domenica 31 ottobre 2021

Vasily Ladyuk: "il canto è la mia strada per scoprire il mondo". Una conversazione con il baritono

di Giovanni Chiaramonte. (English version below)   Vasily Ladyuk, grande interprete di importanti ruoli del repertorio russo ma anche di Mozart, Strauss, Rossini, Donizetti, Verdi, Puccini, Leoncavallo, ha una magnifica voce baritonale, bella da ascoltare, ricca di sfumature che appoggia su una tecnica consolidata che dà ossatura e struttura alla sua sensibilità di artista. 

Ha cantato al Metropolitan  Opera di New York,  a La Scala,  al Houston Grand Opera, a l'Opéra National di Parigi, al Théâtre Royal de la Monnaie a Bruxelles. 

A Liegi è Eugenie Onegin, nell'omonima opera di Tchaikovsky (clicca per la recensione di Fattitaliani).

Un'opera russa ottocentesca, un amore non corrisposto, un duello, colpa e rimpianto, il formalismo sociale del tempo. Come ti sei sentito nel ruolo di Eugene Onegin? Per noia, Onegin flirta con la sposa del suo amico e lo uccide in duello, perché il l'etichetta e il codice morale dell'epoca richiedono che accetti la sfida. Lui altezzosamente rifiuta l'amore di una giovane ragazza romantica per infatuarsi di lei quando si trasforma in una dama desiderata nell'alta società e sposata con uno stimato generale, suo vecchio amico. È il suo turno di essere respinto. Questa è la sua punizione. Ricco, colto e ben educato non riesce però a trovare un posto giusto nella vita, tormentato da talenti non realizzati. Onegin è un personaggio molto complesso e controverso, pieno di passioni che lo fanno soffrire. Un ruolo da sogno per qualsiasi artista.

Quali sono le tue preferenze personali in Opera? Non credo di essere unico in questo - spesso ci piace quello in cui siamo assorbiti al momento. Ci concentriamo su un certo ruolo, una parte d'opera, e dotiamo il personaggio delle nostre emozioni, che si tratti di un malvagio o di un eroe: le amiamo, ci identifichiamo con esse. Ebbene, tra le mie preferenze ci sono, oltre a Onegin, Georges Germont, di Luna, Rodrigo.

Come hai scoperto la tua passione per il canto? Da bambino amavo cantare le canzoni che sentivo alla radio. Avendo capito di avere un buon orecchio per la musica i miei genitori mi mandarono alla scuola del Coro Maschile di Mosca. Fin da piccoli, i nostri insegnanti e gli istruttori hanno cercato di coltivare in noi il gusto per la buona musica, introducendoci alle vette della cultura musicale. Già da piccoli siamo apparsi sul palco con artisti eccezionali. Il mio interesse per la musica è cresciuto gradualmente e non mi sono reso conto di come il canto sia diventato una dipendenza e la musica una passione totale. Tanto che è diventata la mia professione.

Per te qual è il momento peggiore e qual è il momento migliore salendo sul palco? 
Cosa potrebbe esserci di peggio di un fallimento sul palco? Fortunatamente per il momento questo mi è stato risparmiato. E di momenti felici ce ne sono stati parecchi. Il mio debutto al Teatro Bolshoi nella parte di Il principe Yeletsky (La dama di picche) e il ruolo del principe Bolkonsky (Guerra e pace) al Metropolitan Opera, il mio Onegin al Palais Garnier, a La Scala e al Covent Garden – in due o tre anni la mia carriera è cresciuta rapidamente. L'anno scorso abbiamo festeggiato il 5° anniversario dell'OPERA Live Festival, di cui sono fondatore e direttore artistico. I colleghi russi e stranieri mi sostengono nei miei sforzi. Il mio caro amico Ildar Abdrazakov (Gremin nella nostra produzione) è uno di questi.

Che benefici ti ha portato il canto e cosa ti ha tolto... c'è stato un prezzo da pagare per cantare?
Il canto è solo una parte di un complesso di cose che fa un artista d'opera. Include l'arte di recitare, la tua capacità di relazionarti con l'orchestra, con il direttore d'orchestra, con il regista, con il tuo partner di scena. Cantare soltanto non è di assolutamente sufficiente, anche se senza un talento canoro tutto il resto è inutile. Il canto è un mezzo di comunicazione con il pubblico e con il mondo esterno. È la mia strada per scoprire il mondo. È il mio modo di vivere, rende la mia vita significativa. Non penso davvero che ci dovrebbe essere un prezzo che dovrei pagare per avere successo nella mia professione. La mia professione di cantante non limita o limita in alcun modo le mie altre attività. Faccio sport, gioco a tennis sull'erba. Il mio lavoro mi ha aiutato a farmi amici in tutti i ceti sociali: pittori, avvocati, medici, docenti, ecc. Mi piace cucinare per i miei amici. Sono un padre felice. A partire da quest'anno, mia figlia è una studentessa di teatro musicale. Temo di dover toccare velocemente ferro per mantenere tutto questo!

