mercoledì 26 ottobre 2016

Kaos 2016, Premio “gesti e parole di legalità” ad Attilio Bolzoni. L'intervista di Fattitaliani: il giornalista è un mestiere bellissimo, ma faticoso, da ostinati


Attilio Bolzoni è una firma del giornalismo italiano che ha seguito e segue uno spaccato fondamentale per comprendere politiche e logiche di potere di questo Paese: le guerre di mafia. Un periodo che ha mutato forme, ma che oltre alla naturale e sacrosanta onda emotiva, ha creato i presupposti per la nascita di movimenti antimafia con basi diverse: regolati su principi come l’economia e il territorio.

Su quegli anni Bolzoni ha scritto, seguito, parola dopo parola, rendendo conto ai lettori dalle colonne del quotidiano Repubblica.
È stato inviato in Iraq. Ha scritto libri, subito processi, è stato, come si suol dire, in prima linea.
Quest’anno verrà insignito, nell’ambito della manifestazione itinerante Kaos – il festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana – del premio “gesti e parole di legalità”. Insieme a lui il magistrato Alfonso Giordano.
Abbiamo incontrato Attilio Bolzoni, per chiedergli alcune impressioni.
Qual è secondo te il senso dei premi adesso, come gesti e parole di legalità?
Premetto: la parola legalità mi fa venire i brividi. In Italia hanno fatto carne di porco in nome della legalità. In Sicilia hanno fatto scempio. Ma detto questo nel caso del premio non bisogna essere superbi. Bisogna andare e ricambiare l’affetto e il riconoscimento. 
Il premio verrà ritirato a Racalmuto, dove è nato e vissuto Leonardo Sciascia, cosa insegna adesso, ai ragazzi del 2016, questo scrittore?
Gli scrittori insegnano sempre tutto, sono universali. Io inviterei i ragazzi a leggerlo, a prendere in mano il suo primo libro che ha svelato la mafia agli italiani: il giorno della civetta, a vedere il film che ne ha tratto Damiano Damiani. Personalmente sento la mancanza di due italiani: Pier Paolo Pasolini e Leonardo Sciascia. Il vuoto che hanno lasciato è enorme.
Consigli a un ragazzo di intraprendere il mestiere di reporter? E perché?
Sì, perché è un mestiere bellissimo, ma faticoso, da ostinati. Bisogna mantenersi in forma, anche fisicamente. Dormire bene, mangiare bene. Se vai a fare il cronista dall’altra parte del mondo devi essere in salute, allenato e attrezzato. Poi è un mestiere in cui deve metterci passione, ovunque lo fai se nel cortile di casa tua o in Iraq, devi essere attento, osservare. 
A Monterey, un giovane e notissimo giornalista messicano, Diego Osorno, mi ha invitato ad una trasmissione radio che s’intitola Los Perros Romanticos. In italiano significa Cani romantici. Ecco come dev’essere un reporter, un cane - fiuto, istinto della notizia, che non molla l’osso -  ma col cuore. 



Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.