sabato 14 marzo 2020

Coronavirus, Francesco Carofiglio: Usiamo questo tempo per riflettere

Sul suo profilo Facebook, l'autore di "Wok" e "L'estate dell'incanto" uscito il 24 settembre 2019, ha condiviso una riflessione sulla situazione che stiamo vivendo richiamando al dovere del senso civico e del rispetto.

Allora, mantenere un profilo basso in queste settimane è la cosa migliore, credo che cominciamo a essere tutti d’accordo su questo.
Essere lucidi, avere le precauzioni necessarie, rispettare le regole di comportamento sociale. Attenersi alle norme igieniche, e attendere con calma il tempo che serve (ne servirà) per superare questo periodo.
Quelli che “sfidano l’emergenza” ostentando una fiera baldanza sono degli irresponsabili, non riesco a dirla diversamente. Leggo di feste, degustazioni in piazza, festose adunanze nei bar, nei pub, nelle strade dello shopping, nei centri commerciali, folle che si accalcano agli impianti di risalita nelle località sciistiche, settimane bianche come se non ci fosse un domani, leggo di quelli che si ficcano in massa dentro i treni per scavalcare la zona rossa, totalmente incuranti del rispetto delle regole e del buon senso.
Tutto questo dice chiaramente, e meglio di ogni altra cosa, perché un’emergenza diventa tale.
Si chiama assenza di senso civico, irresponsabilità.
Normalmente mi astengo dal giudicare i comportamenti altrui, non sono un moralista e credo fermamente nella libertà delle persone di decidere per la propria vita. Ma qui stiamo parlando della vita degli altri, della vita di tutti. Quelli più fragili, che la vita la rischiano davvero, e il resto della popolazione che deve e dovrà adattarsi a condizioni sempre più restrittive se il popolo dei baldanzosi irresponsabili continua a fare danni.
Norberto Bobbio diceva che i nostri diritti non sono altro che i doveri degli altri nei nostri confronti.
Usiamo questo tempo lento per fare buone letture, per vedere buoni film, per studiare. Usiamo questo tempo per riflettere.