giovedì 23 novembre 2017

Libri, "La breve storia di Mimì Italiano" di Giuseppe Caroli: la storia di un uomo dall'animo combattuto

Il romanzo narra la vita di Domenico Italiano, detto Mimì, un uomo dall’animo combattuto. La storia viene descritta in capitoli che alternano il presente al passato come fossero flashback, il tutto vissuto nell’atmosfera della prima metà del ‘900.
Anni che vedono il susseguirsi delle due grandi guerre e dell’Olocausto, vissuti marginalmente dal protagonista nato “figlio di nessuno”, condizione poco privilegiata e intento a diventar “qualcuno”, impresa ardua nel Salento di inizio secolo. Vengono presi come punti di riferimento i posti in cui il protagonista ha vissuto nel tempo: Francavilla e Bologna, luoghi in cui ha abitato che diventano approdo al quale ancorare il passato. Ricordi di una vita vissuta da marionetta, succube della forte personalità di una madre arrampicatrice sociale e di cui “non sa se ricordare amore o rabbia”, che lo portano a fare scelte forzate e a vivere di rimpianti.

Note autore: Giuseppe Caroli è nato a Bari il 24 marzo del 1956. Nel 1977 si è trasferito a Modena, dove vive tuttora. Laureato in medicina e specializzato in psichiatria e psicoterapia. Ha lavorato nei servizi pubblico e privato e ha svolto funzioni di didatta in un training di abilitazione all’attività di psicoterapeuta riservato a medici e psicologi. Attualmente esercita la professione di psichiatra e psicoterapeuta come libero professionista. Ha pubblicato nel 2014 un primo romanzo Non si può tradire il blues per la casa editrice Albatros di Roma.