venerdì 30 giugno 2017

Crema Jazz Art Festival, terza edizione dal 9 al 16 luglio "uno spaccato del jazz italiano"

Dopo la fortunata seconda edizione dell’anno scorso, il Crema Jazz  Art Festival torna a colorare di musica, emozioni, arte, amicizia le giornate dell’estate cremasca da domenica 9 a domenica 16 luglio.
L’energia della Civica Jazz Band, la classe del chitarrista Gaetano Valli, il cuore di un grande trombettista come Flavio Boltro, le acrobazie vocal Jazz di Daniela Spalletta feat. Urban Fabula, sono soltanto alcune delle alchimie musicali da cui il pubblico potrà farsi stregare nelle calde serate estive cremasche che ancora una volta il Direttore Artistico Giovanni Mazzarino, supportato dall’Associazione Non Solo Jazz, ha saputo comporre in collaborazione con il Comune di Crema, Reindustria, con il patrocinio del Consiglio della Regione Lombardia e grazie al supporto di un gruppo di sponsor e partner, alcuni dei quali impegnati nella manifestazione fin dalla prima edizione, come ad esempio il Caffè Verdi, il Jazz Club Ufficiale del Festival, o il B&B San Clemente, che per l'occasione apre alla città  il suo affascinante cortile ospitando un importante momento musicale. Tutti i concerti in programma e tutti gli eventi saranno a entrata libera e gratuita, fatto eccezionale soprattutto considerando l’alta qualità dei concerti in cartellone. Preciso obiettivo degli organizzatori è infatti quello di diffondere la cultura del Jazz, facendo avvicinare a questo meraviglioso mondo anche un pubblico nuovo e non esperto e facendo diventare Crema il salotto per ospitare questi incontri.  La  musica ispira i viaggi e le conoscenze: questo evento ha, fra le altre finalità, l’ambizione di fungere da volano per dare visibilità al territorio di Crema attraverso la musica Jazz, per spingere a visitare la prima volta, o magari a riscoprire, scorci, arte, tradizioni e gastronomia di questi luoghi così affascinanti, ma ancora troppo spesso tagliati fuori dai flussi turistici. Un marketing territoriale che pone fra le sue leve il Jazz dunque, uno tra gli eventi culturali principali del ‘900, nominato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

IL PROGRAMMA: UNO SPACCATO DEL JAZZ ITALIANO
Il programma è strutturato  come un viaggio nell’autentica qualità musicale in chiave Jazz, portata in scena da artisti che operosamente lavorano negli anni alla continua ricerca di una vera idea musicale, coltivando una poetica autentica, originale e sincera e confrontandosi sempre con musicisti di alto livello.  Artisti a cui, come comune denominatore, potremmo attribuire tre parole: talento, continuità e ispirazione.
Martedi 11 il Festival abiterà la suggestiva atmosfera del Cortile del B6B San Clemente (in via Crocifissa di Rosa) per un evento speciale dedicato a Jim Hall, uno dei più virtuosi ed influenti chitarristi jazz dell'era moderna. Protagonista sarà il chitarrista Gaetano Valli, che presenterà il suo nuovo album Hallways, un raffinato tributo a colui il quale è stato un vero e proprio Guru musicale e non solo per i chitarristi. Con lui  il trombettista triestino Flavio Davanzo,  il contrabbassista Alessandro Turchet, e il musicista croato Alijosa Jeric alla batteria. Il concerto verrà aperto da una conferenza del musicologo Maurizio Franco dedicato ad approfondire la figura di Hall. Da giovedi 13 cambio di scena: i concerti si spostano al Cremarena, sul cui palco salirà una grande orchestra tutta italiana, diretta da un autentico mito del nostro Jazz, Enrico Intra e popolata di eccellenti musicisti e solisti... Per il Crema Jazz Art festival l'Orchestra ha preparato un repertorio speciale: un concerto dedicato ai grandi compositori del Jazz Italiano. La performance sarà impreziosita dalla presenza di due ospiti speciali: la crooner dalla voce di velluto Alessandra Mirabella e Paolo Tomelleri, un vero portabandiera dei clarinettisti italiani!  Venerdi 14 sarà il giorno di Flavio Boltro, uno dei maggiori trombettisti italiani della scena contemporanea - accompagnato da Mauro Battisti al contrabbasso e Mattia Barbieri alla batteria, che proporrà un ricco repertorio di  brani originali che si ispirano non solo alla tradizione Jazz, ma anche ai mondi della musica rock ed elettronica. Una musica di grande fascino: le esperienze, le sonorità e i linguaggi musicali che appartengono ad ognuno di loro si fonderanno insieme con perfetta intesa e forza comunicativa. Sabato 15  l'atmosfera si trasformerà nuovamente, grazie al funambolismo vocale di Daniela Spalletta feat Urban Fabula, che con energia e passione porterà gli spettatori del Crema Jazz Art al centro di D - Birth, una nuova galassia di suoni, colori, visioni, coadiuvata da un trio di solidissimi musicisti quali Seby Burgio al pianoforte, Alberto Fidone al contrabbasso e Giuseppe Tringali alla batteria.  Il progetto è stato premiato nell’ambito di numerosi concorsi nazionali, fra cui Lucca Jazz Donna, Conad Jazz Contest, Multiculturita Europe Contest e altri. 


