Elisa Giobbi, nel libro "Milena Q" il reale caso di cronaca di Milena Quaglini

Fattitaliani

Milena Quaglini si toglie la vita il 17 ottobre del 2001 nel carcere femminile di Vigevano, dove è in attesa di sentenza per l'assassinio di Angelo Porrello, all'epoca dei fatti suo convivente.

Non si tratta, però, dell'unico omicidio da lei commesso: Milena ha già ucciso, Milena uccide gli uomini violenti che abusano di lei. Eppure, stavolta nessuna attenuante sembra poterla salvare dalla condanna che la terrà lontana dai figli, dalla possibilità di una vita normale. 

Quello di Milena Quaglini è uno dei casi di cronaca più noti in Italia. Prestandole la voce, Elisa Giobbi tesse la ragnatela dei pensieri che affollano la sua mente. Un viaggio tra i meandri di un'anima offuscata dal dolore, dall'alcol e il ricordo di un'infanzia di botte e umiliazioni. Il suo lungo racconto - intervallato da documenti ufficiali - restituisce un'indagine cruda e sincera sulla natura umana, sulla responsabilità e il senso di colpa, sull'istinto di sopravvivenza e la violenza di genere. Da questa indagine emerge tutta la fragilità di una donna costretta a subire, la facilità con cui la vittima può diventare carnefice, un dolore trasformarsi in depressione, l'assenza di amore in un peccato da espiare. 

L’autrice non cerca empatia verso il suo personaggio, ma indaga come una relazione violenta possa cambiare il volto di qualunque essere umano.

Quella di Milena Quaglini è una storia vera. Nel testo – grazie all’aiuto del suo avvocato – sono presenti testi e perizie ufficiali. Il libro ha già venduto i diritti per il cinema.


Milena Q. assassina di uomini violenti

ELISA GIOBBI

in libreria dal 14 Febbraio 2022

ISBN: 979-12-80720-04-7

Pagg. 160

L’AUTRICE  Laureata in lingue e letterature moderne, operatrice culturale e turistica, ha pubblicato Rock’n’roll noir (Arcana, 2016), La rete (Stampa Alternativa, 2018), Eterni (Vololibero 2018), La sposa occidentale (Robin, 2019 – romanzo vincitore del Premio Luzi per la narrativa inedita e della menzione d’onore al Premio Casentino), Love (& Music) Stories (Odoya, 2019) e La morte mi fa ridere, la vita no (Arcana, 2020). Membro del CDA del Teatro della Toscana, da molti anni è presidente dell’associazione culturale Firenze Suona, con cui organizza e dirige concorsi nazionali e festival musicali. Ha ricevuto il riconoscimento alla cultura Villa Vogel 2021.



Fattitaliani

#buttons=(Accetta) #days=(20)

Questo sito utilizza cookie di Google per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più
Accept !
To Top