giovedì 9 aprile 2020

MilBrut SRL: la passione di famiglia fa proseguire il sogno. L'intervista di Fattitaliani

La MilBrut SRL, azienda di Naro (Ag) a conduzione familiare, produce prodotti finiti e semilavorati per pasticcerie e simili seguendo ricette custodite gelosamente da più di quattro generazioni. Giorni fa si è contraddistinta anche per un gesto di solidarietà donando delle colombe agli ospedali di Agrigento e Canicattì. Fattitaliani ha intervistato Alessio Milazzo, Amministratore Unico, che si occupa di Marketing e Amministrazione.

Nel sito della vostra pagina descrivete l'attuale stop dovuto al Coronavirus. Come state vivendo la situazione come impresa?
Sì, il primo messaggio che compare sul nostro sito è dovuto allo stop della nostra attività. Pur non avendo avuto inizialmente l’obbligo di chiusura, è stato nostro dovere civico prendere un'importante decisione del genere, in quanto teniamo alla salute del nostro staff e non abbiamo voluto correre rischi, a priori, per la nostra azienda.
Possediamo dei certificati di qualità che attestano il nostro corretto svolgimento della filiera produttiva e che rispettano a pieno le norme igienico sanitarie;
Questi due sono stati i motivi principali della scelta.
Come piccola impresa viviamo questo momento di “Lockdown” in piena ansia poiché ciò che è incerto allo stato attuale è il futuro (per quanto riguarda il nostro caso) di molteplici sacrifici fatti dalla nostra famiglia per arrivare ad oggi a tirare su un’azienda artigianale che conta circa 15 lavoratori.
Siete d'accordo con le misure prese dal Governo finora?
Sì, siamo d’accordo e le stiamo osservando scrupolosamente sia come azienda sia come persone.
Rispetto ai motti "#restiamoacasa #andràtuttobene", siete ottimisti o pessimisti?
Il nostro slogan è “Passione di Famiglia” e la passione di famiglia è quella che ti fa proseguire il tuo sogno. Siamo in pausa ma speriamo presto di riprendere più forti di prima.
Ci parlate del codice promozionale molto esplicitamente denominato "FuckCovid"?
FUCKCOVID è sia il codice promozionale sia un augurio perché è proprio quello che ci auguriamo.
Chi compone "MilBrut"? chi sono le persone che compaiono nella foto di gruppo del sito?
MilBrut è l’unione di due cognomi. L’azienda come dicevo prima è a conduzione familiare. È composta da me, il mio fratello maggiore Calogero e il mio fratello minore Valerio insieme nel marchio rappresentiamo il MIL di Milazzo, il nostro cognome.
BRUT invece deriva da Brutto, un altro cognome: nello specifico sono i nostri Zii Tito e Franco che hanno creduto principalmente in noi e alla nostra passione, e insieme ci hanno dato la possibilità di diventare “PIÙ GRANDI”.
Nella foto è presente tutta la mia famiglia, passato presente e futuro.
La presenza più imponente è quella di mia nonna Vincenza: è stata lei l’inventrice del nostro prodotto di punta “la raviolina”.
Quella foto è stata scattata in occasione della nostra inaugurazione, l’azienda apre ad agosto del 2014 ma l’esperienza agroalimentare è datata 1910.
In quella foto manca una persona fisicamente ma che è presente con noi ogni giorno: è la mente della Milbrut e l’ideatore di questa realtà, mio Papà; Noi abbiamo ereditato il compito di portare avanti un nostro e un suo sogno.
Come conciliare la grande produzione con il proposito di mettere a disposizione prodotti rigorosamente fatti a mano?
Noi non siamo un'industria ma siamo un “Laboratorio Artigianale”, abbiamo uno staff con la quale siamo cresciuti tutti insieme. 
La nostra più grande ambizione non è fare grossi numeri ma rimanere quelli che siamo portando avanti sempre e costantemente qualità e artigianalità.
Sono proprio questi gli elementi che ci distinguono e sono gli stessi che da più di 100 anni differenziano il nostro marchio.
Questo ha dei pro e dei contro. Un pro è sicuramente quello di avere un prodotto unico “come un opera d’arte”; i contro per la nostra filosofia aziendale... Beh, non riesco a vederne!
In che cosa si riconosce e su che si basa il vostro Made in Sicily?
Il nostro Made in Sicily sicuramente si riconosce nell’imperfezione di un prodotto, ma in quella stessa imperfezione si evince l’unicità e la qualità dello stesso.
Siamo un'azienda che primeggia materiali di prima qualità e locali.
Infine siamo molto attenti ai dettagli, alla cura delle confezioni: il tutto ha come risultato un Made in Sicily rivolto ai palati piu sopraffini!
Costruire un'impresa a Naro è stato facile? il territorio si mostra aperto a nuove iniziative imprenditoriali?
Quando nasci in un posto è quel posto che chiami casa e credo che avere un'impresa a Naro nello stesso paese in cui vivi è una fortuna di non poco conto. Inoltre, sì, il territorio è proprio a favore di quelle aziende che tengono alto il territorio stesso.
Com'è nata l'idea di regalare le colombe pasquali agli ospedali di Canicattì e Agrigento?
Siamo una start-up, una piccola impresa, di conseguenza non abbiamo a disposizione dei mezzi che ci consentono di dare un contributo sostanzioso agli ospedali delle nostre zone, sprovvisti di tante cose per poter far fronte ad una pandemia del genere, avremmo voluto fare tanto anche per quei medici che sono costretti a lavorare nelle condizioni che tutti sappiamo: a Naro si usa dire “i stigli fannu u mastru” che vuol dire "gli strumenti fanno il lavoratore".
Abbiamo fatto quello che abbiamo potuto in segno di riconoscimento e profonda stima per chi con tanto coraggio e passione che magari è la stessa nostra passione che mettiamo nel nostro lavoro, stanno combattendo anche per noi.
Augurandoci che il governo non ci abbandoni, che prenda in considerazione che perdite del genere per le piccole imprese potrebbero risultare fatali! Che dopo domata l’emergenza dia una mano consistente a quelle stesse aziende che alimentano le casse delle stato e che sono le stesse che possono, un domani, diventare grandi e aiutare chi ne ha bisogno.
Le nostre sono state piccole donazioni: la colomba è simbolo di pace e di rinascita. Giovanni Zambito.