mercoledì 1 settembre 2021

Fioriti e il singolo "Magica": amo cambiare e cimentarmi sempre in cose diverse". L'intervista di Fattitaliani

Frizzante e leggero, caratterizzato da sonorità che miscelano sapientemente il pop all’attitudine nostalgica tipica del cantautorato, "Magica" è il nuovo singolo del cantautore di Fioriti, scritto e prodotto dallo stesso Matteo Fioriti e da Andrea Spigarelli. Il btzno racconta l’importanza di prendersi un momento per realizzare la fortuna di avere qualcuno su cui poter fare affidamento. Fattitaliani lo ha intervistato.
Quanto "Magica" rappresenta il tuo mondo musicale?
Direi che “Magica” è una parte del mio mondo musicale. Sento di essere in continua evoluzione e credo che il mio stile e i generi da cui attingo continueranno a cambiare pezzo dopo pezzo. Dipende molto dal momento; “Magica” musicalmente era perfetta per esprimere quel tipo di emozioni. Il suono, il genere, lo stile credo siano molto importanti per trasmettere al meglio la sensazione che si vuole condividere e sebbene c’è chi ritiene che questo sia un difetto, amo cambiare e amo cimentarmi sempre in cose diverse.

Sei giovane: ti guardi comunque indietro a vedere e analizzare i passi finora fatti?

Assolutamente sì. Sono molto critico con me stesso, molto affamato ma sempre attento a non inquinare i miei ideali. In questo momento mi sento in un punto i cui attorno a me c’è solo acqua, come se fossi in mezzo ad un oceano. Continuo a muovermi e a sorridere cercando sempre di ricordare il perché.

Ci sono delle persone a cui ricorri sempre per dei consigli o cui fare ascoltare in anteprima la tua musica? 

Mio cugino Andrea in primis. È stato lui che ha permesso un salto di qualità nel mio percorso. È stato sempre la mia influenza più grande e siamo ancora insieme in questo viaggio. La sua opinione è sempre molto importante. Poi sicuramente mio fratello ed in un secondo momento la mia famiglia ed i miei amici.

Con quali riferimenti musicali sei cresciuto e ti sei formato?

Sono cresciuto ascoltando di tutto. Ancora una volta ha fatto sempre la differenza il momento. Ho iniziato con il rock ed il metal. Durante l’adolescenza ho conosciuto il rap e crescendo ancora ho iniziato ad apprezzare le mie radici e il folk. 

Ci sono dei posti o dei momenti precisi in cui l'ispirazione è attiva e prolifica?

Ci stavo pensando l’altro giorno… non scrivo mai d’estate. I miei momenti più prolifici sono sempre in autunno e poi da febbraio fino ad aprile… non so perché - forse l’aria è più incerta e ho bisogno di chiedermi il perché (ride). Qui a Gualdo Tadino ci sono dei posti meravigliosi e dei tramonti altrettanto bellissimi, non a caso “Magica” è stata scritta un anno e mezzo fa proprio sotto il rosso di un tramonto pazzesco.

A "Magica" seguirà un progetto più ampio?

Sì, decisamente. Anche se non so quando si potrà parlare di progetto più ampio. Sto cercando di fare i passi giusti per aprire più porte possibili, non è semplice, ma ci riusciremo. Giovanni Zambito.



Matteo Fioriti, classe ’97, è l'ibrido tra il cantautorato italiano e le affascinanti sonorità d’oltreoceano. FIORITI inizia a suonare da giovanissimo e vive sul palco da quando aveva 14 anni.  Dal 2016, ha collezionato più di 200 date in tutta Italia, sempre in solitaria con chitarra e voce, condividendo spesso il palco con artisti del calibro di The Zen Circus, Calcutta, Lo Stato Sociale, Canova, Rkomi, Shade e molti altri. Nel 2020 inizia la produzione dei nuovi brani nel suo Home Studio tra le colline umbre. Ad aprile 2021 pubblica il primo singolo "Check" per l'etichetta umbra JAP Records con distribuzione Artist First: un nuovo capitolo destinato a proseguire con l’uscita di “Magica”, disponibile in digitale dal 30 luglio 2021.

 

 

https://www.instagram.com/fioriti
https://www.facebook.com/fioritipagina

https://www.youtube.com/channel/UC26ofkwUKuxf_x663vb8tTA