sedi dell'EFM, il Gropius Bau e il Marriott Hotel. Oltre 550 espositori provenienti da 67 paesi - incluso per la prima volta l'Uzbekistan - si sono presentati a quasi 200 stand per i partecipanti provenienti da 111 paesi. Dei 730 film presentati in oltre 1.000 proiezioni  circa 600 hanno avuto anteprime di mercato. Numerose iniziative EFM orientate al futuro, come "EFM Horizon", sono state accolte molto bene dai visitatori. Il "Berlinale Africa Hub" ha fornito una piattaforma per la diversità del cinema africano. E lo Zoo Palast è stato costantemente imballato durante i "Drama Series Days". Qui sono stati forniti approfondimenti sui progetti attuali e futuri sul mercato delle serie internazionali, nonché sulle strategie e i piani dei più importanti partecipanti al mercato. Ricevuto con entusiasmo anche "Norway in Focus" con la sua "Norway House" appositamente costruita di fronte al Gropius Bau.
Con 1.500 incontri programmati individualmente, il mercato della coproduzione della Berlinale ha di nuovo sostenuto progetti cinematografici promettenti. Tre film presentati al Co-Production Market negli anni precedenti hanno debuttato nel programma Berlinale quest'anno.
Ambientato sullo sfondo degli attuali cambiamenti politici, il World Cinema Fund Day di quest'anno ruotava intorno alla situazione dell'industria cinematografica in Brasile. Un pannello aggiuntivo è stato dedicato al tema dell'audience building e del design. Si è concentrato sulle strategie con le quali i film potrebbero raggiungere i futuri spettatori e il possibile ruolo della WCF in questo processo. Sei film finanziati dalla WCF sono stati proiettati nel programma del festival di quest'anno.
Apertura, collaborazione e dialogo a parità di condizioni: a Berlinale Talents, personalità del film della Berlinale e delle giurie - come Charlotte Rampling, André Téchiné, David Lowery, James Schamus, Joanna Hogg, Guy Nattiv, Adina Pintilie e Roberto Saviano - incontrato per scambiare idee con 250 talenti e migliaia di visitatori. Soprattutto i Talenti di quest'anno, venuti da 77 paesi, erano entusiasti di poter trovare nuovi impulsi attraverso i confini per il loro lavoro, e quindi di far parte della vasta rete di Talenti di Berlino.
Sul tema dell'uguaglianza di genere, la Berlinale 2019, ha ampliato il suo sondaggio di valutazione - condotto dal 2004 - sulla distribuzione di genere nel programma di Berlino, e per la prima volta ha compilato un dossier completo. Durante la Berlinale, il direttore del festival Dieter Kosslick ha anche firmato l'impegno "5050x2020", un impegno a lavorare per l'uguaglianza di genere sia nel festival che nel mercato.
Il 70° Festival Internazionale del Cinema di Berlino si terrà dal 20 febbraio al 1° marzo 2020.