martedì 16 agosto 2016

RIAPERTURA SPAZIO IMPERO a ROMA: cultura, strumento integrante per la società

A partire dal 22 agosto 2016, inizieranno i lavori di completamento del centro culturale Spazio Impero.

L'associazione culturale Saltimbanco che da anni opera nel teatro ragazzi, sotto la direzione artistica di Livia Clementi, e nella formazione con l'accademia Stap Brancaccio, sotto la direzione artistica di Lorenzo Gioielli e la direzione organizzativa di Rossella Marchi, inizia un nuovo ambizioso percorso all'interno dell’attuale area con sede in Roma in via di Acqua Bullicante (a 300 metri dalla Metropolitana Linea C - Malatesta adiacente all'area urbana del Pigneto, tra le consolari Casilina e Prenestina), che da due anni sta tornando in vita per ospitare un centro polifunzionale.
Grazie all'iniziativa del Consorzio, OTI- Officine del Teatro Italiano - diretto da Alessandro Longobardi, in accordo con la proprietà dell'immobile, nel 2015 si è reso possibile l'avvio dei lavori per il recupero parziale della struttura in attesa della presentazione definitiva del progetto per il suo recupero totale.
Si procede per piccoli passi, molto impegnativi per coloro che cercano solo con le proprie forze di assolvere alla seguente missione: ampliare l'offerta culturale per la cittadinanza rendendo lo Spazio Impero una grande casa d’arte per la città di Roma e sostenere il recupero di aree urbane difficili creando una rete di tanti piccoli operatori che condividono il progetto.
Lo Spazio Impero collaborerà con un altro luogo culturale sito nelle vicinanze e attivo dal 2013: lo Spazio Diamante, sede già di corsi per la danza e il circo contemporaneo e, prossimamente, anche centro per la formazione teatrale.
Verranno migliorate le sale per la Scuola di teatro che ad oggi conta circa 220 allievi nei corsi mono settimanali e 40 nei corsi professionali.
Si aprirà, nella terrazza del quarto piano, un nuovo spazio per la poesia e gli stand up che ospiterà anche incontri per favorire l'integrazione culturale delle etnie; ci sarà una biblioteca di settore e verrà realizzato un portale a cui attingere tutte le informazioni per gli operatori culturali e per gli artisti.
Porte aperte al dialogo con l'arte contemporanea e con le gallerie del quartiere ove nella futura sala espositiva al piano terra dell’edificio, artisti affermati o emergenti potranno esporre le proprie opere.
E' in via di sviluppo un progetto radiofonico sul web con nuovi programmi e nuove collaborazioni, affinchè la radio possa essere la nostra voce e sostenere questo progetto sul territorio.
Accanto alle sale prova è prevista l'apertura di uno spazio per il Coworking dedicato a chi cerca una sede per la propria attività inerente i servizi alle arti dello spettacolo ed ha la necessità di contenere i costi; ci saranno salette apposite dedicate a favorire accordi contrattuali.
Affrontiamo questo nuovo inizio con lo stesso entusiasmo che ci ha portato a questo importantissimo risultato.
Vogliamo condividere con voi operatori e artisti del settore questa avventura perché ci auguriamo di avervi con noi e vivere nuove progettualità. Nella speranza che la costruzione di questa factory artistica permanente calamiterà le forze più creative della città per costituire le fondamenta del futuro Distretto Culturale. Una priorità questa, per dare visibilità e forza al nostro settore dove far crescere le nuove generazioni che sono alla base di una società attiva e sana.
Stiamo lavorando per creare percorsi formativi interdisciplinari, per sostenere la cultura come strumento integrante per una società più partecipe, consapevole, felice e, non ultimo, per creare valore e dare lavoro.
Ci aggiorneremo a novembre per raccontarvi approfonditamente questa nuovo grande progetto.
Nel frattempo, buona estate!