martedì 28 febbraio 2017

Teatro Vascello, FABRIZIO GIFUNI in scena dal 2 al 12 marzo

"Un viaggio di andata e ritorno. Le parole provenienti dai corpi dei loro autori si depositano sulle pagine di un libro all'unico scopo di essere trasmesse. Finchè un attore le stacca dalla dimensione orizzontale in cui occasionalmente si trovano per rimetterle in verticale, riportandole alla loro sede originale, facendosene nuovamente carico. Dal corpo dello scrittore al corpo di scena.
Dietro ogni rito c'è sempre un capro da sacrificare. Talvolta quel capro siamo noi. Ma con un po' di coraggio e molto divertimento si può giocare anche con il minotauro. Assumerne le fattezze, trovare il suo respiro, impararne il verso. Infanzia, desiderio, memoria, immaginazione. E il gioco è fatto".
In più di vent'anni il lavoro di Fabrizio Gifuni ha dato vita a un originale percorso culturale e creativo. Una pratica di lavoro che ha scommesso sulla centralità del corpo come principale strumento d'azione. Una ricerca caratterizzata da un'ostinato studio dei testi, dalla curiosità verso nuove forme di drammaturgia teatrale e da una dedizione nei confronti di una dimensione performativa totale. Due grandissimi esordi letterari italiani, il capolavoro esistenzialista del '900 francese, i racconti metafisici di due giganti della letteratura latino-americana. L'autore e il suo doppio è un breve compendio di alcuni dei suoi ultimi studi e spettacoli. Una riscrittura, attraverso il corpo, di testi letterari - importanti o dimenticati - pronti ad essere illuminati e condivisi secondo varie e inaspettate prospettive.

Scrive Emanuele Trevi: "Fabrizio si è impadronito di qualcosa di prezioso. Ha rubato a P.P.P. una potenza, una peculiarità della sua anima. Non un'idea, tutti sono buoni a impadronirsi di un'idea, ma una fonte di energia ancora intatta, ancora vibrante. (...) Io mi dico sempre una cosa, quando ammiro qualcuno, quando ammiro un particolare gesto artistico: questa persona, mi dico, sta procedendo sul filo di lana dell'incomprensibile. E che significa? Non lo so spiegare. Ma le parole sono quelle. Posso solo dire che per procedere su quel filo bisogna farsi più leggeri che si può. Così come l'essenza del santo è la trasformazione della carne in fuoco, quella dell'attore è la trasformazione della carne in fiato. E come la carne è la custodia dello spirito, così il fiato è il corpo della voce, la sua materia prima. Queste sono tutte trasmutazioni che discendono da un'alchimia complessa, lungamente meditata da Fabrizio. Perché la posta in gioco è alta: liberarsi definitivamente da quell'idea un po' stolida dell'attore che "recita" o "esegue" qualcosa che uno si leggerebbe molto più comodamente a casa. Creando al contrario, qualcosa che può esistere solo lì, in quel dato momento, un pomeriggio d'autunno a Londra e la prossima volta chissà dove." (da "Fabrizio Gifuni a Belgrave square", in Primo Autunno, Quodlibet editore, novembre 2015)

TEATRO VASCELLO EVENTO STRAORDINARIO
dal 2 al 12 marzo 2017 20 euro intero 15 euro ridotto over, 12 euro studenti under 26,prenotati subito a promozione@teatrovascello.it 065898031 - 065881021
FABRIZIO GIFUNI L'AUTORE E IL SUO DOPPIO
Camus, Pasolini, Testori, Cortázar, Bolaño
giovedì 2, venerdì 3, sabato 4, domenica 5 marzo
LO STRANIERO
un'intervista impossibile
(da L'Etranger di Albert Camus)
suono G.U.P. alcaro
ideazione e regia Roberta Lena
produzione il Circolo dei lettori di Torino

martedì 7 e mercoledì 8 marzo
Fabrizio Gifuni legge
RAGAZZI DI VITA
di Pier Paolo Pasolini
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti

giovedì 9 e venerdì 10 marzo
IL DIO DI ROSERIO
di Giovanni Testori,
studio sul primo capitolo
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti

sabato 11 e domenica 12 marzo
UN CERTO JULIO
omaggio a Julio Cortázar e Roberto Bolaño
Javier Girotto, sassofoni 
Fabrizio Gifuni in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti