lunedì 13 gennaio 2020

Teatro Basilica, Residenza creativa su "ELENA" da Ghiannis Ritsos con Elena Arvigo. Regia Monica Conti


Si terrà al Teatro Basilica il 17 gennaio, la prima Residenza Creativa della stagione che vedrà in scena alle 21.30 la prova aperta di ELENA - primo frammento da Ghiannis Ritsos. La residenza sarà diretta da Monica Conti, protagonista Elena Arvigo. La serata avrà inizio alle ore 20.00, con spettacolo alle ore 21.30.

Prove aperte, ragionamenti attorno ai processi di ricerca e composizione di nuove opere. Questo e tanto altro saranno le “Residenze creative”.
Un progetto artistico e organizzativo per contribuire allo sviluppo dei temi delle residenze che in questi ultimi anni hanno caratterizzato la scena contemporanea. Da diversi anni, critici, studiosi, operatori e artisti riconosco la necessità delle residenze: un valore aggiunto per riflettere sulla qualità delle opere e agire sulle profonde relazioni fra ricerca, formazione e produzione.
Teatro Basilica è uno spazio dedicato al sentimento dell’accoglienza degli artisti e, insieme, un presidio culturale per innescare delle profonde relazioni con i cittadini e il pubblico, le comunità di riferimento che determinano la specificità dei Teatri delle Residenze.

Note sulla Residenza di ELENA - primo frammento a cura di Monica Conti

Sulla soglia? Una donna senza età vecchia e bambina, decrepita e splendente, mitica e contemporanea parla ad un soldato venuto a trovarla. Un soldato che ha combattuto per lei, Elena, con il suo volto bellissimo inciso sullo scudo e che si è dato tanta pena per “eroismi, gradi e glorie”. Dopo tanti anni, però, questa Elena lo ricorda solo come “buffo, con l’elmo alto e il pennacchio” e a lui racconta dell’oggi e del lontano passato. Ma il soldato è un fantasma? E’ uno dei tanti morti per una guerra come sempre inutile? E lei è viva o è un fantasma anch’essa? Si trova sulla soglia? Sta per morire e ripercorre gli eventi della sua vita attraverso nuove prospettive? Questo poemetto mitologico è uno dei 16 appartenenti all’opera “Quarta Dimensione” del 1972. Titolo non casuale. Alla ricerca della “Quarta Dimensione” Ritsos scompone e ricompone il mito accostando tutte le facce contemporaneamente, come i cubisti. Facce percepibili in modo diverso secondo il punto di osservazione. Perdendo la sua univocità e sacralità il Mito torna così ad appartenerci.

Ingresso + bicchiere di vino: 8€
Spettacolo ore 21.30


Teatro Basilica: chi siamo e cosa facciamo
Musica, teatro, pittura, fotografia, cinema e letteratura devono avere uno spazio dove convivere perché soltanto dalla somma di ognuna di esse si può trovare il senso dei nostri giorni. Si sono uniti per la costruzione del “TeatroBasilica” l’attrice Daniela Giovanetti, il regista Alessandro Di Murro, il collettivo Gruppo della Creta e un team di artisti e tecnici, con la collaborazione di Antonio Calenda. Un noi, fatto da generazioni ed esperienze diverse, che mira a creare una comunità di persone prima e di pensieri e intenti poi.

Il TeatroBasilica come luogo di accoglienza culturale nella Roma di oggi. Un contenitore metafisico al centro di una città viscerale. Uno spazio per procreare una nuova spontaneità astratta. Un luogo dove l’attualità teatrale possa esplodere mostrando la sua struttura primaria. Questa formula alchemica può fallire ma è l’unica speranza contro “la peste” che ci governa quotidianamente.
La contemporaneità nella sua straordinaria, contraddittoria, dilaniata alterità è l’oggetto della nostra attenzione volta alla ricomposizione etica dell’Arte con il suo Tempo. Studiare i fondamenti, la validità, i limiti dei segni teatrali per rispondere alle urgenti domande del Presente.


Piazza Porta S. Giovanni, 10 Roma (RM)
Contatti / Prenotazioni: +39 392 97.68.519 - info@teatrobasilica.com
Biglietti 15 euro
Orario spettacoli dal martedì al sabato ore 21.00
Domenica ore 18.00