lunedì 20 luglio 2020

Napo, il Luca Napolitano di sempre ma con una consapevolezza differente. L'intervista di Fattitaliani

Il cantautore Napo, pseudonimo di Luca Napolitano, torna con un nuovo singolo dal titolo Movida, sotto la produzione dell’etichetta DA 10 Production e distribuito da Believe Digital.
È una summer hit in stile pop, un pezzo che sembra essere una sfida ai mesi del lockdown, una dichiarazione di indipendenza che rivendica la voglia di stare all’aperto a divertirsi. Perfetto quindi per la stagione estiva, in cui le persone non vedono l’ora di abbandonarsi alla brezza marina, alle luci caleidoscopiche delle piste da ballo e ai sapori esotici dei cocktail. Movida ha tutte le carte in regola per diventare un “tormentone” estivo perché le sue sonorità mettono voglia di ballare, di apprezzare tutto ciò che ci circonda, lanciando un messaggio di ritorno alla vita e alla normalità, godendo di ogni istante senza dare nulla per scontato dopo i durissimi mesi della pandemia. L'intervista di Fattitaliani a Napo.
Come stai vivendo il ritorno alla "Movida" normale?
La “movida” è cambiata, in questo periodo è la normalità che diventa movida. 
Cambiare le abitudini alle quali eravamo legati un po’ ci destabilizza.
Cerco di godermi giorno per giorno i colori di questa nuova estate che ha sicuramente un aspetto unico rispetto alle altre, non nascondo per niente la voglia di ritornare alla vera normalità!!!
Con questo brano inauguri una nuova fase della tua carriera. Chi ti ha spinto o che cosa ti ha convinto verso questo cambiamento?
Ho vissuto in questi anni un periodo di meditazione che mi ha portato a fare questa scelta. Napo esce dal mio passato, è il nomignolo con il quale i miei amici mi chiamavano da piccolo, ai quali facevo ascoltare le mie canzoni senza paure. Sono il Luca di sempre ma con una consapevolezza differente. 
In generale, qual è il tuo rapporto con l'estate? le tue attività, le tue vacanze, i posti che visiti...
Amo l’estate e soprattutto viaggiare in italia. Ovviamente non mi piace visitare gli stessi posti, cerco ogni anno nuovi stimoli. Non ho ancora deciso dove e quando andare in vacanza, ora sono proiettato completamente sul mio lavoro che vivo intensamente, e per il quale rinuncerei anche alla vacanza quest’anno, mi piace guardare l’orizzonte e il tramonto ovunque esso sia perché mi rilassa da morire. Credo negli amici più che nelle vacanze. 
Fra i tormentoni estivi del passato, ce n'è qualcuno che ricordi sempre volentieri?
Il mio passato da animatore di villaggi turistici mi ha fatto crescere con i brani di Edoardo Vianello, credo che abbia sfornato delle grandi hit, indimenticabili!!! 
Secondo te, che cosa rende una canzone "speciale"? è questione anche di tempi e di fortuna?
Gli ingredienti magici non li conosco, mi baso su quelle che sono le mie nozioni, gusti musicali, le mie idee, emozioni. Non sempre si riesce a scrivere cose speciali, le canzoni escono dal pozzo della nostra vita e lo decidono loro dove e quando, vivono di luce propria. 
"Movida" prelude a qualcos'altro? che progetti futuri ti attendono con la DA 10 Production?
Stiamo lavorando già da diverso tempo al mio ultimo progetto, non vedo l’ora di pubblicarlo, la mia musica mi completa le emozioni di chi mi ascolta mi scolpiscono. Giovanni Zambito.
Credit fotografici:  Alessandra Alfieri e Ilaria Margiotta