lunedì 7 giugno 2021

Carlo Barbieri a Fattitaliani: nei miei gialli è facile immedesimarsi e partecipare. L'intervista

L'ecletticità della produzione che va dai thriller per adulti ai gialli per bambini ai racconti umoristici e, a breve, alle "passeggiate" alla Alberto Angela; i trascorsi esteri in Iran ed Egitto, l'ambientazione delle storie in Sicilia: questi e altri elementi fanno dei libri di Carlo Barbieri dei successi editoriali, pure in Cina. A breve in uscita altri tre libri del prolifico scrittore siciliano, due mini-gialli per bambini Ciccio e il mistero degli antifurto e Ciccio e la vendetta dell'immondizia abbandonata (con EL/Einaudi Ragazzi) e il thriller Tre. Fattitaliani lo ha intervistato.
Sorpreso del successo dei tuoi gialli per bambini?

Assolutamente sì. Li ho scritti perché mi andava di farlo - forse un attacco di nonnite, visto che non ho nipoti - e non mi aspettavo che Dieci piccoli gialli (intervista) interessasse a uno dei più grossi editori di libri per bambini (EL/Einaudi Ragazzi). Tanto meno che sarebbe seguito Dieci piccoli gialli 2, e poi una collana di racconti singoli dedicati al piccolo protagonista Ciccio (Piccoli gialli), né la pubblicazione in Cina... e a ottobre Dieci piccoli gialli 3

A livello di lettura, quale elemento secondo te li rende così intriganti?

Me lo sono chiesto, guarda. Certamente il fatto che si tratta di storie accattivanti in cui, se vuole, il piccolo lettore può impegnarsi a cercare la soluzione; ma penso ci sia anche un altro motivo: sono "casi" plausibili, in cui anche un bambino si può imbattere, con un giovane protagonista normalissimo, positivo ma non-eroe. Insomma immedesimarsi e "partecipare" è facile. 

E a livello editoriale, che cosa li fa interessanti?

Se intendi per l'editore... beh, questo è facile: le vendite, no? Mi chiedo però quanto la stessa EL/Einaudi Ragazzi si aspettasse che Ciccio sarebbe andato addirittura in trasferta in Cina. Se invece intendi "Cosa li rende interessanti per mamme, papà e nonni" penso, nell'ordine di importanza: 1) il passaparola, 2) i consigli dei librai 3) la classifica su Amazon, che dà Dieci piccoli gialli primo per la sua categoria.     

Per i tuoi gialli che "piccoli" hai in mente? I bambini cambiano così rapidamente così come le loro esigenze e competenze...

Guarda quando li ho scritti pensavo alla fascia 8-11 anni. Con mia sorpresa diverse mamme, fra le quali la mia amica scrittrice Maria Cubito, che è un'esperta e può fare i test in doppio... perché ha due gemelli, mi ha detto che ambedue, che al tempo avevano sette anni, hanno divorato Dieci piccoli gialli. Mi ha mandato anche una foto di tutti e due sotto l'ombrellone con una copia ciascuno, "se no litigavano". Poi una mamma di un bambino di 5 anni non compiuti mi ha detto che legge a suo figlio le avventure di Ciccio a letto, e quello si diverte. Non mi chiedere come mai, ma si diverte. E infine genitori e nonni che mi dicono di avere letto i piccoli gialli per verificare quanto fossero adatti ai loro bambini... e si sono appassionati anche loro. Evidentemente abbiamo tutti un bambino dentro. O no?  

Hai avuto dei riscontri da parte dei lettori che ti hanno fatto particolarmente piacere?

Innanzitutto quello degli alunni delle scuole che hanno adottato i libri in lettura: prima incontrati in presenza - purtroppo solo nel 2019, prima del COVID19 - e poi in DAD. Scuole siciliane, pugliesi, laziali, marchigiane... tutti ragazzi meravigliosi: entusiasti e pieni di domande. Ma mi fanno molto piacere anche le mamme che mi dicono che un loro figlio ha cominciato a leggere con Ciccio. Per uno come me che crede nella lettura - non "al posto di tutto il resto", intendiamoci, ma "insieme a tutto il resto", è una grande soddisfazione. Giovanni Zambito.

Carlo Barbieri è nato nel 1946 a Palermo. Ha vissuto nel capoluogo siciliano, a Catania, Teheran e Il Cairo, e adesso risiede a Roma. Ha pubblicato Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non, e i gialli La pietra al collo, Il morto con la zebiba (ripubblicato nella collana Noir Italia de IlSole24Ore), Il marchio sulle labbra, Assassinio alla Targa Florio e La difesa del bufalo, gli ultimi tre con Dario Flaccovio Editore. Con la stessa casa editrice ha pubblicato anche la raccolta di racconti Uno sì e uno no. Il suo ultimo libro, dedicato ai lettori più giovani, è Dieci piccoli gialli edito da EL/Einaudi Ragazzi. Barbieri è stato premiato, fra l’altro, al Giallo Garda, al Città di Cattolica, al Città di Sassari, all’Efesto-Città di Catania, allo Scerbanenco@Lignano e, per due volte, all’Umberto Domina. Cura una rubrica con Malgradotutto e collabora con diverse testate web fra le quali fattitaliani.it e MetroNews, il quotidiano delle metro di Roma, Milano e Torino.