mercoledì 14 dicembre 2016

Chiesa de “La Martorana” di Palermo: “Presentazione Catalogo BIAS 2016”, creazione, ideazione e direzione artistica Rosa Mundi

A Palermo, la stupenda Chiesa di “Santa Maria dell’Ammiraglio” è comunemente nota come “La Martorana”, incantevole Chiesa in stile barocco sita nel pieno centro storico di Palermo, a due passi dal famosissimo mercato-quartiere di Ballarò, fondata nel 1143 per volontà del Grande Ammiraglio Giorgio d’Antiochia, siriaco di fede ortodossa, al servizio di Re Ruggero II.
La Martorana” fu costruita da artisti orientali secondo il gusto bizantino; anche se nel 1740 Nicolò Palma progettò un nuovo prospetto secondo il gusto architettonico dell’epoca che era quello barocco. Oggi “La Martorana”, dopo la parziale distruzione dovuta ad un bombardamento durante la Grande Guerra, e la sua totale ricostruzione post-bellica, rappresenta una delle Chiese più belle ed interessanti di Palermo, sia dal punto di vista architettonico, che da quello storico-culturale-religioso. Nel 2015 è stata riconosciuta Patrimonio dell’UNESCO nell’ambito dell’itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale.
Chiesa della Martorana
È all’interno di questa straordinaria cornice, ricca di storia religiosa e culturale, che ieri, 13 dicembre 2016, alle ore 18:00 è stato presentato al pubblico il bellissimo e per certi versi quasi trascendentale “Catalogo BIAS 2016”. La presentazione è stata impreziosita da uno spettacolare e trascinate Concerto diretto dalla cantautrice palermitana Lucina Lanzara, nota alle cronache musicali italiane perché il 9 settembre scorso fu selezionata dal Club Tenco quale candidata al premio Tenco 2015 categoria “disco di interprete”, e da Giorgio Ferrara, musicista e direttore d’orchestra palermitano.
La Cattedrale di Palermo
La componente musicale della Presentazione ha visto realizzarsi un vero e proprio spettacolo musicale di altissimo livello, originale, coinvolgente, brillante, singolare e fortemente antropologico, inteso in una accezione musicale che ha visto quasi tutti gli artisti che si sono esibiti esprimere un forte approccio d’arte impregnato di cultura palermitana, e se vogliamo siciliana. I protagonisti sono stati: Athena’s Voices (coro di voci bianche); Alessandro Sanfilippo (tastiera) ; Heloise Bernard de la Gatinais e Alessandra Fenech (Duetto al violino) ; Maurizio D’Amico (chitarra) ; SHQIPONJAT (Coro Polifonico di Piana degli Albanesi) ; Giorgio Ferrara (Direttore) ; con la partecipazione straordinaria di Mario Bajardi (violino) e Lucina Lanzara (voce e chitarra).
Santa Rosalia
All’Evento erano presenti le massime autorità culturali e politiche della città e dell’isola: l’Assessore Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana Prof. Avv. Carlo Vermiglio, il Prefetto Dr.ssa Antonella De Miro, il Sindaco di Palermo Prof. Avv. Leoluca Orlando, la Soprintendente Dott.ssa Maria Elena Volpes, la Direttrice Polo Museale Dr.ssa Valeria Li Vigni, l’Arch. Lina Bellanca, il Vicario Generale Arcivescovo S.E. Giuseppe Oliveri, S.E. Monsignore Giorgio Demetrio Gallaro Vescovo dell’Eparchia di Piana degli Albanesi, il Vicario Generale dell’Eparchia di Piana Degli Albanesi Papàs Antonino Paratore, il Presidente WISH e Curatrice BIAS Avv. Chiara Modìca Donà dalle Rose, la Co-curatrice del Catalogo Dott.ssa Modesta Di Paola.
Il Catalogo è frutto dell’interessantissimo lavoro che ha prodotto la Biennale Internazionale di Arte Sacra 2016 (B.I.A.S.), ideata e diretta dall'Artista Rosa Mundi, con l'unisona partecipazione della famosa mecenate ed appassionata d'Arte, Avvocato Chiara Modìca Donà dalle Rose, inaugurata prima a Venezia il 23 maggio 2016; e poi a Palermo il 23 settembre 2016 nella splendida Cattedrale di Palermo.
Chiesa San Giovanni degli Eremiti
A tal proposito, forse non tutti sanno che la bellissima Cattedrale di Palermo, uno dei monumenti simbolo della città, ha un nome lungo ed assai significato: “Cattedrale Metropolitana Primiziale della Santa Vergine Maria Assunta”, e per i palermitani, dal momento della sua costruzione, ha sempre avuto un significato religioso e culturale molto ma molto importante. Il 3 luglio 2015 la Cattedrale di Palermo è stata inserita dall'UNESCO quale Patrimonio dell'Umanità per la sua bellezza, architettura, grandiosità e maestosità. Anche se la Cattedrale di Palermo è dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta in Cielo, la Patrona della città di Palermo è Santa Rosalia, alla quale è stata dedicata la cappella meridionale che si trova nell'abside minore del transetto destro della Cattedrale. La venerazione, il culto, e la profonda preghiera che i credenti di Palermo dedicano da sempre alla Vergine Maria è radicato nella cultura dei palermitani e nella loro storia. Pochi sapranno che questo legame con la Vergine Maria ha origini antichissime che si possono individuare nel passaggio in Sicilia, e a Palermo in particolare, dell'Opera di evangelizzazione degli Apostoli San Pietro e San Paolo, quindi risalente ad oltre duemila anni fa!
