lunedì 21 settembre 2020

Mario Figoni, uscito il fotolibro "La quarantena ad Alghero. The lockdown in Alghero"

Edito Pluriversum Edizioni


Nel periodo tra i più bui della recente storia algherese, italiana, europea, mondiale, l’autore ha avuto la fortuna di testimoniare il vuoto delle strade e delle piazze, la città senza rumore, in uno scenario apocalittico dove svettava l’indomita pandemia.

Il fotolibro è stato realizzato in una dimensione temporale insolita, senza filtri, almeno a detta di Llucia, la bella concittadina che serve ottimi frullati al chioschetto sul lungomare Dante e medita sui drammi e sui danni del coronavirus.

L’AUTORE

Mario Figoni (Roma, 1957), laureato in Medicina e Chirurgia, è specialista in Malattie Infettive. Ha lavorato per 11 anni in progetti a carattere sanitario in Africa Occidentale e per 15 anni a Napoli, come dirigente medico nella IV Divisione (AIDS donne) del presidio ospedaliero “Domenico Cotugno”. È stato anche ufficiale medico dell’Esercito Italiano, medico di bordo, primo capitano medico del corpo militare della Croce Rossa Italiana. Parla o ha parlato, nel corso della sua vita, otto lingue, di cui cinque europee e tre africane. Il dari, una lingua di origine persiana che si parla nella valle del Panjshir, in Afghanistan, è stata l’ultima che si apprestava a imparare, ma il breve soggiorno, appena due mesi, gli ha impedito un reale approfondimento della stessa. Ha effettuato, come consulente, numerose missioni all’estero. Oggi in pensione per inabilità vive ad Alghero con la moglie Milita, delle isole di Capo Verde, e i 2 figli, Marco e Matteo. Ha recentemente pubblicato Coronavirus, memorie di altre epidemie, e ricordi sparsi, presso Pluriversum Edizioni, riscuotendo un (non) inaspettato riscontro di pubblico.