mercoledì 5 gennaio 2022

Papa Francesco, Emilia Clementi scrive al pontefice su figli, adozioni, animali

Durante la prima udienza generale del 2022, Papa Francesco ha dichiarato: «Cani e gatti occupano il posto dei figli, rinnegare paternità e maternità ci toglie umanità» «Oggi la gente non vuole avere figli, almeno uno. ... Sì, cani e gatti occupano il posto dei figli». Gli risponde con un post intenso pubblicato su facebook Emilia Clementi. Lo pubblichiamo.

"Caro papa Francesco, purtroppo la vita non mi ha concesso la grazia di essere una moglie, madre e compagna. Ma sono grata  lo stesso, perché vivo ogni giorno la mia vita, cercando di fare qualcosa per gli altri e crescere spiritualmente. 

Ho accanto a me un "animale", un piccolo essere speciale che mi ha salvata dell'anoressia, dalla tentazione del suicidio e dalla depressione dei miei lutti. 

In questi 10 anni vissuti con il mio Pidicudduzzu (uno dei tanti nomignoli che gli ho dato) sono stati per entrambi importanti, ho avuto la responsabilità di reagire, lottare e rialzarmi per non lasciarlo solo e nei momenti che ho vacillato con la fede, il mio Toby mi ha insegnato a riconoscere la mia anima attraverso il suo istinto di protezione nei miei confronti. 

Ringrazio tutti i giorni di avere questo "figlio speciale", un dono prezioso per il mio bene e per il percorso che insieme ancora faremo. 

Mi prenderò cura di lui, fino a quando la morte non ci separerà. 

Ho imparato alla mia età, l'accettazione di ogni conseguenza che la vita stessa ci presenta come conto da pagare e da restituire. 

Benedica Dio tutti questi esseri speciali che sanno riempire un vuoto assoluto che a volte neanche i figli riescono a fare.

I figli sono grazia di Dio, ma anche gli animali sono piccoli angeli scesi dal cielo. 

Un'ultima cosa vorrei dirle caro Papa Francesco: se le adozioni fossero possibili anche per i single e per le persone over 50 forse non ci sarebbero così tanti orfani negli istituti, così come se non ci fossero "costi" per le adozioni (per usare un termine gentile) magari per tante persone sarebbe più facile adottare. Mi creda Santità, non sono certo gli animali il problema, ma le difficoltà e il "mercato" che si è creato intorno alle adozioni. Magari rifletta anche su questo.

Queste sono le mie umili parole dettate dal cuore."