giovedì 12 marzo 2020

EMERGENZA CORONAVIRUS ALL’ESTERO: IL TESTO DEL MESSAGGIO MAECI

Si fa seguito alle precedenti comunicazioni sull'argomento - in particolare al Messaggio di questa Direzione Generale n. 34694 del 26 febbraio u.s..
Alla luce dei recenti provvedimenti adottati dal governo italiano per contrastare il diffondersi del virus COVID-19 (coronavirus) sul territorio nazionale, in particolare alla luce dei DPCM dell'8 e 9 marzo scorsi e al fine di tutelare la salute dei dipendenti, d'intesa con la Segreteria Generale si comunica quanto segue: - si raccomanda vivamente al personale di non effettuare viaggi di congedo in Italia; - missioni e viaggi di servizio che non siano di indifferibile necessità sono rinviati con effetto immediato; - codeste Sedi sono altresi' invitate a valutare l'adozione di modalita' organizzative che contemplino il ricorso, in via del tutto straordinaria e limitatamente al perdurare dell'emergenza in atto (in funzione dell'evoluzione del quadro epidemiologico nel Paese di accreditamento), all'espletamento da casa - attraverso l'uso di telefono, connessione internet e/o piattaforme di messaggistica mobile di uso comune - degli ordinari compiti lavorativi.
Sara' in ogni caso necessario mantenere operativa una struttura che garantisca i servizi essenziali e la funzionalita' della Sede; - tenuto conto che, per le stesse ragioni, il Ministero ha dovuto adottare misure contingenti di contenimento del personale presente negli uffici, si raccomanda la massima selettivita' e sintesi nel ricorso alle comunicazioni da inviare sulla messaggistica PIT.DIR. - per eventuali comunicazioni con carattere di urgenza, il cui contenuto non abbia profili tali da richiedere l'utilizzo di un diverso canale, si invita a fare ricorso allo strumento della posta elettronica. Si attira l'attenzione sulla necessita' di una scrupolosa osservanza di queste istruzioni, che si prega di portare a conoscenza di tutto il personale, e si ringrazia per la preziosa collaborazione