All’interno di questo preziosissimo contesto ha inizio la storia dell’Evento BIAS 2016, che ha lo scopo di valorizzare e contribuire alla giusta conoscenza di tutte le religioni monoteiste e non, del pianeta. Che l’idea dell’Evento sia partito da Palermo ha un significato preciso e ragionato, è non è certo casuale!
La Sicilia è da sempre stata al centro della cultura religiosa di tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, e quindi da sempre è stata crocevia di scambi commerciali, culturali, politici, economici, ma soprattutto religiosi, perché la religione nei millenni che hanno caratterizzato la natura della Sicilia, ha avuto un'importanza sempre superiore a tutti gli altri saperi-culturali che l'uomo di allora potesse coltivare: la dialettica e i confronti religiosi e culturali, rispetto alla fede nelle differenti religioni che sono state ospitate pacificamente in Sicilia, che hanno lasciato tracce indelebili e visibili, sia da un punto di vista artistico, che architettonico, che culturale, che ovviamente religioso e di tradizioni di culto contaminate positivamente da tutte le religioni che la Sicilia ha saputo accogliere e ospitare nei millenni della sua lunghissima storia.
Il 24 settembre 2016, all'interno di “Palazzo Belmonte Riso”, si celebrò in Sicilia il vernissage, in presenza del Presidente della Regione On. Rosario Crocetta, dell'Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana Carlo Vermiglio, della Direttrice del Polo Museo Regionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, Valeria Patrizia Li Vigni, del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dell'Assessore del Comune di Palermo alla Cultura Andrea Cusumano.
L’Organizzazione ed il Programma hanno visto diversi eventi, che sono stati poi ripetuti durante la Mostra Itinerante che ha toccato prima Venezia, in sovrapposizione al periodo della biennale d’Arte Contemporanea, dal 23 maggio al 23 giugno 2016; poi Palermo, dal 23 settembre al 30 ottobre 2016, ed ha visto quali location ben 21 luoghi di antica tradizione del centro storico di Palermo, di proprietà della Regione Siciliana, dell’Arcidiocesi, del FEC (Fondo Edifici di Culto), del Comune di Palermo e di tanti privati che hanno messo a disposizione della BIAS i loro palazzi nobiliari del centro storico di Palermo.
L’organizzazione e la programmazione della B.I.A.S., sia a Venezia che a Palermo, ha creato una sorta di Museo diffuso en plein air nel centro storico delle due bellissime città italiane. L'idea estetica è stata quella di trasmettere una visione artistica-antropologica-filosofica delle religioni, che ha sempre posto l’individuo e l’universo al centro della sua ricerca e della riflessione laboratoriale artistica.
I singoli padiglioni hanno visto esposti i preziosi reperti religiosi dei seguenti culti/credenze: Ebraico | Cristiano | Islamico | Induista | Buddista | Atea | Religioni perdute| Filosofico | Darwiniana scientifica |.
L’Evento religioso-culturale si è caratterizzato per la presenza massiccia di un grandissimo numero di artisti provenienti da tutto il mondo, e che oggi, con le loro opere, hanno fortemente contribuito alla realizzazione di un Catalogo unico nel suo genere. Durante l’Evento hanno espresso la loro Arte, nelle vari forme espressive, i seguenti artisti: Abdallah Khaled, Accardi Carla, Aiello Libera, Albiati Gian Marco, Arman, Batory Eric, Barbara Sergio, Barni Roberto, Barraso Pietra, Basseri Bizhan, Bernardini Lorenzo, Berson Philippe, Biasi Olimpia, Boetti Alighiero, Bonaldi Giovanni, Bordonaro Lorenzo, Bonelli Federico, Bottari Lorenzo Maria, Bubacco Michele (Venezia, Vienna), Burchan, Buset Vittorio, Cammarata Barbara, Canova Dario, Carruba Pintaldi Angela, Chiaramonte Giovanni, Chiaromonte Bordonaro Roberto, Cichero Aldo, Corte Vito, Cossyro Michele, Dal Bianco Giuseppe, Dalla Venezia Davide, De Vittori Reizel Raphael, Di Gangi Claudia, Di Luca Daniele, De Sambuy Filippo, EVPS, Favitta Sebastiano, Ferrandini Silvia, Ferrone Vincenzo, Ferrone Fabio Viola, Fteita Leila, Lanzara Lucina, Latteur Corinne, Leone Rossella, Leto Alfonso, Levy Gabriele, Levi Riccardo, Lo Cascio Giorgio, Kantos Andrea, Kassari Mireille, Hassoun Alì, Janic Edoardo, Jeanclos Geroges, Iorio Silvia, Isgrò Emilio, Gallo Giuseppe, Mahdaoui Nja, Malherbe Marie, Mark Art, Mirzakaani Leila, Mr Richicchi, Muratore Vincenzo, Nespolo Ugo, Panno Laura, Pasini Carlo, Porta Marco, Pucci Nicola, Ravà Tobia, Recalcati Antonio, Ricci Stefania, Rigoni Giulio, Rizzo Fiorella, Rosa Mundi (Il Letto di Dio, 2016, Museo Riso), Rosa Mundi (Foresta Abramitica, Graffite su tela, istallazione 2013), Rosa Mundi (Palmyra, Padiglione Religioni perdute), Ros Sonia, Sandro Sanna, Schreiber Daniel, Scuderi Silvia, Seregni Danilo, Spagnoli Gabardi Chiara Isabella, Simon Bruno, Stefanetti Lucia, Stefanutto Giovanni, Gerstein David, Sucrum Ensemble, Vadala Maria Felice, Zanghi William.
Andrea Giostra

