domenica 19 giugno 2016

SON PASCAL torna in Italia: il 20 giugno live allo Zog di Milano il nuovo singolo "AMORE UBRIACO"

Da venerdì 24 giugno sarà in rotazione radiofonica “AMORE UBRIACO”, primo singolo in italiano del giovane SON PASCAL.
Dopo l’enorme successo ottenuto in Kazakistan ed essere stato protagonista di due programmi televisivi italiani (“Pascalistan”, incentrato sulla sua vita nell’ex repubblica sovietica, e “Pechino Express”, in cui si è classificato secondo), Son Pascal torna in Italia con questo nuovo brano, cimentandosi per la prima volta nella sua lingua madre.

Lunedì 20 giugno sarà l’occasione per ascoltare dal vivo Son Pascal, che presenterà in anteprima il nuovo singolo allo Zog di MILANO (Ripa di Porta Ticinese, 37 – ore 22.00) e proporrà anche il meglio del suo repertorio in kazako, unitamente ad alcune cover.

«“Amore Ubriaco” è “musica leggera” nel vero senso della parola commenta Son Pascal in merito al brano - un sound retrò con un testo molto schietto e ironico, lontano dalle sonorità più mainstream del momento. Racconta un corteggiamento leggero e divertente, gli attimi che precedono il primo approccio in una sala da ballo, scene vissute decine di volte da ognuno di noi… quando ad un certo punto pensi e dici, “ok, è il mio momento!”». 

Dal 24 giugno sarà online anche il video di “Amore Ubriaco”, la cui regia è curata dallo stesso Pascal assieme al regista kazaco Sanzhar Madiyev. Il video è stato girato ad Almaty in uno stadio del ghiaccio all’aperto ed è stato realizzato in un unico piano sequenza senza tagli in montaggio. 
Oltre ad aver suonato tutti gli strumenti utilizzati durante la registrazione del brano, Son Pascal ne è anche l’autore (insieme al giovane Davide Napoleone) e produttore.

Son Pascal è cresciuto a Paestum (SA). Attualmente vive a Astana, Kazakistan. Ha iniziato a suonare giovanissimo tra Napoli e Roma, per poi trasferirsi a Londra, dove entra a far parte dei “Like the Beatles”, una delle più note cover band inglesi dei Beatles. Il lavoro e i buoni risultati non mancano, ma non è abbastanza. Una notte in un bar, incontra una fan, sorella di un famoso attore kazaco che aveva deciso di organizzare un talent show musicale, una sorta di X Factor chiamato A-Tunes. Pasquale decide quindi di andare ad Almaty e di partecipare al programma. Viene selezionato e finisce secondo in finale, da lì comincia la sua carriera in quel paese. Posta su YouTube una cover della canzone “Englishman in New York” di Sting, intitolata “ENGLISHMAN IN SHYMKENT” (https://youtu.be/EDLUeyw53uo); il video viene girato nella città kazaca di Shymkent e diventa subito un fenomeno virale. Nel 2012 Son Pascal canta con Al Bano una canzone reggae in kazaco, inglese e italiano intitolata “Ainalain” che rimane uno dei brani con più cover eseguite dai fan in Kazakistan (la canzone ha quasi 500.000 views su YouTube - https://youtu.be/EVTF2Xv2V3s). Sempre nello stesso anno pubblica il brano “You should speak Kazaksha” e “Beautiful World” prodotta da DJ Jurij. Nel 2013 inizia un progetto video chiamato iNomad, ovvero suona le sue canzoni nelle location naturali più suggestive del Kazakistan e pubblica il brano “Zhanym Sol”. Nel 2014 pubblica il singolo “Mahabbat”, che assieme a “Zhanym Sol” diventa uno dei suoi più grandi successi di sempre. Nel 2014 viene invitato da Mogol a partecipare ad alcuni workshop al CET (Centro Europeo di Toscolano) dove Pascal tiene alcune lezioni per gli studenti della scuola. L’anno seguente è invece Pascal ad invitare Mogol ad Astana per partecipare ad un ciclo di incontri sulla scrittura musicale dedicati a giovani autori kazachi. A marzo 2016 esce il singolo kazaco “MEN SUI SUYEMIN”, il cui video girato sulla spiaggia di Capaccio (SA) e prodotto da Undervilla Production totalizza più di 200.000 views in una sola settimana
Nel 2013 inizia la collaborazione con Deejay TV, dove vanno in onda due serie di “PASCALISTAN”, la docureality in cui Son Pascal racconta la sua vita in Kazakistan, tra eventi, viaggi, concerti e avventure varie. È al momento in lavorazione una terza serie del programma. Nel 2015 partecipa alla quarta edizione di “PECHINO EXPRESS” (Rai2) nel team degli Espatriati, arrivando secondo in finale e fissando il record per il maggior numero di puntate vinte durante una singola edizione del programma.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.