venerdì 23 luglio 2021

Daniele Salvo a Cipro dal 26 al 31 luglio con la regia di "PROMETHEUS" in rappresentanza dell’Italia al Festival Internazionale di Teatro Antico di Cipro

Daniele Salvo sarà a Cipro dal 26 al 31 luglio con la regia di "PROMETHEUS"
 di Eschilo di cui cura anche la traduzione.
Lo spettacolo sarà in scena in rappresentanza dell’Italia al Festival Internazionale di Teatro Antico di Cipro. In scena Alessandro Albertin (Prometeo), Melania Giglio (Io), Martino Duane (Oceano), Simone Ciampi (Efesto, Hermes), Marcella Favilla, Francesca Mària, Giulia Galiani, Marta Nuti, Giulia Diomede, Giuditta Pasquinelli, Ester Pantano (Le Oceanine), Salvo Lupo (Ananke, il Destino). Costumi di Daniele Gelsi, scene di Fabiana Di Marco, luci di Giuseppe Filipponio, assistente alla regia Alessandro Guerra. Produzione Associazione Culturale Dide – Fahrenheit 451 Teatro 

Note di Daniele Salvo

Prometeo ladro del fuoco, nemico degli dèi, Prometeo amico degli uomini, portatore di luce, Prometeo vittima e colpevole, creatura del passato e del futuro. Prometeo il tracotante. In una terra desolata, in un tempo mitico, in cui la realtà è dominata dai Titani, in cui gli dèi determinano i destini del tempo e dello spazio, Prometeo osa opporsi a Zeus, il nuovo dio assoluto. Lo scontro fra Prometeo e Zeus è spaventoso, inimmaginabile. E’ una vera crisi sacrificale. Proprio come Cristo, Prometeo soffre a causa degli uomini, proprio come lui subisce una punizione esemplare ed ingiusta. Zeus è per il radicale annientamento del genere umano, della razza degli effimeri, parassiti insignificanti, mentre Prometeo, attraverso il dono del fuoco, vuole donare loro una possibilità. Il fuoco è la scintilla divina che rende tutto possibile, che illumina la via. Il mito di Prometeo parla di noi, della condizione umana, della sua labilità, della sua duplicità, della sua ambivalenza e ci ricorda che il senso ultimo della nostra condizione è proprio il fatto di essere effimeri... In questo momento di perdita di valori e di ideali, di degradazione e superficialità assoluta, di mancanza di dei e Titani, di incolmabile tracotanza umana, è assolutamente necessario confrontarsi con la parola antica, tentare di decifrare il riverbero luminoso proveniente da quelle stelle ormai scomparse, fermarsi sul ciglio della voragine, attendere, guardare la luce e riflettere sui nostri destini futuri. Per un istante. Solo per un istante.

Lo spettacolo, dopo Cipro sarà in scena in Italia il 19 e 20 Settembre al Festival di Teatro antico di Catania "Amenanos Festival"  presso il Teatro Antico di Catania, e il 20 Settembre lo spettacolo sarà trasmesso anche in streaming negli Stati Uniti.

Sono tanti gli appuntamenti che vedono impegnato alla regia Daniele Salvo nei prossimi mesi: "VENERE E ADONE"  (di William Shakespeare dall' 1 al 5 e dal 9 al 12 Settembre al GLOBE THEATRE Roma e il 17 Settembre Festival di Teatro antico di Catania "Amenanos Festival"), "LA NOTTE DELL'INNOMINATO" (con Eros Pagni - Prima Assoluta da A. Manzoni ("I promessi sposi") dal 19 al 31 Ottobre - PICCOLO TEATRO DI MILANO  Teatro Strehler e poi in tournée in Italia), "LA DIVINA SARAH"  (prima assoluta da “Memoir” di John Murrel, Testo di Eric-Emmanuel Schmitt, anteprima Teatro Torbellamonaca dal 22 al 24 Ottobre e dal 28 al 31 Ottobre al Teatro Quirino di Roma, poi in tour nazionale con Laura Marinoni e Stefano Santospago), “I SOGNATORI” (Vladimir Majakovskij, Sergej Esenin, Boris Pasternak, Marina Cvetaeva, in scena  a dicembre 2021 (Sulmona) e a gennaio 2022 a Roma con Daniele Salvo, Melania Giglio, Giacinto Palmarini, Daniele Ronco)

Altri lavori che vedranno impegnato Daniele Salvo nella stagione 2021/2022 sono: "CASSANDRA - ILIO IN FIAMME" da Euripide (Produzione Fahrenheit 451 Teatro / A.C.Kairos),  "CASSANDRA - in te dormiva un sogno", il lungometraggio per il cinema "GLI ALTRI" da un romanzo di Michele Prisco, che si girerà in Puglia a novembre. Inoltre sarà impegnato come attore nel reading IL GRANDE INQUISITORE di Fedor Dostoevskij, l’11 novembre presso l’Ambasciata Russa (anteprima) e il 23 Novembre a Teatro Off Off di Roma; un reading di e con Daniele Salvo e con Pavel Zelinskij.