A seguire, per chi volesse approfondire l’Evento “Biennale Internazionale di Arte Sacra 2016”, la sua genesi, l’idea di fondo, la sua progettazione, i risultati raggiunti, e volesse apprezzare e ammirare tutte le foto o i demo-promozionali realizzati, può consultare i seguenti link:
Official Web-Site:
Official “WISH” Web-Site 1:
Official “WISH” Web-Site 2:

I lettori che volessero conoscere l'autore della Recensione, Andrea Giostra, possono consultare la sua “Official Facebook Page:


3 commenti:

  1. Ieri è stato un momento magico ed oggi, con il senno del poi, penso che tutti dovrebbero studiare le formiche. Esse hanno una sorprendente filosofia: non si arrendono mai, guardano avanti, sono positive e fanno tutto quello che è in loro potere... come portare una mollica sette volte più grande di loro per la "loro" collina..perché il pensiero positivo vede l’invisibile, sente l’intangibile e realizza l’impossibile. Anche perché, come diceva Romano Battaglia, bisogna contare i fiori del nostro giardino, mai le foglie che cadono.
    in verità vi dico che
    il pessimista vede solo il lato scuro delle nuvole, e si dispera e si blocca;
    il filosofo generalmente vede entrambi i lati e se ne infischia;
    l'ottimista non vede neanche le nuvole… perché cammina su di esse.
    e la Martorana ieri era una immensa grande leggera nuvola dove noi tutti abbiamo per un attimo immaginato di camminare

    RispondiElimina
  2. questo articolo così approfondito e denso di attenta osservazione dell'intero iter della BIAS evidenzia una grande professionalità in chi lo ha scritto per come ha trattato l'argomento e la ricerca storica che in occasione della sua stesura ha evidenziato promuovere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento, Chiara Donà dalle Rose, ma ho scritto quello che ho visto e quello che mi ha ispirato! Tutto il bellissimo lavoro è frutto della tua idea e direzione, e della tua squadra di lavoro, con artisti straordinari e unici! Alla prossima allora...

      Elimina

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.