domenica 1 novembre 2020

Raffaella Carrà: "Non bevo né prendo droghe, ecco perché Hollywood non faceva per me"

Intervistata al telefono dal quotidiano spagnolo "El Pais", Raffaella Carrà dichiara che la prossima edizione di "A raccontare comincia tu" sarà rinviata a causa delle misure restrittive dovute al Covid-19.
L'artista dice: "Se devo sedermi a due metri dal mio intervistato e non posso toccarlo o abbracciarlo, parte dell'essenza si perde. E devi rispettare le regole". E a proposito della situazione attuale: "Sono un po' turbata e ho paura, come è normale. Questa pandemia è molto ostinata".
In Spagna è nei cinema attualmente il musical Explota explota di Nacho Álvarez con le sue canzoni più famose in cui le fa anche un'apparizione: sebbene sia felicissima di questo tipo di tributo sul grande schermo, ammette che la recitazion non l'ha più attirata. Ha debuttato nel cinema all'età di nove anni e tentato la fortuna in alcuni film in Italia e ha fatto il salto a Hollywood. Ma quel mondo non era per lei. "Quando il lavoro finisce alle cinque del pomeriggio, tutti escono a fare festa. E non mi drogo né bevo ”, ammettendo di avere interrotto un contratto con Fox per tornare a casa con sua madre.
Assicura che questo nuovo film ispirato alle sue canzoni non è biografico. “Non è la mia storia. Non ho mai lasciato un uomo in piedi all'altare perché non ho mai avuto intenzione di sposarmi ".
A 77 anni non pensa alla pensione - "Non mi piace quella parola" - ma è contenta di tutto quello che ha fatto in passato. "Ho avuto così tante soddisfazioni che posso dire che non potevo fare di più".