CINEMA PORTOGHESE, JOÃO NICOLAU presenta TECHNOBOSS AL BELTRADE di MILANO DOMENICA 27 FEBBRAIO

Fattitaliani



‘Technoboss' (2019)
 di João Nicolau, con protagonisti Miguel Lobo Antunes, Luisa Cruz e Mick Greer. Luis è un tecnico alla sicurezza in procinto di andare in pensione e ormai incapace di stare al passo coi tempi di una tecnologia sempre più moderna e incomprensibile. Un’operetta buffa e malinconica, che mescola metal e canti a cappella, in un crescendo di surrealismo che porta al più dolce dei finali.

Il film è stato presentato, tra gli altri, nei seguenti festival:

Festival do Rio – Brasile 2019

Festival International du Film de Marrakech – Marocco 2019

Sevilla International Film Festival - Spagna 2019 (Grande Premio

della Giuria)

Viennale - Vienna International Film Festival – Austria 2019

Valdivia International Film Festival – Cile 2019

Mostra Internacional de Cinema de São Paulo – Brasile 2019

Locarno Film Festival – Svizzera 2019

 

Il regista:

João Nicolau è nato a Lisbona e ha studiato antropologia. Lavora come regista, montatore, attore e musicista. Come montatore ha collaborato con João César Monteiro, Margarida Gil, Alessandro Comodin e Miguel Gomes. Nel 2010 termina il suo primo lungometraggio, A espada e a rosa (The Sword and The Rose), proiettato al Festival del cinema di Venezia nella sezione Orizzonti, a San Paulo e a Buenos Aires, racconta di un giovane lisbonese maniaco dell’ordine che decide di imbarcarsi su una caravella portoghese del XV secolo e di vivere secondo i codici della pirateria.Il suo secondo lungometraggio, John From (2015), presentato a Siviglia, Torino, Belfort e San Paolo, è una commedia brillante e un po’ strampalata che gira attorno alla figura di Rita, adolescente alla scoperta del mondo, e ai suoi sogni d’amore. Il suo ultimo lavoro, Technoboss (2019), è stato presentato in anteprima al festival di Locarno.

 

Hanno detto del film:

 

Technoboss prosegue nel cammino artistico di Nicolau fatto di

spiazzamenti, algida ironia e surrealismo.

Alessandro Del Re, Filmidee

 

Un film ironico e malinconico che guarda a Jacques Tati e Otar

Iosseliani.

Emanuele Sacchi, My Movies

 

Nella partitura leggera che Nicolau affida ai gesti sghembi del suo personaggio in quella realtà sfuggente se non ostile, disseminata di trappole e di alter ego “nemici immaginari”, l’immagine si allena a parlare del contemporaneo senza farsi intrappolare in alcuno schema.

Cristina Piccino, «Gli universi fantastici del musical in una ballata di rabbia punk», il manifesto, 13 agosto 2019

 

 

Per tutti gli orari di programmazione:

https://bandhi.it/bah/beltrade/

 

Per informazioni su LUSO!:

www.lusofest.pt

 

Fattitaliani

#buttons=(Accetta) #days=(20)

Questo sito utilizza cookie di Google per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più
Accept !
To Top