lunedì 14 giugno 2021

Giovanni Tommaso, Abbiamo tutti un blues da piangere: l’autobiografia del maestro del jazz

Sarà una serata all’insegna del grande jazz quella che andrà in scena sabato 19 giugno alle ore 18 alla Casa del Cinema, nel Teatro all’aperto Ettore Scola. A distanza di due anni dall’evento di presentazione del documentario candidato ai Nastri d’Argento 2020 La coppa del jazz, a lui dedicato dalla figlia Vivian e presentato proprio alla Casa del Cinema in occasione dei 60 anni di carriera, sarà di nuovo il musicista Giovanni Tommaso, uno dei signori del jazz italiano e non solo, a calcare il palco di Villa Borghese per raccontarsi e raccontare la sua lunga carriera ad una platea di amici e colleghi.

 

Sarà l’occasione per presentare al pubblico la sua ultima fatica, stavolta editoriale, dal titolo Abbiamo tutti un blues da piangere, un’autobiografia edita da Albatros in cui il musicista ripercorre la propria vita - intima e professionale - partendo dalla nascita a Lucca nel 1941 fino ai giorni nostri, passando anche per alcuni momenti difficili. Come conferma lo stesso autore nella prefazione del testo: “Ho intitolato questo mio libro ‘Abbiamo tutti un blues da piangere’, perché mi piace e anche perché, ripensando a certi episodi della mia vita, ricordo bene quanto abbia sofferto vivendoli. Fortunatamente posso dire che si è trattato di episodi sporadici. E comunque, con il blues si può anche ridere”.

 

Un viaggio profondamente caratterizzato dalla musica, a testimonianza di un talento e di una passione che sin dalla giovane età hanno ispirato ogni scelta artistica di Tommaso e segnato le sue numerose tappe professionali: dagli esordi degli anni ’50 con il Quintetto di Lucca, alle prime esperienze, poco meno che ventenne, nella New York dell’epoca d’oro con i suoi locali storici in cui si esibivano Miles Davis e John Coltrane. E poi la formazione dello storico gruppo Perigeo nel 1972, che guida fino al ’77 realizzando cinque album, fino al grande successo internazionale con le esibizioni al fianco di prestigiosi gruppi come i Weather Report e i Mahavishnu e gli album incisi con Mary Lou Williams, Art Farmer, Johnny Griffin, Gerry Mulligan, Sonny Rollins, Benny Golson. Senza dimenticare il numero infinito di collaborazioni con altri grandi nomi del jazz, sia italiano che internazionale: Enrico RavaStefano BollaniRoberto GattoRita MarcotulliDanilo ReaMassimo Urbani, Paolo FresuMax RoachAbbey LincolnChet BakerJohn LewisLee KonitzDexter GordonSteve LacyMal Waldron, Barney Kessel, Gil Evans, Kenny Drew, Joe Venuti, Bobby Mc Ferrin, Elvin Jones, Kenny Clark, Don Byas, Hampton Howes, Lionel Hampton.

 

Prosegue Giovanni Tommaso: “Sono stato incoraggiato da colleghi e anche da alcuni critici/scrittori italiani e americani a scrivere un libro autobiografico con varie testimonianze. Tra questi Ashley Khan e James Gavin, autore del bellissimo libro su Chet Baker ‘Deep in a Dream’(…). I vari stili che hanno determinato l’evoluzione del jazz sono strettamente legati a eventi storici e sociali, per questo ho pensato che la mia autobiografia potesse interessare appassionati, colleghi e magari qualche curioso lettore di storie raccontate da un provinciale lucchese che si è ritrovato in giro per il mondo. I primi capitoli sono autobiografici e partono dalla mia infanzia, la guerra, il primo dopoguerra e la mia passione per il cinema. Poi cronologicamente racconto storie legate alle varie tappe della mia carriera di musicista. In ultimo qualche riflessione di carattere generale sulla musica e su alcuni musicisti, in particolare i giganti del jazz che ho conosciuto e con i quali ho suonato”.

 

Molti saranno gli ospiti illustri del mondo della cultura e dell'arte, insieme agli amici di una vita, che durante la serata curata da Vivian Tommaso e Fabio Bacchelli si alterneranno sul palco del Teatro all’aperto Ettore Scola per raccontare le meraviglie scritte e composte dal musicista in oltre 65 anni di carriera. Tra questi il Prof. Luca Seccafieno, trombettista di fama internazionale nonché relatore d’eccezione dell’evento, il giornalista e critico musicale Dario Salvatori e il discografico giornalista Adriano Mazzoletti, uno degli artefici dell’ascesa del jazz in Italia e amico di Giovanni dal 1958, anno in cui si conobbero in occasione del 2° Festival del jazz di Roma. E poi ancora Rita Carla MarcotulliPasquale MinieriBruce DitmasBruno BiriacoRoberto GattoGegè MunariVito TommasoRossana Buono.


 

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili, al momento ridotti per garantire il distanziamento di sicurezza tra gli spettatori.

 

La programmazione di Casa del Cinema è promossa da Roma Culture, Dipartimento Attività Culturali.

 

CASA DEL CINEMA

Spazio culturale promosso da Roma Culture, Dipartimento Attività Culturali

Gestione Zètema Progetto Cultura

Direzione Giorgio Gosetti

in collaborazione con Rai; Rai Cinema 01 distribution

 

INDIRIZZO Largo Marcello Mastroianni, 1

ORARIO MOSTRE | tutti i giorni 10.00/20.00

INGRESSO GRATUITO