lunedì 5 giugno 2017

Paola Palma, “Una scrittrice al cinema”: la recensione di Fattitaliani. Conosciamo Sidonie-Gabrielle Colette

Paola Palma, “Una scrittrice al cinema”, Temi Ed., Trento, 2010. Recensione di Andrea Giostra.
Sidonie-Gabrielle Colette, nata a Saint-Sauveur-en-Puisaye il 28 gennaio 1873 e scomparsa a Parigi il 3 agosto 1954, fu una celebre scrittrice, giornalista, artista francese della prima metà del ‘900, che ai saggi, ai romanzi, agli articoli, alle rappresentazioni teatrali, alternò un vivace e sempre più coinvolgente interesse verso quella che sarebbe divenuta la settima arte.
Colette fu una delle prime intellettuali e la prima donna francese ad interessarsi al cinema in modo diretto e partecipato, nel senso che contribuì allo sviluppo della nuova arte con la stesura di diverse sceneggiature, di dialoghi, di sottotitoli. La collaborazione e l’interesse di Colette per “le immagini in movimento”, come venivano definite allora, iniziò quando ancora le pellicole erano realizzate in muto e in bianco e nero: agli albori della nuova arte cinematografica, la cui importanza e il cui sviluppo culturale, artistico ed intellettuale, sfuggiva alla gran parte degli artisti e delle persone di cultura di allora. Il cinematografo, nei primi anni del novecento, non era considerato una vera e propria arte, e veniva guardato con diffidenza e una forte dose di miope snobismo.
La levatura intellettuale, gli stimoli rivoluzionari delle sue opere e della sua vita, l’incidenza nella cultura francese di Colette vennero certificati dai più alti riconoscimenti pubblici di allora: Membro della Belgian Royal Academy (1935); Membro della Académie Goncourt (1945) della quale divenne Presidente nel 1949; Cavaliere nel 1920 e successivamente, nel 1953, Grand’Ufficiale della Legion d’Onore. Fu la prima donna della storia francese a ricevere funerali di Stato.
Paola Palma, con il suo interessantissimo lavoro, ripercorre le tappe di Colette nel mondo del cinema, ed in particolare, analizza e presenta al lettore di oggi i suoi scritti e le sue recensioni sulle opere cinematografiche. Sono oltre cinquanta i testi scritti da Colette sul cinema che vengono riletti da una prospettiva contemporanea e interessante proprio perché allora la vision di Colette fu rivoluzionaria, com’è oggi rivoluzionario e cangiante il pianeta dell’arte cinematografica, che si sta sviluppando in versioni al passo coi tempi dell’ Homo Technologicus, certificato, senza possibili sindacature, dalle più recenti indagini di mercato e ricerche scientifiche sul consumo della cultura cinematografica attuale che vede superare abbondantemente coloro che si nutrono di settima arte attraverso i canali streaming e pay TV (59%), da coloro che ne gustano la visione al cinema tradizionale oramai propria del secolo scorso (41%).
Evoluzione culturale darwiniana, quella del cinema, malgrado molti osservatori e critici cinematografici contemporanei cerchino di resistere al futuro della settima arte come al tempo di Colette gli stessi osservatori e gli stessi critici cercarono di resistere e di contrastare l’evoluzione di un’arte che avrebbe cambiato la storia della cultura occidentale prima e orientale poi.
È proprio questo l’approccio che il lettore dovrà avere nella lettura di questo saggio e delle opere di Colette: un approccio che traslato al XXI secolo ci fa comprendere come sono sempre gli stessi personaggi, conservatori del loro presunto sapere, nostalgici di un tempo divenuto oggi superato, a prodigarsi con tutte le loro forze perché l’evoluzione naturale di un’arte venga “conservata” all’interno dei loro canoni obsoleti e inquisitori, privi di una prospettiva intellettiva che li faccia proiettare in un futuro oramai dei giorni nostri, nel disperato tentativo di contrastare col loro ignudo dito uno tsunami evolutivo che non tiene certo in alcuna considerazione i geriatrici-eruditi del nostro tempo, come quello di Colette, preoccupati di proteggere il loro presunto potere intellettuale più che a comprendere ed accompagnare l’evoluzione di un fenomeno culturale qual è oggi sotto gli occhi di tutti coloro che vogliono vedere quello della settima arte. È vero che allora come oggi si sento e si leggono le stesse frasi rispetto allo sviluppo e ai nuovi canali di distribuzione di questa forma di conoscenza: populismo, bassa cultura, cultura non filtrata, prodotti artistici scadenti, etc…. Ma qui, oramai lo sanno tutti, siamo alle solite. Le nuove generazioni di adolescenti e di giovani adulti non mostrano alcun interesse nei confronti di coloro che portano avanti queste tesi; discorsi che, ahiloro, rimangono imprigionati in sterili gusci di prepotenza intellettuale che non trova alcun riscontro nella cultura contemporanea e delle generazioni dei ventenni e dei trentenni appassionati d’arte cinematografica.
Colette, nei primi anni del 1900, quando il cinema era una proiezione in successione di immagini fotografiche, e subito dopo pionieristici filmati in bianco e nero e senza sonoro, aveva ben intuito il potere culturale di quella che sarebbe diventata la più prestigiosa e la più complessa delle arti proprio perché le avrebbe accomunate e sintetizzate tutte in una: il cinema del XXI secolo. I primi scritti sul cinema di Colette, furono pubblicati nel 1914 quando il nuovo mezzo di espressione artistica cominciava a muoversi all’interno di una direzione culturale, espressiva e commerciale autonoma rispetto alle arti più di successo di allora. I primi vent’anni del ‘900 Parigi era unanimemente riconosciuta come la capitale mondiale del Teatro, e lo divenne anche del cinema europeo. L’humus culturale di Colette fu pertanto privilegiato e fortunato nel permetterle di entrare in contatto intellettuale ed artistico con i grandi mastri di allora, prima parigini poi statunitensi. È fu questo uno dei motivi principale perché nel 1914 a Parigi venne fondata la prima rivista europea intertenente dedicata al cinema: Le Film. Questo giornale diede ampio spazio ad approfondimenti e a confronti culturali tra i maggiori cineasti e cineamatori di allora, ed annoverò tra i suoi critici e scrittori i più importanti intellettuali francesi ed europei: André Heuzé, Henri Diamant-Berger, Jean Cocteau, Blaise Centrars, Max Jacob, Marcel L’Herbier, Georges-Michel Coissac, Armand Verhylle, e certamente Sidonie-Gabrielle Colette.
Bastano queste poche righe per incuriosire l’appassionato di cinematografia nel leggere questo interessantissimo saggio e studio basato sulla ricerca e sull’analisi di tantissimi scritti di Colette. Bastano queste poche parole per stimolare l’appassionato di cultura cinematografica nell’andare a sbirciare tra le righe del libro curato da Paola Palma come la storia ha corsi e ricorsi, e come l’ottusità intellettuale di moti eruditi ritorni prepotente come allora. Ma la storia si sa, non sono certo i mediocri nostalgici a farla, ma i temerari e i veri rivoluzionari come fu per i cinema al suo tempo Colette.
ANDREA GIOSTRA.
https://www.facebook.com/andrea.giostra.37  
https://www.facebook.com/andrea.giostra.31 
-
Per chi volesse sapere di più su Colette:
https://fr.wikipedia.org/wiki/Colette 
http://www.centre-colette.fr/ 
http://www.maisondecolette.fr/ 
https://www.britannica.com/biography/Colette 
https://en.wikipedia.org/wiki/Colette 

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.