venerdì 15 febbraio 2019

Berlinale, Charlotte Rampling: Tutti i film che ho girato hanno una parola per me o dicono qualcosa su di me

di Emanuela Del Zompo - "Ho già un orso -dice Charlotte Rampling in conferenza stampa- che ho ricevuto nel 2015, ma si sentiva solo così sono venuta a ritirare qui a Berlino il secondo.

Nel corso della serata di premiazione è stato proiettato il film che vede la Rampling protagonista, il film "The Night Porter"  di Liliana Cavani del 1974.
Rampling interpreta in questo film,  una sopravvissuta al campo di concentramento, che in seguito riconosce uno dei suoi torturatori ed entra con lui in una relazione sadomasochista - un argomento molto controverso in quel periodo, che ha reso Rampling nota in tutta Europa.
Ho rapporto speciale con la Berlinale dice l attrice, sono stata qui diverse volte ho molti bei ricordi e mi sento felice ed apprezzata.
Inoltre, sente una particolare vicinanza alla Germania, ha spiegato Rampling, perché ha lavorato con molti artisti tedeschi. La Berlinale è più vicina a lei rispetto agli altri grandi festival , soprattutto perché ha un rapporto speciale con il capo della Berlinale Kosslick.
Rampling ricorda anche nel 2006 quando ha presieduto la giuria internazionale della Berlinale.
Tra i premi che ha ricevuto anche l'European Film Awards nel 2003 (per "Piscina") e quello stesso anno l'Orso d'argento 2015 -  come miglior attrice nel dramma coniugale "45 anni", che è stato anche nominato nel 2016 per un Oscar.
Nella sua carriera di oltre 50 anni, Rampling ha dato vita a oltre 100 personaggi diversi. Ma lei non ha una tecnica speciale per prepararsi per un ruolo, dice alla conferenza stampa di Berlino. Cerca solo di capire i personaggi, in modo che alla fine il ruolo e la propria persona fluiscano l'uno nell'altro.
Tutti i film che ho girato "hanno una parola per me o dicono qualcosa su di me". Ma i dieci film che sono stati mostrati alla Berlinale di quest'anno come un tributo, "mostrano a mio parere meglio che tipo di persona e che tipo di attrice io sono. Io vedo la mia carriera come una sorta di effetto collaterale e ho sempre voluto che questi film corrispondano al mio percorso, ai miei interessi, al viaggio della mia vita ".
"Per me, i ruoli sono come la complicità con me stessa, le cose hanno sempre funzionato bene per me e questo è probabilmente il motivo per cui ha funzionato bene anche per gli altri.
Foto di Pietro Coccia.