venerdì 8 gennaio 2021

Netflix, la serie "Rita" e gli spaghetti al ketchup

Negli anni Ottanta durante l'ora di Francese a volte si leggevano brani di "Civilisation" e ricordo che alla fine di una discussione sulle specialità culinarie, la professoressa ci disse con candore che i francesi non sapevano preparare la pasta che anche al ristorante veniva presentata stracotta e condita con il ketchup. 

Anche se piccoli, noi alunni non potevamo credere a una blasfemia di tali proporzioni: era inconcepibile. Una leggenda metropolitana, diremmo oggi.

A quei tempi, però era ancora comprensibile che accadesse una cosa del genere, ma oggi giorno non sarebbe più accettabile, pensavo...  

Protagonista di un increscioso -lo diciamo con simpatia ovviamente- episodio a tavola non è la Francia, bensì la Danimarca con la serie "Rita" che racconta vita e professione di un'insegnante brillante, stravagante, libera, professionale interpretata da Mille Dinesen

A parte il piacente dirigente scolastico che sovente si presenta a scuola con un look tanto improbabile quanto inguardabile -pantaloni corti, calzini e scarpe- (ma si sa, gusto e decoro sono soggettivi), nel primo episodio della terza stagione, mentre la protagonista siede a tavola coi tre figli, che cosa vediamo?

A tavola viene portata una pentola con tanto di spaghetti appiccicati, che, una volta sul piatto, vengono ulteriormente conditi (?) con ketchup. L'episodio risale al 2015.




Se in un primo momento sono rimasto scandalizzato, ho poi indagato e scoperto che è normale tuttora in molti Paesi europei tenere questa abitudine a tavola.
Tutto questo per dire che certe brutte o belle abitudini tardano a morire e con esse anche certi limiti da parte nostra: nonostante la globalizzazione, la disponibilità di ogni sorta di genere alimentare, l'evoluzione nel mondo e linguaggio culinario, la disponibilità infinita di tutorial online, assistiamo ancora ad esempi che noi -con la nostra cultura e punto di vista- vediamo come esempi di barbarità gastronomiche, quando invece testimoniano solamente un modo di essere e mangiare diverso, condivisibile o meno.

Comunque, la serie è davvero carina e merita di essere guardata.

Fra l'altro, ne esiste anche una versione francese dove il personaggio principale si chiama Sam

Buona visione e buon appetito (si fa per dire!).