martedì 12 novembre 2019

Abruzzo, Successo ad Hollywood di una regione italiana che offre molto

di Dom Serafini - All'annuale American Film Market di Los Angeles 51 film commission da tutto il mondo hanno fatto a gara per chi elargisce piú fondi ai produttori televisivi e cinematografici di Hollywood. 
Panama, ad esempio, pubblicizzava molto i suoi incentivi "Cash Back", come pure Malta, con il 40% cash back, e la Polonia con il 30%. Ma a vincere la gara dei rimborsi piú alti é stata la Romania con il 45% di cash back. Questo vuol dire che per ogni milione di euro spesi nel paese, al produttore vengono rimborsati 450.000 euro.
            L'Abruzzo é arrivato all'American Film Market, iniziato il 6 novembre a Santa Monica (la spiaggia di Los Angeles), non per dare, ma per ricevere. Ed é stata l'unica regione italiana ad essere rappresentata alla fiera del cinema ad Hollywood. 
            Per la fiera sono arrivati l'Assessore della Regione Mauro Febbo, artefice dell'Abruzzo Film Commission, e Francesco Di Filippo, dirigente della Regione che ha messo assieme tutti gli elementi per creare l'ultima film commission regionale in Italia, 22 anni dopo la formazione della prima, in Emilia Romagna.
            Per presentare l'Abruzzo Film Commission ad Hollywood, la Regione ha organizzato, nel quarto giorno di fiera, una presentazione seguita da un ricevimento. Considerando che ancora oggi anche in Italia alcune persone non sanno esattamente dove si trovi l'Abruzzo, il successo dell'evento ad Hollywood é stato veramente sorprendente.
            Le previsioni erano rosee sin dall'inizio con numerosi articoli pubblicati da giornali negli Usa, Canada e persino in Argentina. Poi le richieste di partecipazione agli eventi promozionali hanno sorpassato la capienza del Viceroy Hotel, la sede della presentazione per annunciare anche la formazione dell' Abruzzo Film Commission Advisory Board.
            L'Advisory Board é un'iniziativa unica per raggruppare in qualitá di consiglieri pro bono i talenti abruzzesi che lavorano a Hollywood nel settore cinema e televisione. Ed ecco l'asso nella manica dell'Abruzzo, che nella fase iniziale della sua Film Commission non puó ancora competere con i ricchi rimborsi offerti dalle altre regioni italiane (eccetto per il rimborso tasse ed alcuniincentivi che sono parte di un programma nazionale); puó invece far leva sul piú alto numero di talenti di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, talenti che operano ad Hollywood per attirare produzioni in Abruzzo.
            Alla presentazione hanno partecipato anche la Console Generale d'Italia a Los Angeles, Silvia Chiave; il direttore della comunicazione dell'Anica (l'associazione cinematografica italiana), Roberto Stabile; oltre a 100 ospiti (dei50 previsti) tra produttori, registi, attori e giornalisti, e tra questi il produttore Enzo Sisti che dei suoi 14 film, tre li ha girati in Abruzzo, incluso "The American" con George Clooney.  
E tutto ció in concorrenza con tanti altri eventi concomitanti, inclusa una mega festa per l'industria cinematografica della Tailandia.
            Durante la presentazione di un video, l'Assessore Febbo ha fatto presente come l'Abruzzo assomigli alla California come "location" per le riprese, dotato com'e' di alte montagne, ampie spiagge, ricca fauna con orsi e aquile nativi, oltre ai grandi parchi naturali. Ma unici sono i suoi castelli medioevali ed i villaggi da presepe.

Nella foto, da s. a d.: l'Assessore Mauro Febbo il produttore Enzi Sisti ed il dirigente Francesco Di Filippo