venerdì 22 novembre 2019

Libri, "7 sfumature di micio" conferma la notevole sensibilità di Maria Grazia Crozzoli. La recensione

“7 Sfumature di micio” è un’opera che tratta con toni accesi e commoventi la storia di un profondo affetto, quello fra due bipedi, Claudia e Maria Grazia, e un quattro zampe che sfida il tempo e lo spazio.
La narrazione viene condotta in prima persona: è proprio la boxerina Birra, protagonista del racconto, a svolgere la funzione di io narrante, raccontando “con anima e cuore di animale” l’insieme delle vicende: dal suo primo incontro con Maria Grazia e Claudia, in un canile, alle dinamiche con gli altri sue quattro zampe di casa, Trippa, “pacifica e tranquilla”, e Tio, “imbranato e insicuro”; all’approdo a una dimensione tutta particolare… La trama ruota intorno al tema della reincarnazione animale, alla convinzione, appunto, che esistano legami capaci di superare ogni ostacolo, perfino la morte.
Questa storia rappresenta in sé l’ennesima conferma della notevole sensibilità di Maria Grazia Crozzoli che si esprime in tutta la sua pienezza nel suo profondo amore per gli animali. Per loro scrive, per loro ha esplorato nuovi settori, come quello della telepatia animale, sempre per loro ha dato vita a questa sua ultima fatica letteraria, nella quale, con incantevole attenzione ai sentimenti dei quattro zampe, ce ne descrive gli stati d’animo e il modo di pensare, umanizzandoli come è solita fare, con magistrale efficacia. 
Un libro originale, questo, che incontrerà le simpatie e il consenso di chi ama il mondo animale ma soprattutto di quanti vivono in accordo con la voce del cuore, in perfetta sintonia con la propria anima e il proprio ruolo nel mondo. Che lo scopo della vita di Maria Grazia sia quello di dare voce agli animali, alle loro emozioni, al loro bisogno di essere veramente amati, accolti, capiti, difesi è ormai chiaro e il coraggio e la passione con cui l’autrice porta avanti questa sua missione, di libro in libro, esponendosi in prima persona, sfidando il cinismo degli scettici e denunciando, a tratti, anche la crudeltà di chi sfoga le sue frustrazioni e la sua cattiveria sulle creature più deboli, è veramente encomiabile. “7 Sfumature di micio”, scritto in uno stile fresco e giovanile, caratterizzato da un buon ritmo narrativo, è ricco di dialoghi e contiene un piacevole colpo di scena che ne suggella il finale. 
Le riflessioni sulla vita e sulla morte, facce di una stessa medaglia, aggiungono spessore a un racconto che fa della speranza, dell’ottimismo, della positività la sua ragione d’essere e il dono più prezioso per il lettore.
Daisy Raisi