martedì 8 novembre 2016

Teatro Le Sedie, 11/13 novembre "Di chi è la terra?" di e con Daniela Giordano e Danila Massimi

Non tutto ciò che pensiamo cibo, viene coltivato per soddisfare i bisogni alimentari del pianeta. Grani e cereali sono diventati flex crops, vale a dire flessibili all’utilizzo per fini diversi da quello alimentare. Il branorap originale, DI CHI E’ LA TERRA?, in scena dall'11 al 13 novembre al Teatro le Sedie è il filo conduttore della storia, nella quale si affacciano i protagonisti, alimenti e cose, che danno voce alle loro problematiche, proponendo il loro spiazzante e surreale punto di vista. Lo spettacolo è inserito all'interno del progetto Trittico di e con Daniela Giordano e Danila Massimi che già la scorsa settimana hanno dato vita a Chiamarla V e la prossima settimana porteranno in scena Pane e Coraggio.


La green economy necessita di grandi aree per coltivare cereali e vegetali destinati a biocarburanti e bioplastiche, generando un fenomeno chiamato land grabbing, accaparramento delle terre, che nega i diritti di sopravvivenza e di utilizzo alle popolazioni che ci vivono da sempre. L’Africa è uno dei paesi maggiormente coinvolti dal fenomeno del land grabbing. Appropriazione delle terre, perdita di identità dei cibi, perdita di diritti delle popolazioni che abitano le terre diventate grandi piantagioni di cereali per biomassa e biocarburanti, impoverimento, fame. Tutti rispondono alla domanda: di chi è la terra? Di chi la abita o di chi la governa? Ne parlano: Chicco di grano, Pannocchia e Sacchetto.


Di chi è la terra?

Daniela Giordano e Danila MassimiTeatro Le SedieDall'11 al 13 novembre 2016Ore 21, domenica ore 18Ingresso: € 10 intero; € 8 ridotto

info e prenotazioni: segreteria@teatrolesedie.it – 3201949821