martedì 2 maggio 2017

Teatro Agorà, dal 4 al 5 maggio “Antigone-Il diritto di dire No” della Compagnia Morlock

Dal al 7 Maggio 2017 andrà in scena al Teatro Agorà “Antigone-Il diritto di dire No” della Compagnia Morlock, al loro quarto spettacolo.

La storia di Antigone è nota: la giovane figlia di Edipo decide di dare sepoltura al fratello Polinice contravvenendo l'ordine del re Creonte, suo zio. 
Polinice aveva tentato, con un colpo di stato, di sottrarre il trono di Tebe al fratello Eteocle, al quale era stato associato al potere. I due fratelli nemici si erano uccisi nella guerra civile. Creonte, non perdonando a Polinice di aver portato con sé principi stranieri, rischiando di far capitolare Tebe in mano nemica, lo dichiara un traditore; per questo il corpo di Eteocle sarà celebrato con tutti gli onori funebri, mentre il cadavere di Polinice sarà lasciato senza sepoltura. Chiunque osasse contravvenire a tale editto pagherebbe con la vita. Tuttavia Antigone, che prova pietà ed amore fraterno, decide di contravvenire alla volontà del re per seguire le ragioni del cuore, finendo così per essere inevitabilmente condannata a morte.
In questa riscrittura del testo abbiamo provato ad immaginare la legge di Creonte, quindi la ragion di stato, come una grande ragnatela abitata da tutti i personaggi della tragedia. Essi sono legati dai fili di questa tela, che fanno capo a Creonte, e la abitano, creando così un ecosistema nel quale vivono in pace, solo sottostando alle sue leggi.
Antigone, invece, che percepisce questa ragnatela come una gabbia inaccettabile spezza il filo che la lega. Decide di ribellarsi, di dire di no al sistema, pur essendo consapevole che questo gesto comporterà la sua morte.
Creonte si ritrova a dover fronteggiare la scelta più difficile di tutta la sua vita da re: sacrificare l'amata nipote, fidanzata felice del suo stesso figlio, per la ragion di stato o trasgredire la propria legge, facendo così crollare la ragnatela sulla quale si fonda la stabilità e la sopravvivenza dell'intera Tebe.

Compagnia Morlock
 
La Compagnia Morlock viene fondata a Roma nel 2012, da Nicola De Santis e Jessica Cenciarelli. Nasce dalla passione per il genere noir, horror e fantastico, e si prefigge di portare in scena spettacoli che spazino dalla black comedy al dramma, ma che abbiano comunque in comune un elemento surreale, qualcosa che vada oltre "I confini della realtà". Per ogni progetto la compagnia ospita artisti o gruppi di artisti provenienti da altre esperienze creando così un gruppo di lavoro dinamico e di volta in volta adatto e più efficace alla realizzazione del singolo progetto di studio.
Il primo spettacolo portato in scena dalla compagnia Morlock è stato la black comedy "L'ultima Cena", che ha debuttato nel 2012 per poi essere replicato nel 2015 presso il teatro Casa delle Culture di Roma; questo stesso testo a gennaio 2017 è stato adattato da Rosaria D'Antonio in dialetto napoletano e portato in scena dalla compagnia "I meccanici della risata" con il titolo "L'ammazzacaffé". 
Ad aprile del 2015 Morlock ha portato in scena lo spettacolo "Ombre nel buio", una rassegna di quattro corti teatrali di genere horror. Poi, a dicembre del 2015, al teatro Antigone, è stata la volta di "ANNA", incentrato sul tema dello sdoppiamento di personalità, sulla lotta tra di chi siamo e chi vorremmo essere. Infine, nel 2016, sempre al teatro Antigone ha debuttato "Finché morte ci separi", black comedy ispirata al modello della commedia degli equivoci inglese.

 -Avviso ai Soci-


                                                                                                                                                    

Teatro Agorà 80
Via della Penitenza 33, Roma (Trastevere)
Sala B
Orari spettacoli: Venerdì e Sabato ore 21.00-Domenica ore 18.00
  Tessera associativa: 2 euro
Biglietti: Intero 13 euro | Ridotto 10 euro 
Per info e prenotazioni biglietti: Tel: 06 6874167- Email: info@teatroagora80.com 

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.