domenica 13 settembre 2020

Opera La Monnaie, "Is this the End?" Un "poprequiem" per una lezione morale

di Giovanni Chiaramonte. A La Monnaie di Bruxelles in prima mondiale un'opera nata direttamente per lo streaming.
Un  "poprequiem"  del compositore belga Jean-Luc Fafchamps, su libretto di Éric Brucher e con la regia  di Ingrid von Wantoch Rekowski con il titolo globale "Is this the End?".  La prima parte, Dead little girl è stata presentata ieri sera in prima assoluta come un'opera filmata dal vivo: episodi che vengono prima girati in teatro, dialogano con un'esibizione dal vivo di tre solisti, diciassette musicisti dell'Orchestra Sinfonica e diciotto cantanti del Coro de Is this the End? in un mix di cinema d'opera e di musica dal vivo; quindi non 'un'opera trasmessa in streaming' ma un'opera voluta, pensata, costruita esclusivamente per lo streaming, e questo è completamente nuovo.   

La vita è un cammino fragile, e la morte vi arriva non annunciata, imprevisto e sorprendente passaggio verso un altrove che ci è più sconosciuto del senso stesso del nostro vivere. Un altrove che attende ineludibile, inesorabile, definitivo ma ignoto nella sua forma e nella sua sostanza, misterioso, impenetrabile come una nebbia fitta, come la cupezza di una notte d'inverno senza stelle. Una ragazza adolescente viene intrappolata in questo passaggio e - come una mosca che rimbalza disperata nella trappola definitiva del vetro di un contenitore - lei vaga nei meandri del teatro senza uscita, alla ricerca di aria, di luce, del ragazzo amato, di un impossibile ritorno a un prima ormai scomparso per sempre. Figure, più ombre che persone, le appaiono in questo percorso-labirinto: da ricordi personali a figure del suo immaginario, da  Dante, al Minotauro a Morrison, ai medici che la circondano per la sua autopsia, in una raffinata parodia della Lezione di anatomia del dottor Tulp,  a ingentilire con raffinata leggerezza un racconto altrimenti della consistenza del piombo. In questo vagare alla ricerca di un ritorno alla vita, è commovente vedere l'edificio de la Monnaie coinvolto per la rappresentazione nella sua interezza, dalle cantine alle soffitte, ai corridoi, ai palchi alla platea... come un corpo invaso dal virus che mette in campo tutto sé stesso per resistere e sopravvivere. 

IS THIS THE END? Questa domanda - esplicitata, elaborata, solo percepita o forse completamente rimossa - è la domanda che ciascuno di noi si è posto in questo periodo di isolamento esteriore, di mancanza o di diminuzione dei contatti, dove il mondo di prima - per il  battito d'ali di un impercettibile microscopico nemico - è scomparso, sostituito da una transizione verso un altrove che ci è ancora ignoto.... Molti sono stati sorpresi dall'invisibile nemico, perdendo in un attimo persone care, persone amate, persone significative: senza preavviso, senza preparazione, senza commiato. La Monnaie con levità ha dato voce al dolore di questo tempo e creato una via che non è un ripiego ma qualcosa di nuovo,  che può salvare l'opera e i suoi artisti da questa crisi  che puó ucciderla. Quest'opera sarà ricordata anche come un coraggioso tentativo di esplorazione di un linguaggio operistico complessivamente nuovo, adatto per un tempo nuovo: nelle nostre case, avvolti dalle immagini e dalla musica dello streaming abbiamo percepito la potente voglia di vivere e la capacità di rinnovamento dell'Opera. Oltre a una coinvolgente rappresentazione La Monnaie ci ha consegnato anche un magnifico esempio di intelligente pragmatismo, di velocità di cambiamento e di resilienza. Una lezione morale per l'Europa, in questi difficili tempi di scoraggiato attendismo.





A pop requiem in three parts by Jean-Luc Fafchamps

PART ONE : DEAD LITTLE GIRL

Muzikale leiding (PATRICK DAVIN) OURI BRONCHTI

Regie INGRID VON WANTOCH REKOWSKI

Kostuums REGINE BECKER

Koorleider ALBERTO MORO

Libretto ÉRIC BRUCHER

Realisatie JEAN CLAUDE WOUTERS

The Teenager SARAH DEFRISE

The Man AMAURY MASSION (LYLAC)

The Woman ALBANE CARRÈRE

Symfonieorkest van de Munt

Koor van de Munt

Kooracademie van de Munt o.l.v. Benoît Giaux

Productie DE MUNT / LA MONNAIE

Filmproductie HELIOX FILMS

Met de steun van ARS MUSICA EN LUCILIA CAESAR

foto la Monnaie - Simon van Rompay@