lunedì 27 febbraio 2017

Ada Gentile, una primavera intensa e impegnativa per la compositrice abruzzese

ASCOLI PICENO - Finalmente va passando l’inverno, con il suo carico di freddo, neve e gelo. E quest’anno anche la terribile sequela di scosse telluriche che ha martoriato le Marche, il Lazio, l’Umbria e l’Abruzzo, continuando con l’implacabile sciame a tormentare le popolazioni colpite dal terremoto.
Ne ha sofferto e ne sta patendo anche la splendida città di Ascoli Piceno, dove da alcuni anni si è trasferita da Roma la compositrice Ada Gentile, nel “buen retiro” che le permette di vivere lontana dai parossismi della grande città, nell’incantevole quiete d’una città di provincia armoniosa d’architetture e ricca di storia, nonché di salde tradizioni musicali.
Un luogo d’elezione, dunque, che consente alla feconda musicista e compositrice d’origine abruzzese - è nata ad Avezzano, in provincia dell’Aquila - di dare libero corso al talento creativo e all’organizzazione di un festival di musica contemporanea prestigioso, “Nuovi Spazi Musicali”, da lei stessa fondato e diretto da oltre 37 anni. E’ vero, Ada soffre un po’ il freddo, come ci confessa, ma il disagio del clima esterno induce al tepore della casa e all’operosa preparazione dell’intenso programma di appuntamenti e di eventi musicali in giro per il mondo, che la buona stagione inaugura, tra conferenze, lectio magistralis nei conservatori e nelle università, incontri e concerti. E per assistere alle “prime” esecuzioni delle sue opere.

Ora, con l’incipiente arrivo della primavera, con i primi tepori e il risveglio della natura, già la compositrice si prepara a lasciare Ascoli per riprendere il ricco calendario d’iniziative che la vedono protagonista giramondo. Tanti gli incontri che quest’anno presentano la sua conferenza “Il linguaggio musicale di Ada Gentile nel panorama generale della musica italiana d’oggi”. Dunque una primavera molto impegnativa per la compositrice, invitata in diverse città e capitali europee. Il primo appuntamento il 7 marzo prossimo in Spagna, a Madrid, dove sarà ospite al Conservatorio Superiore di Musica su invito del Capo Dipartimento di Composizione, Teresa Catalan. 

Il 23 marzo sarà invece a Praga, nella Repubblica Ceca, dove è stata invitata all’Academy of Performing Arts dal Direttore del Dipartimento di Composizione, M° Hanus Barton. L’8 aprile a Ravenna, al Teatro Alighieri, sarà invece di scena il Gruppo da Camera “ROMA SINFONIETTA”, diretto dal M° Michele Reali, che terrà un concerto nell’ambito della stagione concertistica dell’Associazione Amici della Musica, eseguendo due brani della Gentile, “Ho scritto una canzone” e “Supplica a mia madre”. Quest’ultimo pezzo “Supplica a mia madre” si avvale di un testo di Pier Paolo Pasolini, che verrà declamato dall’attore Armando De Ceccon. Il programma del concerto comprende, inoltre, opere di Morricone, Bacalov e Copland. 

Il 18 aprile sarà in Serbia, a Belgrado, dove in mattinata, nella sala concerti dell’università, Ada Gentile terrà la conferenza per gli studenti del Dipartimento di Composizione. Alle ore 20, invece, in un concerto verranno eseguiti tre brani della compositrice - “Blue andante”, per fisarmonica, “Foglio d’album” per flauto e pianoforte, “Come un ricordo”, per pianoforte, violino e clarinetto - insieme ad altri brani di Autori serbi. Il 23 aprile, al Parco della Musica di Roma, verrà eseguito in Prima assoluta un brano della Gentile per gruppo da camera, dal titolo “Frammenti di luce”, nell’ambito del concerto “Omaggio ad Irma Ravinale”, docente di Composizione e per tanti anni direttore del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, scomparsa 4 anni fa. La conferenza sul linguaggio musicale di Ada Gentile verrà inoltre riproposta il 28 aprile al Conservatorio Duni di Matera e l’8 maggio in Portogallo, alla Escuela Superior de Musica di Lisbona, su invito del M° Carlos Marescos, direttore del Dipartimento di Composizione.

