mercoledì 22 agosto 2018

Altavilla Milicia, MOSTRA “MEMORIE SUBACQUEE”, UN VIAGGIO ARTISTICO TRA I MARI

La mostra fa parte del Blu Fest patrocinato dal Comune di Altavilla Milicia, il vernissage sarà giovedì 23 agosto alle ore 18 all'interno della villa confiscata alla mafia Cambio Rotta. Nei locali adiacenti, la mostra sarà fruibile durante gli orari di apertura e si avvale di strumenti multimediali e visori 3D, visitabile fino al 2 settembre con ingresso gratuito
All'interno della villa confiscata alla mafia Cambio Rotta, si estende il più grande museo multimediale dedicato al mare in SicIlia. Nell'ambito del progetto NEMO, co-finanziato da Fondazione CON IL SUD, mostreremo i nostri ritratti e video subacquei realizzati sin dal 2013.

Abbiamo ritratto modelli non professionisti, turisti, cantanti, coppie, amanti dell'acqua immersi sia nel Mediterraneo che nel lontano e colorato Oceano Indiano, dove i fondali parlano della storia che li attraversa e di come interagiscono con gli esseri umani.

Il ritorno alla sorgente è un processo che segue il flusso inverso della vita.
Nasciamo dall'acqua, lì apprendiamo le lettere che hanno scritto un capitolo unico nella storia dell'universo, dove i minerali hanno preso forma, si sono uniti, hanno cominciato a crescere per formare un qualcosa di resiliente.

Tornare alla sorgente è il modo più diretto per conoscere la creazione, immergi la tua storia e leggi tra le righe, ci sono lettere che svaniranno, altre saranno scritte e si mescoleranno, la trasformazione e l'adattamento del copione è un processo di scrittura e sovrascrittura, dna impazzito che punta solo a una cosa: vivere, sopravvivere, crescere.
L'acqua è un essere vivente fatto delle coscienze di ogni essere vivente che è mai stato creato e che lo sarà, lì risiede la saggezza e ogni cosa può rinascere, immutata nella forma, arricchita nella sua densità.

Si apre in questo modo il percorso multimediale della mostra di Underwater Memories - Feelings in art dimension esposto in questa sala.

L’acqua è un elemento noto nell’universo e presente come composizione di idrogeno e ossigeno, piegato in una forma mistica, adatta a intrappolare in sé memorie, racconti e voci di ciò che attraversa. Da qui è nata l’idea di espandere la percezione artistica visiva e renderla un’esperienza completamente nuova, immersiva e onirica, in grado di dare nuova profondità ai colori e alle immagini immortalate nei mari scelti come set fotografici naturali.