giovedì 17 agosto 2017

Barcellona, terrorismo: furgone contro i pedoni sulla Rambla

Un furgone è piombato su una folla di decine di cittadini e turisti lungo la Ramblas nel centro di Barcellona: tredici morti e tanti feriti.
Per primo il giornale catalano La Vaguardia e poi anche la polizia hanno parlato di attentato. Le forze dell'ordine hanno confermato su Twitter che ci sono numerosi feriti. Il mezzo ha cominciato ha correre lungo la Rambla de Canaletes, nella parte più vicina alla grande Plaça de Catalunya, all'altezza di Carrer Bonsuccés fino a raggiungere ilò mercato della Bouqueria.
Poi si sarebbe schiantato su uno dei chioschi che si trovano sul marciapiede che separa le corsie della Rambla destinate alle auto. Secondo alcuni testimoni, più persone armate sarebbero poi scese dal mezzo e fuggite a piedi e ora sarebbero asserragliati in un locale, un ristorante turco. Forse anche con ostaggi.
"Ci sono persone di diciotto nazionalità tra coloro che sono rimasti coinvolti nell'attentato", hanno riferito le autorità locali. Nell'elenco dei Paesi figura anche l'Italia, ma non viene precisato se gli italiani coinvolti siano morti o feriti. Tra le prime vittime identificate, tre turisti tedeschi e un cittadino belga. L'elenco completo delle nazionalità comprende anche quella Francia, Spagna, Olanda, Argentina, Venezuela, Australia, Ungheria, Perù, Irlanda, Grecia, Cuba, Macedonia, Cina, Romania, Algeria.
Con migliaia di italiani in questi giorni in Spagna la Farnesina fa sapere che "le verifiche sui connazionali sono ancora in corso". Attivato un numero d'emergenza per ottenere informazioni.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.