venerdì 26 giugno 2020

L’abito invernale di Sara Alfieri, racconto di destini intrecciati. La recensione


L’abito invernale di Sara Alfieri è un romanzo denso e significativo; è lo spaccato di un’epoca in cui si racconta la vita di numerosi personaggi i cui destini sono legati saldamente tra loro. 

È in particolare la storia di tre famiglie: i Maladian, i Deauville e i Mozen, che si incontrano e si scontrano in più di un secolo. Sono Carole Maladian e Simon Deauville i centri attorno a cui ruotano gli altri personaggi: presentati sin da bambini, viene narrata la loro infanzia e il loro primo incontro, fino ad osservarli adulti. E i personaggi che gravitano intorno a loro - nonni, genitori, figli, amici, amanti e conoscenti - contribuiscono a creare un microcosmo complesso al cui interno accade la vita, così come succede nel mondo reale. Sara Alfieri è infatti molto abile nel delineare caratteri e personalità, rendendo i suoi personaggi tridimensionali; ognuno di loro è tratteggiato con cura, e mostrato nei suoi desideri, nelle sue paure, nella sua umanità. Un’umanità che oscilla sempre tra il male e il bene, tra l’egoismo e l’altruismo, tra l’odio e l’amore. Carole è l’esempio lampante di un personaggio, e una donna, che a causa di traumi del passato non riesce a perdonare e a perdonarsi, commettendo spesso azioni discutibili: “Carole cercava protezione nel modo sbagliato. E viveva nel modo sbagliato: prendeva e non dava nulla in cambio”. Al suo opposto c’è Simon, un uomo buono, forse troppo, a volte schiacciato da una moglie capace di grandi slanci di affetto così come di disprezzo: “Completamente soggiogato dalla moglie, Simon si era via via annullato, donandole anima e corpo come se ne fosse schiavo e la sua vita non contasse niente”. È un amore tormentato quello che l’autrice racconta, deturpato da segreti, vendette e sensi di colpa. Personaggi ignobili come Duncan Delmore, pigmalione di Carole, o estremamente positivi come André Maladian, fanno in modo che il lettore si senta calato in una storia che riesce sempre a trasportarlo da un lato all’altro della gamma di sfumature del comportamento umano, rendendo l’opera tanto vicina alla realtà da dimenticarsi che è solo finzione. Nucleo della narrazione è inoltre l’amore per l’arte, in tutte le sue declinazioni: dalla sartoria, mestiere tramandato nella famiglia Maladian, alla recitazione, sia Carole che Wera sono attrici, fino alla musica, Simon è un ottimo pianista, come lo era stato suo nonno; e l’autrice riflette e fa riflettere sul potere dell’uomo di creare bellezza, così come sulla sua capacità di distruggerla.



Titolo: L’abito invernale
Autore: Sara Alfieri
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: Casa Editrice Kimerik
Collana: Kimera
Pagine: Tomo1: 510; Tomo2: 724
Prezzo: 28,00
Codice ISBN: 978-88-937-59-885


Contatti