venerdì 27 settembre 2019

Io, Leonardo: dal 2 ottobre al cinema il nuovo film d’arte Sky con Luca Argentero

Al Cinema dal 2 ottobre “Io, Leonardo” il nuovo film d’arte Sky realizzato in occasione del cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci. 

Successivamente sarà trasmesso in Tv su Sky e distribuito nel mondo da True Colours a dimostrare che l’audiovisivo è una grandissima macchina aziendale rilevante nel terzo milennio! Un mercato che è in crescita. Io Leonardo è il settimo film che Sky produce, sarà distribuito in cinquanta paesi sia nei cinema che in altre emittenti. 
A rendere inedito il Film sono anche gli effetti visivi e digitali che rendono vivi i disegni e le invenzioni di Leonardo. 
Una produzione originale Sky con Progetto Immagine, Distribuito da Lucky Red. 
La Regia è di Jesus Garces Lambert che approfondendo non lascia nulla al caso. Scava nell’animo dell’uomo per arrivare ai capolavori che è riuscito a lasciarci, passando dall’Uomo Vitruviano alla Camera degli Specchi fino all’Ultima cena.
Un meraviglioso processo di umanizzazione che porta a pensare che oggi Leonardo sarebbe un Genio dentro al PC. 
Nel ruolo di Leonardo da Vinci, Luca Argentero che in alcune scene non convince. 
Altri interpreti: Angela Fontana (Cecilia Gallerani); Massimo De Lorenzo (Ludovico il Moro).
Voce narrante Francesco Pannofino che riesce a dar corpo alla fragilità del Genio. E’ la voce della coscienza di Leonardo al quale si rivolge in seconda persona. 
C’è una fedeltà storica sia nei costumi realizzati da Maurizio Millenotti.
Scenografia di Francesco Frigeri.
Direttore eccellente della Fotografia, Daniele Ciprì. 

Leonardo era frutto di una relazione della madre con Ser Piero, un Notaio che non lo aveva mai riconosciuto e che a dieci anni lo affida al Maestro Andrea Verrocchio perché coltivi l’arte nella sua bottega. Il Maestro individua subito il talento di Leonardo e lo prende a ben volere. 
“Triste quel discepolo che non supera il Maestro”.

Leonardo è uno dei personaggi più complessi che conosciamo. Capace di passare dall’ingegneria all’arte in modo onirico. Un uomo che rimane fedele a se stesso dall’inizio alla fine.
Protagonista assoluta del Film è la mente di Leonardo.  All’interno della sua mente, Leonardo incontra artisti, uomini di potere e allievi della sua bottega ma soprattutto si confronta con se stesso. 
L’arte non ha nazionalità e le opere di Leonardo sono Patrimonio Universale. Nelle sue invenzioni nulla manca e nulla è superfluo. 
Se il Classicismo è il sicuro possesso di una concezione unitaria del mondo, Leonardo non può dirsi classico poiché per lui la natura non è verità solare ma oscuro dominio da scrutare e fonte d’ispirazione che viene spesso messa in rilievo nel Film. 
La natura come luogo ampio e astratto che si alterna con altri luoghi ed insieme dipanano il filo della sua vita.  
Elisabetta Ruffolo