Torniamo infine al concerto per Irma Ravinale, al Parco della Musica di Roma, per dare qualche dettaglio d’un evento molto significativo sul piano culturale e musicale. Domenica 23 aprile, alle ore 18, alla Sala Petrassi si terrà appunto il concerto “Omaggio ad Irma Ravinale, organizzato dalla “Fondazione Adkins Chiti - Donne in Musica” nel quarto anniversario della sua scomparsa. Alcuni tra i più rappresentativi allievi della Ravinale - Ada Gentile, Marco Frisina, Mauro Cardi, Matteo D’Amico, Rosario Mirigliano, Edgar Alandia e Paolo Arcà - sono stati invitati per l’occasione a scrivere nuovi brani, che verranno eseguiti in Prima assoluta. 

Irma Ravinale (Napoli, 1 ottobre 1937 – Roma, 7 aprile 2013), musicista e compositrice, è stata Direttore del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli dal 1982 al 1989 e poi, per oltre 10 anni, del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. E’ stata inoltre nel Consiglio Accademico dell’Accademia di Santa Cecilia e, unico compositore italiano, ha ricevuto da Giorgio Napolitano il “Premio del Presidente della Repubblica”. Il Presidente emerito Giorgio Napolitano è stato invitato al concerto, insieme al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Ministro della Cultura Dario Franceschini, al Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e a Padre Federico Lombardi, Presidente della Fondazione Ratzinger. Il concerto verrà presentato dal M° Michele Dall’Ongaro, Presidente dell’Accademia di Santa Cecilia, e verrà registrato dalla Radio italiana (Radio 3 Rai) che lo manderà in onda anche nella rete europea e in filodiffusione. Le prenotazioni per il concerto e l’acquisto dei biglietti possono essere fatti anche on line sul sito del Parco della Musica, al prezzo speciale di 10 euro.

Ada Gentile è nata ad Avezzano (L’Aquila). Trasferitasi a Roma all’età di 15 anni, si è diplomata in pianoforte e poi in composizione al Conservatorio Santa Cecilia, frequentando successivamente il Corso di Perfezionamento in composizione tenuto presso l’Accademia Nazionale Santa Cecilia da Goffredo Petrassi. Si è affermata in vari Concorsi di composizione, nazionali ed internazionali – Gaudeamus 1986; SIMC Budapest 1988; Essen 1989 – e le sue opere sono state eseguite in luoghi prestigiosi come il Centre Pompidou di Parigi, il Lincoln Center di New York, il Teatro Real di Madrid, il Mozarteum di Salisburgo, l’Accademia Sibelius di Helsinki, la Rakmaninov Concert Hall di Mosca, il Sejong Center di Seoul, il Conservatorio Centrale di Pechino, il Gartner Platz Theater di Monaco, il Center of Performing Arts di Hong Kong, l’Art Institute di Chicago, il Teatro La Fenice di Venezia, l’Accademia di Santa Cecilia e il Parco della Musica di Roma ed altri. Ha tenuto conferenze sulla sua musica in tutto il mondo, come presso Julliard, Columbia University, Manhattan School of Music, Accademia Sibelius di Helsinki, Northwestern University di Chicago, Haverford College di Filadelfia, Wayne State University di Detroit, Accademia Liszt di Budapest, la Turm Halle di Copenaghen, la Sala Che Guevara a L’Avana. Ha scritto oltre 90 opere – edite per lo più da Ricordi, Raitrade e Sconfinarte – molte delle quali sono state incise su Cd dalla Ricordi, da Raitrade, dalla EDT, da Stradivarius, dalla Tirreno e dalla canadese Unmus. E’ stata Consigliere della Biennale di Venezia dal 1993 al ’97 e Direttore Artistico del Teatro Lirico “Ventidio Basso” di Ascoli Piceno, dal 1996 al ’99. Da ben 37 anni è Direttore Artistico del Festival di musica contemporanea “Nuovi Spazi Musicali”.
Goffredo Palmerini

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.