lunedì 9 marzo 2020

Laura Carusino e Andrea Beltramo, dal teatro all'Albero Azzurro: comunicare con i bambini è un privilegio. L'intervista di Fattitaliani

Da stamattina è tornata su Raidue e da pomeriggio su Rai Yoyo "L'Albero azzurro" la trasmissione pensata, sviluppata, parlata, raccontata per i più piccoli attraverso un linguaggio semplice, efficace, educativo. Alla guida ci sono Dodò (cui dà voce l'attore Paolo Carenzo) e Laura Carusino e Andrea Beltramo, intervistati da Fattitaliani.

Vi presentate un po' ai nostri lettori? come vi siete formati, come avete iniziato?
Andrea Beltramo: Io ho cominciato frequentando una scuola di teatro a Torino e ho subito avuto la fortuna di recitare i classici, dal teatro greco alla commedia di Feydeau. Quando L’albero azzurro è arrivato negli studi di via Verdi, da quelli di Milano, dove era nato, sono andato a fare il provino perché cercavano un conduttore. Ho avuto la fortuna di essere scelto e così è cominciata la mia avventura in questo fantastico programma.
Laura Carusino: Ho iniziato dal teatro, il musical. È stato il mio primo lavoro, precisamente Grease… e poi sono arrivate altre produzioni: Joseph, jesus Christ SuperStar, Scooby Doo… e poi sono approdata alla tv ragazzi 10 anni fa e la favola continua. Eh sì, perché l’Albero Azzurro è una favola, in tutti i sensi!
Che cosa rappresenta per voi l'opportunità di condurre "L'albero azzurro"?
Andrea Beltramo: Rappresenta un motivo di orgoglio, perché comunicare con i bambini, giocare con loro e farli divertire, l’ho sempre considerato un privilegio.
Laura Carusino: Da sempre è un privilegio poter intrattenere il pubblico dei più piccoli. È una grande gioia ma anche una grande responsabilità. È una comunicazione delicata. Albero Azzurro, e questo lo possiamo dire ancor di più oggi che compie 30 anni, è un programma il cui successo è senza tempo e questo perché da sempre riesce ad incuriosire i bambini e stimolare la loro fantasia. Riuscire a farlo mi rende molto felice e orgogliosa.
La tv ha accompagnato la vostra infanzia? come? con quali trasmissioni?
Andrea Beltramo: Guardavo i programmi per bambini come Solletico per esempio e tanti cartoni animati , c’era meno scelta, ma la qualità e la genuinità era sempre molto alta. 
Laura Carusino: Sicuramente sono legata a tanti cartoni animati… tra i tanti L’Incantevole Creamy, Mila e Shiro, Magica Emi, Holly e Benji. ma sono davvero tanti! E poi Bim bum bam! Che bei ricordi!
C'è un beniamino (o un programma) televisivo che amate sin da bambini? perché?
Andrea Beltramo: Nel citerò due: l’ape Maia, divertente e educativa( appuntamento imperdibile, la guardavo con mia mamma e mia sorella) e il cartone animato di Sherlock Holmes, perché è un personaggio che ho sempre amato, infatti ho letto tutti i libri di Conan Doyle.
Laura Carusino: Ti posso dire che da sempre amo Sandra Mondaini. Sbirulino, ma non solo. Una grande donna e grande artista. Un’ispirazione da sempre e per sempre. Ho avuto l’onore di lavorare con lei ed è stato meraviglioso poterla conoscere.
L'esperienza televisiva che vi piacerebbe realizzare più di ogni altra cosa?
Andrea Beltramo: Mi piacerebbe condurre un’edizione dello Zecchino d’oro oppure un format nuovo per bambini e ragazzi. 
Laura Carusino: In questo momento mi piacerebbe un programma sui libri per bambini… Raccontarli e consigliarli. Lo sto già facendo sui miei canali social e sarebbe bello farlo anche in tv. 
Com'è il vostro rapporto con "Dodò"? chi fra i tre è più paziente e accondiscendente verso gli altri due?
Andrea Beltramo: Il mio personaggio è giocoso, allegro, ottimista. A volte si lascia prendere dall’entusiasmo e combina qualche pasticcio. Ma nonostante ciò, sa sempre quando intervenire per aiutare Dodò, sostenerlo e proteggerlo.
Laura Carusino: Con Dodò da 10 anni sono un po’ amica e quindi complice e un po' mamma e quindi attenta, protettiva e mooooolto paziente! quindi sì, sono io la più paziente! (ride).
Qual è secondo voi l'elemento che rende "L'albero azzurro" un programma speciale ed educativo?
Andrea Beltramo: A mio parere la forza del programma sta nella sua semplicità. I bimbi, guardando il programma si divertono, ballano e cantano e hanno l’occasione di imparare crescendo.
Laura Carusino: È lo stupore la chiave del successo di Albero Azzurro. E la sua missione quella di intrattenere stuzzicando le antenne della fantasia con delicatezza, cosa doverosa nei confronti dei bambini.
Più in là avremo modo di vedervi in qualche altro progetto?
Andrea Beltramo: Mi piace sempre molto recitare in teatro e sono anche un doppiatore e quindi sono sempre anche impegnato molto in queste attività, ma abbiamo ancora da registrare tante puntate di questa nuova fantastica edizione del programma. 
Laura Carusino: Più che vedermi… leggermi in un nuovo progetto editoriale per bambini che non vedo l’ora di dire! Giovanni Zambito.