mercoledì 20 giugno 2018

Intervista a Hale Tenger, visual artist turca: L’arte arricchisce la comprensione e conoscenza del mondo

(English version) di Andrea Giostra. Hale Tenger, visual artist turca, in mostra a Palermo alla Galleria Rizzuto, fino al 1 ° settembre 2018.
Ciao Hale, benvenuta e grazie per la tua disponibilità. Ai nostri lettori che volessero sapere qualcosa di più su di te quale artista, cosa diresti? Chi è Hale?
Ho sempre concentrato la mia attenzione sulla narrazione tridimensionale, sin dall’inizio della mia carriera. Narrazioni in forma di installazioni su larga scala o in video, sculture e fotografia. Sono ispirata a riferimenti politici, storici e psicologici. La mia prima mostra personale è stata nel 1990, quindi sono passati 28 anni, e da allora ho esposto molto sia in Turchia che all'estero. La mia personale alla Rizzuto Gallery di Palermo è la prima mostra nella quale presento le mie opere in Italia. In precedenza, in Italia, ho partecipato a due biennali, alla 57 ° Biennale di Venezia 2017 e alla 2a Biennale di Arte Contemporanea di Attese, ad Albisola, nel 2003.
Parlaci della tua mostra a Palermo, che hai intitolato "Beirut", aperta al pubblico, ad ingresso gratuito, presso la Galleria Rizzuto fino al 1 ° settembre 2018? Qual è il messaggio che vuoi dare con questa mostra?
Presento due opere, il video "Beirut" e la scultura "World Cracker". Quello che entrambe le opere hanno in comune è il loro riferimento alla fragilità della nostra esistenza in questo mondo. Beirut è una narrazione poetica della vita, che noi umani abbiamo costruito, dove periodi di tempo pacifici sono spesso interrotti da violenze e ingiustizie politiche World Cracker è una scultura che ho creato nel 1992. Vuole far riflettere sulle ingiustizie economiche legate alla politica. Dopo la caduta del Muro di Berlino nel novembre 1989, e la disgregazione dell'Unione Sovietica, nel dicembre del 1991, Istanbul fu invasa da beni provenienti da paesi dell'ex Unione Sovietica, portati a Istanbul da cittadini disperati, portarono con sé tutto ciò che potevano portare. Oggetti venduti da commercianti ambulanti per le strade di Istanbul. Il cracker russo che ho utilizzato nella scultura è uno di questi, i beni sono stati consegnati agli operai dalle fabbriche in bancarotta, al posto dei salari per pagare il loro lavoro. 
Cosa ne pensi del mondo dell'arte di Palermo e della Sicilia? E cosa pensi delle persone che hai incontrato a Palermo che si occupano di arte contemporanea? 
È stata una grande esperienza. Sono rimasta molto colpita dall'atmosfera vivace e affascinante di Palermo, e dalla gentilezza e cordialità dei palermitani. Il mio cuore è con Palermo. Sono grata a Giovanni Rizzuto e Eva Oliveri per tutto, mi hanno fatto sentire a casa in ogni modo, grazie anche a Tiziana Pantaleo. Attraverso la Galleria Rizzuto ho stretto molti contatti, sia palermitani che italiani, è stato un grande onore per me incontrarli e ascoltare i loro preziosi feedback sulla mostra. 
Com'è nata la tua passione per l'arte visiva? 
Amo quello che faccio e mi sento estremamente fortunata di sviluppare la mia passione nelle arti visive. Prima ho iniziato a studiare programmazione informatica, e ho capito che non era un alvoro per me e allora ho studiato arte. Da allora, nella vita, l'arte è stata la mia priorità.
Perché pensi che l'arte, la pittura, la scultura siano importanti oggi e dovrebbero essere promossi e seguiti da tutti coloro che vogliono sapere e imparare? 
L'arte è sempre stata importante, per questo ancora oggi amiamo vedere le opere antiche, non solo quelle contemporanee. È una forma di linguaggio che è unica e dalla quale "riceviamo" molto. L’arte arricchisce la nostra comprensione e conoscenza del mondo in cui viviamo. 
Cosa consiglieresti alle giovani donne e uomini che vogliono cimentarsi nella tua professione, nella tua passione? 
Di seguire le loro intuizioni e di essere aperti a ricevere input da una vasta gamma di fonti, come l’arte, la letteratura, la musica, la politica e tutto. Ed essere testardi nel continuare a fare ciò in cui credono, lavorare sodo ma essere pazienti allo stesso tempo. 
Quali sono i tuoi prossimi progetti e i tuoi prossimi eventi artistici? A cosa stai lavorando adesso? E dove ti possono seguirti i tuoi fan? 
Ho un'altra opera esposta in una mostra collettiva internazionale all'aperto in Cappadocia. La mostra è stata inaugurata lo stesso giorno di Palermo, il 14 giugno. Ho installato il mio pezzo prima in Cappadocia e poi sono venuta a Palermo. Ora voglio ritornare lì e vedere la mostra. Si intitola "Silence" ed è curata da Fulya Erdemci e Ilgın Deniz Akseloğlu come parte dell’evento Cappadox. Mi è stato commissionato un nuovo lavoro intitolato “Life, Death, Love and Justice.” ("Vita, morte, amore e giustizia"). Si tratta di un'installazione sonora in una valle della Ortahisar, in Cappadocia, circondata da formazioni vulcaniche rocciose, antiche case di piccioni e un piccolo ruscello.
Anche se sono nuova, chi volesse potrò seguirmi su Instagram, il mio account è @cinporseleni. Ho anche un account Facebook, ma non sono molto attiva. Possono anche visitare il sito Galeri Nev Istanbul, la galleria con cui lavoro a Istanbul e anche la Green Art Gallery a Dubai.

Hale Tenger

Gallerie dove espone Hale Tenger:


Hale Tenger | Beirut
Inaugurazione: giovedì 14 giugno 2018, ore 19:00
Visitabile fino al 1° settembre 2018
dal martedì al sabato | 16.00-20.00

RIZZUTOGALLERY
Palermo, via Maletto, 5 – via Merlo, 36/40
+39 091 779 5443
+39 347 176 9901

Andrea Giostra