LA MOSTRA DEL FESTIVAL: EN CONFIANCE, JAZZ
Il magnifico manifesto di quest'anno, realizzato a partire da un artwork di Marialisa Leone dice molto sulla volontà dei curatori di fare dialogare fra loro i linguaggi dell'arte e della musica Jazz. Domenica 9 Luglio alle ore 18.30 in sala Agello del Centro Culturale Sant’Agostino il vernissage della sua personale "En Confiance, Jazz" sarà l'evento di apertura del Festival. Il tema principale della mostra (che resterà aperta fino al 23 Luglio) è nella trasformazione di pensieri e confidenze musicali dei jazzisti di ieri e di oggi in parole dipinte, sensazioni e suggestioni cromatiche su carta. Spiega l'artista: "Raccoglierò queste parole, le trascriverò sulle mie pagine, le suggestioni vocali  si trasformeranno in forme e colori nuovi, visioni ravvicinate che percorrono le vie sonore sotterranee e segrete diventando immagini”. Vera e propria estensione della mostra è il concerto di Lunedi 10 alle ore 21.00 al Caffè Verdi, un concerto-performance , insieme alla curatrice della mostra, la cantante Valentina Gramazio col suo quintetto.

I CONCERTI NEI CLUB
Il cartellone principale si arricchisce di altri 6 concerti di qualità programmati al Caffè Verdi, al Caffè del Museo e al Barcelona Cafè. Ce n’è davvero per tutti gli stili e per tutti i gusti… qualche assaggio: la chitarra funky di Gigi Cifarelli, Ana Flora e il suo sensualissimo Brasile, Ermanno Principe, versatile polistrumentista dalla voce che incanta, Il Jazz Made in Crema di Emiolia Jazz Quartet (con la cantante Marta Arpini), l’electric Trio di WA, Fabrizio Trullu in Trio. Sarà al Verdi anche la tradizionale Jam Session di fine Festival, sabato sera a partire dalle 22.30, dopo il concerto al CremArena.

LA CHIUSURA CON PIANIPARALLELI: UN CONCERTO... AL CINEMA 
Il saluto finale del Festival viene affidato quest'anno proprio alla musica del suo Direttore Artistico, Giovanni Mazzarino e agli spettacolari piani-sequenza del regista Gianni Di Capua, nel  film-concerto PIANIPARALLELI con una proiezione speciale in Sala Cremonesi (aria condizionata) alle ore 21.00 di domenica 16 Luglio. La pellicola, che giunge a Crema come tappa di un lungo film tour cominciato in aprile a Roma, celebra i 30 anni di carriera del  compositore e pianista siciliano, documentando la lunga seduta di registrazione e il successivo concerto a porte chiuse all’interno della Fazioli Concert Hall, insieme a musicisti che proprio non hanno bisogno di presentazioni: Steve Swallow, Adam Nussbaum, Fabrizio Bosso e l'Orchestra d'Archi Arrigoni, diretta da Paolo Silvestri.

IL FESTIVAL… ONLINE
Le formazioni complete dei gruppi, le informazioni sugli artisti e i concerti,  gli orari e ogni dettaglio relativo al Crema Jazz Art Festival 2017 sono consultabili come sempre sul website www.cremajazzart.it  Attiva anche la pagina facebook Crema Jazz Art Festival,  da seguire tutti i giorni per non perdere news, contributi audio e video e tante curiosità sul Jazz… quello vero!


CREMA JAZZ ART FESTIVAL dal 9 al 16 Luglio a Crema
Tutti gli spettacoli a Ingresso Libero

1 commento:

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.