Ascolti lirica nel tuo tempo libero? Che musica ti piace ascoltare? L'opera è un lavoro e una vocazione, e la amo. È la mia vita; tuttavia, ci sono altre cose e interessi anche nella vita. Nel tempo libero mi piace ascoltare jazz e rock'n'roll. Amo Sting per esempio. Ci sono momenti però, soprattutto quando prepari una nuova parte, in cui hai voglia di ascoltare le registrazioni di, diciamo, Tito Gobbi o Leo Nucci o anche Maria Callas che non sono legate al ruolo su cui stai lavorando. Tutto questo perché in quel momento hai un bisogno da colmare con musica, canto e arte di alta classe.

C'è un'opera o un compositore che sogni di interpretare? Come mai? Quando si sceglie o si accetta un ruolo, bisogna adattare i propri desideri alle proprie capacità. Hai da considerare la maturità e le caratteristiche particolari, individuali, della tua voce, tessitura e molte altre cose. Sono un uomo felice, nella mia carriera professionale di cantante d'opera ho avuto la possibilità di esibirmi in opere di Tchaikovsky, Mussorgsky, Mozart, Bizet, Rossini, Leoncavallo, Puccini, Verdi e così via. Verdi con la sua musica è un intero universo, dove c'è posto anche per la mia voce. Mi piace questo compositore, sento la sua musica. Ce l'ho già nel mio repertorio, e ancora ne voglio di più – Rigoletto, per esempio. Tuttavia, per questo ruolo la voce deve maturare. Ma sono quasi pronto!



foto copyright © Opéra Royal de Wallonie-Liège – Jonathan Berger 


English version

A nineteenth-century Russian opera, an unrequited love, a duel, guilt and regret, the social formalism of the time. How did you feel in the role of Eugene Onegin?

Out of boredom, Onegin flirts with the bride of his friend and kills him in a duel, because the etiquette and moral code of the time demands that he should accept the challenge. He haughtily rejects the love of a young romantic girl to be infatuated with her when she turns into a dame favoured in high society and married to a merited general, an old friend of his. It is his turn to be rejected. That is his punishment. Rich, well-educated and well-mannered he can't however find a proper place in life tormented by unrealized talents. Onegin is a very complex and controversial character filled with and suffering from passions. A dream role for any performer.

What are your personal preferences in Opera?

I don't think I would be unique in this sense - we often like what we are absorbed in at the moment. We are focused on a certain role, opera part, and we endow the character with our emotions, whether it's a villain or a hero - we love them, we identify with them. Well, among my preferences will be, in addition to Onegin, Georges Germont, di Luna, Rodrigo.

How did you discover your passion for singing?

As a child, I loved to sing songs I heard on the radio. Having realized I had a good ear for music at that, my parents sent me to the Moscow Boys’ Choir School. From an early age, our teachers and instructors tried to cultivate in us a taste for good music, introducing to the heights of musical culture. As little boys, we already appeared on stage with outstanding performers. My interest in music grew gradually, and I did not notice how singing turned into addiction, and music became a total passion. So much so, that it became my profession.

For you what is the worst moment and what is the best moment going up on stage?

What could be worse than a failure on the stage? Fortunately, I have been spared from that so far. And of happy moments there was quite a lot. My debut at the Bolshoi Theatre in the part of Prince Yeletsky (Queen of Spades) and the role of Prince Bolkonsky (War and Peace) at the Metropolitan Opera, my Onegin at Palais Garnier, La Scala and Covent Garden - within two or three years my career boosted rapidly. Last year we celebrated the 5th anniversary of the OPERA Live Festival, of which I am the founder and artistic director. Russian and foreign colleagues support me in my endeavors. My close friend Ildar Abdrazakov (Gremin in our production) is one of them.

What goods did singing bring you and what did you take away from you.....was there a price to pay to sing?

Singing is only one part of a complex of things that makes an opera artist. It includes the art of acting, your ability to interrelate with the orchestra, the conductor, the stage director, your stage partners. Singing alone is by far not enough, though without a singing talent all the rest is of no use. Singing is a means of communication with audiences and with the outer world. It is my way to discover the world. It is my way of life, it makes my life meaningful. I don’t really think there should be a price I would need to pay to be successful in my profession. My singing profession in no way restricts or confines my other doings. I go in for sports – I play lawn tennis. My job helped me make friends in all walks of life - painters, lawyers, physicians,lecturers etc. I like to cook for my friends. I am a happy father. Starting this year, my daughter is a student of musical drama. I am afraid I have to quickly touch wood to keep that all.

Do you listen to opera in your free time? What music do you like to listen to?

Opera is a job and a vocation, and I love it. It is my life; however, there are other things and interests in life too. In my free time I like to listen to jazz and rock’n’roll. I love Sting for example. There are times though, especially when you prepare a new part, when you feel like listening to the recordings of, say, Tito Gobbi or Leo Nucci or even Maria Callas that are not related to the role you are working on. All that because at that moment you have a necessity to be filled with high class music, singing and artistry. 

Is there an opera or a composer who you dream of interpreting? Why?

When choosing or agreeing to a role one has to keep one’s wants to one’s capacities. You have to consider the maturity and individual particulars of your voice, tessitura and lots of other things. I am a happy man, in my professional career as an opera singer I had a chance to perform in the operas by Tchaikovsky, Mussorgsky, Mozart, Bizet, Rossini, Leoncavallo, Puccini, Verdi and so on. Verdi with his music is a whole universe, where there is a place for my voice too. I like this composer, I feel his music. I already have him in my repertoire, and still I want more – Rigoletto, for example. However, for this role the voice has to ripen. My time is coming. I am about ready.