Musical, Nicholas Musicco: per coordinare gli artisti ci vuole rispetto e un continuo confronto. L'intervista di Fattitaliani al regista di "The Toxic Avenger"

Artisti che cantano, ballano, si muovono per tutta la durata dello spettacolo e lungo il palco e riescono a calamitare l'attenzione del pubblico per due ore. Stiamo parlando di Michelangelo Nari, Angela Pascucci, Eleonora Segaluscio, Matteo Di Lillo, Federico Della Sala nel musical "The Toxic Avenger" scritto da Joe Di Pietro, con musiche e testi di David Bryan, in scena al Teatro Lo Spazio di Roma fino al 16 gennaio nella traduzione e adattamento ad opera di Michelangelo Nari e Nicholas Musicco. Quest'ultimo, che ne ha diretto anche la regia, parla con Fattitaliani. L'intervista.

Quando è nata l'idea di tradurre e mettere in scena lo spettacolo?
L'idea è nata nel 2018 al Festival di Edimburgo con la mia commedia musicale originale 'TV Invasion', pertanto le prime esperienze come autore e regista, in questo festival sono presenti tanti spettacoli e mi aveva incuriosito questo titolo in una location molto off e particolare come piace a me. Sono uscito dal teatro ridendo e canticchiando le canzoni, da quel giorno inizia  la promessa con me stesso di fare questo spettacolo. Due anni dopo coinvolgo Michelangelo Nari che si è dimostrato subito all'altezza della mia richiesta con la creazione di versi e insieme abbiamo depositato in Siae questo testo che rimane in linea con lo spirito dello spettacolo off Broadway. L'idea si è concretizzata durante il lockdown dove ho riflettuto molto sui temi del riscaldamento globale, inquinamento e corruzione non solo ambientale...
Nell'adattamento dei testi che cosa avete cercato di riprodurre fedelmente e che cosa invece avete adattato alla realtà di oggi? Non mancano i riferimenti a mascherine, virus ecc..
Il 90% rimane fedele alla versione americana, ma abbiamo modellato un numero musicale in un momento di breve monologo sul mondo della donna di oggi, per quanto riguarda mascherine e virus è chiaro che il periodo difficile causato dalla pandemia ci ha ispirato a riferimenti che stemperano la situazione non semplice che ancora oggi tutti stiamo vivendo (e che continua a mettere in difficolta' noi artisti, ad esempio anche solo per pianificare e poi provare qualsiasi spettacolo dal vivo).

Gli attori sono tutti bravissimi. Si muovono, di cambiano, cantano con energia e destrezza. Come coordinare una dose così massiccia di talento? 
Il casting è stato impegnativo per tutti. Tanti talenti. Ricordo due giorni intensi dalla mattina alla sera con tante canzoni e parti di copione da imparare. Per coordinare gli artisti ci vuole rispetto e un continuo confronto (dove l'attore porta sul tavolo le proprie idee e arricchisce lo spettacolo) e poi c'è il TEAM dietro le quinte che si crea, sono loro la tua famiglia per poche date o per una tournée. Tutto il Team fatto di truccatori, costumisti, tecnici supporta con energia, precisione e con lo stesso coinvolgimento emotivo degli attori in scena. Il direttore musicale Fulvio Epifani ci aiuta con la musica e la fluidità dello spettacolo, mentre Silvio Aquilanti (un vero tuttofare) che co-produce, interpreta le esigenze produttive e oltre alle scene e all'oggettistica è il Direttore di Scena (e vi assicuro che in questo spettacolo entrate e uscite e cambi costumi dei personaggi sono una bella sfida e fanno differenza. Poi abbiamo la grande esperienza e le idee di Serena Mastrosimone, la sua co-regia è stata importante così come le coreografie sempre molto in linea con lo stile di questo spettacolo, precisa e ricca di idee interessanti. i colori fantastici della costumista Adelaide Stazi che veste gli attori e che sposano il disegno luci di Giuseppe Lo Biondo, sempre attento a migliorare ogni giorno. Poi abbiamo truccatori creativi e presenti come Michele Aquilanti, autore anche della maschera di Toxy e Caterina Gizzi... l'aiuto organizzativo della compagnia con Valeria Bucco che insieme ai Social Media di Filippo Francucci promuovono questo spettacolo particolare ma energico.

Anche la musica dal vivo contribuisce a rendere lo spettacolo entusiasmante e coinvolgente... Tentati dal proporre le basi o subito si è pensato al live? 
Amo la musica, conosco questa band molto bene che ho già coinvolto in altri progetti in passato, inoltre provengo da una famiglia di musicisti... pertanto per me il Musical è solo con la musica dal vivo, se posso lo farei sempre (anche se per motivi di budget ci si può permettere un solo pianista), un musicista live che suona dal vivo trasmette tutta una serie indescrivibile energia non solo per il pubblico ma anche a tutti gli artisti in scena e allo staff.

Che cosa le piacerebbe che lo spettatore portasse con sé dopo aver visto il musical? 
Innanzitutto uno spensierato ricordo di energia e risate. Ridere fa bene alla nostra anima e nonostante le difficoltà del periodo non dobbiamo chiuderci nella quattro mura di casa o dimenticarci che l'uomo vive di rapporti e relazioni sociali. A seguire dovrebbe arrivare il messaggio di difesa dell'ambiente e l'amore per il prossimo. Ogni tanto possiamo alzare la testa e galvanizzare gli altri al fine di non distruggere le tante bellezze naturali di questo mondo e ricordare che il pianeta che abbiamo è uno solo quindi dobbiamo tutelarlo. Il messaggio di usare Toxy come aiuto esterno estremo per risolvere questo problema è un messaggio sarcastico... ma è come per dire che tra poco non ci rimane che un supereroe per risolvere il dilemma ambientale?...chissà. Giovanni Zambito.


LO SPETTACOLO

Tratto dal film cult di Lloyd Kaufman del 1984 e vincitore dell'Outer Critics Circle Award per il miglior musical off-Broadway, The Toxic Avenger è un'affascinante storia d'amore tra una ragazza non vedente di nome Sarah e Melvin, un ragazzo nerd che vorrebbe fare di tutto per salvare la sua città dall’inquinamento e dalla corruzione dilagante.

 

Questo musical rock, divertente e irriverente, riprende l'opera di Kaufman, arrivata sul palco grazie ai testi di Joe Di Pietro e la musica di David Bryan, e ora finalmente in Italia grazie alla compagnia Corepix Italia, che dal 13 al 16 gennaio, trascinerà il pubblico del Teatro “Lo Spazio” di Roma in un vortice di risate. Un musical ironico, potente e disarmante, invita il pubblico a riflettere sull’urgenza delle tematiche ambientali.

 

Toxie è una creatura mutante che si propone di salvare il mondo dal riscaldamento globale mentre cerca di conquistare il cuore della sua amata Sarah, ma a inseguirlo è il malvagio sindaco della città di Traumaville che farà di tutto per sbarazzarsi di lui.

Musica dal vivo grazie alla band formata da Fulvio Epifani alle tastiere, alla batteria Claudio Darrigo, alla chitarra Federico Murgia e Aurelio Tarabella al basso.

Fattitaliani

#buttons=(Accetta) #days=(20)

Questo sito utilizza cookie di Google per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più
Accept !
To Top