giovedì 8 dicembre 2016

SKUNK ANANSIE, USCITO IL VIDEO DEL NUOVO SINGOLO "VICTIM" dall'album “Anarchytecture”

Gli Skunk Anansie tornano con il video di “Victim”, traccia estratta dal loro ultimo album “Anarchytecture” (uscito in Italia per Carosello Records). Il video, diretto dal batterista della band, Mark Richardson, è online da oggi su VEVO:

“Il video di “Victim” consiste nell’analisi di un secondo in cui viene immaginata una vendetta; il secondo, però, si espande per tutta la durata della canzone. La nostra mente può farci impazzire quando veniamo traditi, presentandoci immagini di cose che potremmo fare per vendicarci” – commenta Mark. “La maggior parte delle volte si tratta di pensieri fugaci che vengono rapidamente dimenticati; ma nel video di “Victim” si fantastica di portare fino in fondo una di queste fantasie. Se siamo davvero il prodotto di ciò che facciamo e non di ciò che pensiamo, fino a che punto osiamo spingere il nostro limite? Solitamente ci soffermiamo e scegliamo di fare o dire la cosa giusta al momento giusto, ma a volte è difficile trattenersi dal fare qualcosa di cui sicuramente ci pentiremo”.
Nel video appaiono anche i vincitori della competizione “funeral extras”, provenienti da Francia, Regno Unito, Italia e Germania: Robert Healy, Elizabeth Chiappa, Amy Hawes, Severine Courol, Chris Thomas, Patrick Nau e Filippo Ferraro.
Gli Skunk Anansie porteranno il loro elettrizzante live show in 14 paesi all’inizio del prossimo anno, affermandosi così come una delle live band europee di maggior successo. La data italiana sarà il 28 gennaio al Mediolanum Forum di Assago.
27/01/2017 – Francia, Lione, Le Transbordeur

28/01/2017 – Italia, Milano, Mediolanum Forum
29/01/2017 – Svizzera, Ginevra, Thonex Live
31/01/2017 – Francia, Lille, L'Aéronef
02/02/2017 – Paesi Bassi, Amsterdam, Heineken Music Hall
03/02/2017 – Belgio, Antwerp, Lotto Arena
04/02/2017 – Regno Unito, Londra, O2 Academy Brixton
06/02/2017 – Francia, Parigi, Le Bataclan

07/02/2017 – Francia, Clermont-Ferrand, La Coopérative de Mai
09/02/2017 – Spagna, Pamplona, Zentral
10/02/2017 – Spagna, Madrid, La Riviera

11/02/2017 – Portogallo, Lisbona, Lisbon Coliseum
13/02/2017 – Spagna, Barcellona, Sala Razzmatazz
14/02/2017 – Francia, Tolosa, Le Bikini

16/02/2017 – Svizzera, Zurigo, Samsung Hall

17/02/2017 – Germania, Monaco, Muffathalle

18/02/2017 – Austria, Vienna, Arena

20/02/2017 – Polonia, Cracovia, Laznia Nowa SOLD OUT
21/02/2017 – Polonia, Varsavia, Klub Stodola

22/02/2017 – Polonia, Gdansk, B90
24/02/2017 – Polonia, Poznań, CK Zamek SOLD OUT
25/02/2017 – Germania, Berlino, Astra Kulturhaus SOLD OUT
26/02/2017 – Danimarca, Copenhagen, Store Vega
28/02/2017 – Svezia, Stoccolma, Cirkus

01/03/2017 – Norvegia, Oslo, Sentrum Scene

03/03/2017 – Germania, Amburgo, Docks

04/03/2017 – Germania, Colonia, Live Music Hall
Gli Skunk Anansie si sono formati nel 1994, e hanno pubblicato 6 album in studio: Paranoid and Sunburnt (1995), Stoosh(1996), Post Orgasmic Chill (1999), Wonderlustre (2010) e Black Traffic (2012); hanno anche pubblicato la compilationSmashes and Trashes (2009), il CD / DVD acustico An Acoustic Skunk Anansie – Live In London (2013), oltre ad una serie di singoli di successo quali CharityHedonismSelling JesusI Can Dream Weak. Sono diventati una delle più grandi rock band in Gran Bretagna ed Europa, vendendo oltre 5 milioni di dischi.
La band ha fatto il suo ritorno con il sesto album in studio uscito a gennaio di quest’anno, Anarchytecture. Una serie di inni alternative rock forti, d’impatto, accompagnati da riff intensi e caratterizzati da un fuoco che può bruciare solo nel cuore e nell’anima della cantante del gruppo, Skin.
In Anarchytecture ritroviamo la consueta composizione della band con Skin alla voce, Ace alle chitarre, Cass al basso e Mark Richardson alla batteria. L’album è stato prodotto da Tom Dalgety (Royal Blood, Killing Joke, Band Of Skulls) ai RAK Studios di Londra, e mixato da Dalgety Jeremy Wheatley.

#SkunkAnansie

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.