sabato 11 luglio 2020

FU LUMENA di Salvatore Ronga con LUCIANNA DE FALCO il 12 luglio al Napoli Teatro Fest

LUCIANNA DE FALCO è la protagonista al Napoli Teatro Fest con l’inedito spettacolo FU LUMENA.
Un’altra storia omaggio alla figura di Filumena Marturano di Salvatore Ronga di Salvatore Ronga con le musiche di Antonio Monti in scena domenica 12 luglio ore 21 e 23 Capodimonte -Fagianeria Se Anna Magnani racconta Roma, per me dichiara Lucianna De Falco- la figura di Filumena Marturano è l’immagine di Napoli, la sua bellezza, il suo essere madre in una maniera spregiudicata. La nostra Lumena si emancipa addirittura nelle scelte: è una donna che ama senza il ricatto di costruire una famiglia tradizionale, senza il bisogno di un cognome. I suoi figli sono andati nel mondo a cercar fortuna, memori dell’invettiva di Eduardo: «Fuitevenne!». È Napoli che cerca un'altra storia possibile. È il gioco del teatro che scopre i suoi tradimenti, è Domenico Soriano che è il nome di un Santo e «nun’è nu signore», ma è soprattutto una grande storia d’amore, dove le lacrime sono le lacrime che ognuno di noi non ha pianto.

lastra su ferro di Salvatore Basile BassaVideo
SINOSSI I profili di una scatola metallica segnano i confini di uno spazio sospeso, percorso dal picchiettio del cardiogramma. È qui che, in assonanza con il cuore di una città tradizionalmente in agonia, Lumena consuma, con accenti comici e grotteschi, il suo delirio comatoso: una voce nuova e irriverente per dialogare con gli spettri del passato, le compagne del lupanare e i clienti della pasticceria, la serva fedele e il vecchio amante di sempre, fino alla rivelazione finale che ha il sapore della vendetta e dello sberleffo. Le prime lacrime di Lumena sono anche le ultime, ma sono quelle di tutti, e risuonano come una pioggia fitta e incessante che squarcia la scena, perché il teatro, come la fantasia, è «un luogo dove ci piove dentro». Lo spettacolo è un omaggio al personaggio di Filumena Marturano, indagato nelle sue pieghe più nascoste, per costruire un’altra trama possibile, una storia che incrocia anche la biografia di Eduardo, dentro e oltre il mito.

foto copertina di Antonio Volpone