domenica 22 marzo 2020

A Fattitaliani Angelo di Benedetto presenta il 1° singolo "Speciale": adesso mi sento parte di un mondo più grande di me. L'intervista

"Sei bella da togliere il fiato, ti guardo, ti penso, mi sento cadere nel vuoto". Così Angelo di Benedetto propone la sua dichiarazione d'amore, una dichiarazione dantesca dei tempi moderni scandita da un ritornello fresco, romantico e senza tempo. Parole semplici ma allo stesso tempo complesse che arrivano dritte al cuore, incitazioni all'amore e al presente. Un ritmo preciso e coinvolgente dal quale sarà davvero difficile liberarsi! Angelo di Benedetto si insinua così romanticamente nel panorama musicale con questo primo singolo ma si sta già facendo strada tra il suo pubblico attivo sui social che attende già con ansia il suo prossimo lavoro! Fattitaliani lo ha intervistato.

Come ti presenteresti ai nostri lettori come persona e come artista?
Mi definisco come persona per il momento perché sono all'inizio di un percorso che mi porterà magari a realizzare il sogno di diventare un artista vero che si guadagna da vivere facendo musica.
Musicalmente come ti sei formato?
Un giorno ho comprato una chirarra non avendo la minima idea di come si suonasse e mi sono fatto inserire nel coro della parrocchia del mio paese, sono partito così... Poi pian piano con l'aiuto di un amico e rubacchiando consigli e tecniche un po' ovunque ho iniziato ad avere una mia identità legata anche dai diversissimi generi musicali che ho ascoltato in vita mia, dal Metal al pop in sostanza..
Hai riferimenti artistici ben definiti che si potrebbero ritrovare nella tua musica?
In realtà non riesco a ritrovare dei riferimenti fissi nelle mie canzoni: Speciale per esempio è una ballata romantica vecchio stile con un ritornello da hit, magari si potrebbe definire pop vecchia scuola... altre canzoni sono un misto magari tra Ultimo o Tiziano Ferro o anche qualcosa di indie.
In che cosa "Speciale" ti rispecchia?
Rispecchia il mio modo di essere, il testo racchiude delle frasi che davvero direi ad una ragazza per conquistarla. Quindi semplicemente mi rispecchia perché è un testo vero, parole vere che direi ad una ragazza senza provare timidezza o vergogna di nessun tipo.
Che cosa rende il tuo primo singolo qualcosa di "Speciale"?
Io credo che il ritornello rimanga impresso nella mente, può tranquillamente essere dedicato a qualcuno o qualcuna di speciale. Inoltre esprime un concetto forse raro ai tempi nostri, l'amore semplice perché vero, magari all'antica per qualche ragazzetto di oggi ma nostalgica per la mia generazione in quanto siamo cresciuti forse con questa concezione dell'amore, per come lo vedo io.
In che senso trattasi di una dichiarazione "dantesca" dei tempi moderni?
Mah in realtà la storia è divertente, mio fratello stava ripetendo a voce alta la parafrasi di un'opera di Dante e qualcosa nei versi mi ha fatto pensare alla mia canzone: certo in chiave moderna, ma tutto sommato racchiude l'amore verso una ragazza che può essere tranquillamente paragonato all'amore di Dante per Beatrice.
Ci puoi descrivere un po' le tue emozioni e le tue paure alla vigilia di questo debutto?
Innanzitutto felicità ed emozione, per la prima volta mi sono sentito parte di un mondo più grande di me, quindi non più rinchiuso in camera mia a scrivere qualcosa che al massimo avrebbero potuto sentire amici o famigliari, ma tutto il mondo e questo già è tanto. Anche molta soddisfazione per essere riuscito a creare "Speciale" e poterla condividere con il mondo. La paura che ho avuto era di ricevere commenti negativi, di ricevere l'indifferenza delle persone che forse è anche peggio. Per fortuna la canzone è piaciuta e sono arrivato ai 2k stream per adesso quindi sono contento: spero che vada sempre meglio naturalmente. Giovanni Zambito.

Crediti:
 
Testo e Musica di Angelo di Benedetto
 
Arrangiamento di Marco Gatti
 
Registrato, Prodotto e Distribuito
presso:
 Artisti Online 
Rione CLN 4/b 
Reggio Emilia
 
 
Edizioni Musicali
Magilla Spettacoli