venerdì 29 giugno 2018

Musica, Gloria Zaccaria a Fattitaliani: "l'amore corrisposto e vero rende tutto possibile". L'intervista

Il primo album di Gloria Zaccaria si intitola “Una parte di me” e ha come oggetto principale l’amore. Un amore affrontato da diversi punti di vista che non si ferma ai luoghi comuni.
L’amore idealizzato o agognato, quello scaturito dalla vera amicizia, che ti porta a fare cose che non penseresti mai di poter realizzare nonostante le avversità che la vita ci impone. L’amore dei padri, a volte dato per scontato, altre volte non apprezzato fino in fondo e che spesso viene offuscato dalle tante storie di padri mancanti. L’amore per la nostra terra, maltrattata dall’umanità al pari di una donna vittima di violenza. L'intervista di Fattitaliani.
Un disco dedicato all'amore nelle sue molteplici declinazioni. Qual è - a tuo avviso - l'elemento principale che oggigiorno si rischia di non cogliere di questo sentimento?
Essendo il sentimento più soggettivo in assoluto, probabilmente non saremo mai in grado di descriverlo completamente. Possiamo solo dare il nostro contributo basato sulle esperienze che la vita ci ha posto di fronte e condividerlo attraverso la musica.
Com'è cambiata negli anni in te la concezione dell'amore?
Io personalmente ho capito che l'amore corrisposto e vero, che può essere quello passionale o quello di un'amicizia importante, può rendere tutto possibile. È grazie all’amore di coloro che mi circondano che è nato questo Ep.
Fra i brani c'è “Lui” scritto da Philippe Leon. Com'è nata la collaborazione con l'autore?
Grazie alla conoscenza comune di colui che è stato anche mio produttore, l'Avv. Domenico Latino. È un brano a cui tengo particolarmente perché è stato in grado di esprimere appieno la gioia che l'amore ha portato anche nella mia vita.
In "Polvere di sassi" canti l'amore per la Terra. Personalmente hai uno spirito ecologico? come lo metti in pratica?
Certamente, il mio spirito ecologico è nato sin dalla giovane età. Di mia spontanea volontà a 10 anni, chiesi alla mia famiglia di poter essere inserita in un corso di studi incentrato sull'ecologia e sul rispetto dell'ambiente. Ho partecipato ad iniziative di risanamento dei fiumi e di recupero rifiuti. Se posso spesso cerco di sfruttare la mia arte a scopi di beneficienza che sposino questi ideali.
"Eroi dimenticati" parla dei padri: perché "dimenticati"? in che senso? 
Dimenticati nel senso che spesso ci si dimentica che, in occasione di separazioni o divorzi, i padri come le madri, vengono allontanati dai propri figli e sono costretti a vederne la crescita con scadenze dettate dalla legge.
Sono padri che avevano sogni e speranze nei confronti della propria vita coniugale, disattesi poi dalla realtà.
Difficilmente manifestano la propria sofferenza ma è giusto e importante ricordare e rendere onore alla loro forza.
Tu che rapporto hai con tuo padre, se non sono indiscreto? ti sostiene nel tuo percorso artistico?
Io con mio padre ho un bellissimo rapporto. È un fermo sostenitore del mio sogno e mi sostiene sempre, nella carriera musicale come nella vita.
Il "Jack" della canzone esiste davvero?
Sì, esiste.
È un ragazzo di 14 anni che ho avuto il piacere di conoscere grazie all’autrice del brano, Luisa Piscitelli, e che ha ispirato questa canzone grazie alla sua grandissima gioia di vivere e solarità. Emozioni che trasmette a tutti coloro che lo circondano e che, di conseguenza, hanno contagiato anche noi.
Qual è la tua canzone d'amore preferita in assoluto?
No air di Jordin Sparks e Chris Brown

Come promuoverai l’ep?
È in allestimento un mini tour che si svolgerà nei mesi di luglio-agosto 2018. Giovanni Zambito.

BIO
Bresciana di Collebeato. A 12 anni comincia a coltivare la passione per la musica e avvia il suo percorso partecipando come voce solista al coro della scuola. A 19 anni intraprende un corso di studi presso l’Accademia Lizard di Brescia che frequenta per 3 anni partecipando nel contempo a diversi concorsi canori. Da gennaio 2014 studia tecnica e interpretazione musicale dei vari generi ma soprattutto nel pop, r&b e musica leggera. Ha partecipato a numerosi concorsi canori raggiungendo sempre un ottimo riscontro e risultato.
• “Cantatour” edizione 2011, 3 vittorie di tappa e 3^ classificata nella finalissima; 
• Finalista per due anni consecutivi al concorso di canto “Mai smettere di sognare” di Castegnato;
• Finalista regionale al concorso di canto “Premio Eleonora Lavore 2014”; 
• Finalista del “Premio Canzone Italiana 2014” di Sirmione e Vincitrice del Premio del Pubblico.
Nell’ agosto 2015 breve tour in alcuni locali degli Stati Uniti, in particolar modo a LosAngeles e dintorni dove ha presentato le cover di brani degli anni ‘70 e ‘80 rivisitati e reinterpretati nel suo personalissimo stile.
• 26 Ottobre 2015 ospite all’evento “La Vetrina dei Talenti” in Expo 2015; 
• 13 Febbraio 2016 ospite all’Open Theatre di Sanremo; 
• 19 Giugno 2016 protagonista della Festa della Musica organizzata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.
• 24 Settembre 2016 Concerto di beneficienza per le famiglie colpite dal terremoto di Amatrice in collaborazione con le “Alter Echo String Quartet” presso Gardaforum di Montichiari;
• 21 Ottobre 2016 vincitrice del i Premio Speciale della critica Mia Martini;
• Dicembre 2016 breve tour in Giappone per alcune date del suo spettacolo “Music Parade” omaggio alla musica internazionale degli anni ’80 da lei reinterpretati.

. 2° classificata Sanremo Music Contest 2018 tenutosi a Sanremo il 10 Febbraio 2018.