domenica 11 dicembre 2016

Cinema, “Fantastic Beasts and Where to Find Them” di David Yates con un cast di altissimo livello. La recensione di Fattitaliani

Joanne Kathleen Rowling scrive un'altra bellissima storia fantastica. dove la magia è padrona, come già nell'immortale serie cinematografica di Harry Potter, il cui primo libro, “Harry Potter e la pietra filosofale”, dopo varie e note disavventure editoriali, venne pubblicato nel 1997 in Gran Bretagna, con le sole iniziali della scrittrice, J.K.Rowling, perché il suo primo editore inglese ritenne che un libro fantastico scritto da una donna non sarebbe mai stato letto dai ragazzi!
Nel 1998 la nota casa editrice statunitense “Scholastic Press” acquista i diritti d'autore di “Harry Potter e la pietra filosofare”, che pubblica nello stesso anno. Dopo dopo pochi mesi il Romanzo Fantastico diventa un Best Seller con un successo di vendite straordinario e planetario, e con milioni di lettori che non aspettano altro che il prossimo capitolo! Quello che accade da allora ai giorni nostri e Storia letteraria e cinematografica arcinota a tutti!
Oggi, nel 2016, esattamente venti anni dopo il suo primo romanzo di successo, Joanne Kathleen Rowling sfida se stessa con un'altra saga editoriale prima, e cinematografica poi, legata al mondo della magia. Una saga che vuole essere un nuovo stimolo per la scrittrice J.K.R., ma al contempo, una prospettiva alternativa e diversa da quella che l'ha resa stra-famosa a livello planetario con H.P.. Se di sfida con se stessa si è trattato, questa sfida è stata vinta alla grande perché il Film è fantastico, è coinvolgente, è empatico, è colmo di buoni sentimenti, così come di personaggi sentimentali e buoni d'animo, e di personaggi cattivi, senza scrupoli e assetati di potere e di controllo delle masse: insomma, tutto quello che accade nella realtà quotidiana e che spesso noi “babbani” non abbiamo occhi per vedere.
La regia è affidata all'espertissimo e collaudatissimo David Yates che ha diretto gli ultimi quattro H.P.. La sceneggiatura, per la prima volta nella sua storia di scrittrice, è redatta dalla stessa autrice, Joanne Kathleen Rowling, ed anche questa è una sfida stra-vinta con se stessa. Il Cast è di altissimo livello e tra tutti spicca l'eccellente Colin Farrel, bravissimo nella parte del cattivo di turno, insieme al giovane e talentuoso Eddie Redmayne che vedremo per almeno altri cinque capitoli. Eccellenti le musiche di James Newton Howard che sanno dare ritmo e intensità al racconto che si ben concilia con l'ottima scenografia di Stuart Craig; così come gli straordinari effetti speciali affidati a tre Grandi del genere: David Watkins, Tim Burke e Christian Manz. Non c'è alcun dubbio che la squadra è vincente e sicuramente non si cambierà per i prossimi capitoli della saga fantastica, che vedrà la partecipazione di altri mostri sacri hollywoodiani.
Il Film, così come il Romanzo, ambientano nell'ancora povera New York di fine anni '20, narra la storia del giovane mazigoologo Newt Scamander, interpretato da Eddie Redmayne, che si reca dall'Inghilterra nella Grande Mela per salvare tutti i fantastici animali che ha recuperato in giro per il mondo intero, per proteggerli, allevarli, nutrirli, e soprattutto per insegnare agli altri maghi come lui, come salvaguardare queste specie magiche che rischierebbero altrimenti di estinguersi, oppure, di essere scambiati per animali pericolosi quali non sono affatto!
Chi vuole ostinatamente stabilire un piano di confronto con Harry Potter non può che fare un errore metodo-logico e logico imperdonabile: sono due cose diverse e non possiamo ostinarci a confrontarli: sarebbe come chiedersi se è più buona una pera o una banana! E purtroppo, leggendo alcune recensioni di critici-cinematografici, o presunti tali, questa ostinazione non sono riusciti a trattenerla: è stata più forte della loro logica e della loro ragione!
Il Film va visto per quello che è! E va vissuto immergendosi nella sua narrazione con la mente libera e disposta a lasciarsi trascinare e talvolta anche a lasciarsi travolgere dalla storia! Solo con questo approccio si può gustare pienamente l'ottimo Film diretto da David Yates. Insomma è un bel Film, e soprattutto per chi ama il genere fantastico è un Film da vedere assolutamente, così come dovranno essere visti gli altri capitoli della serie!
Entrare in sala e infilarsi gli occhiali del pregiudizio e della presunzione per trovare il pelo nell'uovo e ostinarsi a “scoprire” dove c'è qualcosa di simile ad H.P., e dove invece la storia è originale, è un errore talmente banale che solo i dilettanti che si credono professionisti possono commettere!
Il finale è come i racconti della nonna: da sognatori che hanno ascoltato ipnotizzati le parole tremule ma decise del racconto, e termina con una scritta immaginaria che compare alla fine dello schermo che è quella che concludeva tutte le belle storie raccontate a voce: «E vissero tutti felici e contenti!». Andrea Giostra.