domenica 5 aprile 2020

Maree presentano "Versilia" un EP intimo, personale ed emotivo. L'intervista

MAREE è una band nata a Prato, in cui sonorità cupe ed emotive si alternano alla ricerca di una speranza, anche quando intorno tutto appare buio.
Il loro primo EP "Versilia", è il racconto di paure, errori e vittorie attraverso 5 brani mordenti ed introspettivi, un connubio fra alt-rock "Made in Italy" ed influenze decisamente più moderne ed estere. "Versilia è un EP per non nascondere più niente, per urlarsi in faccia il coraggio di essere se stessi, anche quando abbiamo il vento contrario."
Parlateci dell'ep...
Abbiamo scritto VERSILIA perché fosse un EP intimo, personale ed emotivo. Ci impegniamo perché i nostri pezzi che trasmettessero la nostra realtà senza paura a chiunque voglia ascoltarci. 
Quali sono i vostri artisti di riferimento? 
I gruppi che più ci ispirano sono quella della scena alternative italiana, ma anche l’ondata emo anni 90, il post rock, il post punk, cerchiamo insomma di variare negli ascolti e nei generi di riferimento e speriamo che ciò si rifletta nella nostra musica.
Qual è l’esperienza lavorativa che più vi ha segnato fino ad ora?
Sicuramente essere entrati in studio con un professionista come Leo Magnolfi, l’esperienza ci ha sicuramente formati, ci ha fatto capire l’importanza di un sound personale, e ci ha dato la soddisfazione di ascoltare con orecchio diverso i pezzi che provavamo in sala da mesi.
Invece quella mai fatta e che vi piacerebbe fare?
Vorremmo riuscire ad esibirci su palchi più grandi e collaborare ed incontrare i nostri musicisti preferiti, ma soprattutto riuscire a conquistarci un posto nella vita delle persone che ci ascoltano e riuscire a creare dei legami solidi grazie alla musica.
Progetti futuri? Farete un tour?
Speriamo di sì con tutto il cuore, suonare i nostri pezzi davanti a chiunque ci ascolti è ciò che ci spinge a continuare ad impegnarci e a scrivere musica.