giovedì 21 gennaio 2021

Aragona nei versi di Salvatore Cacciatore

L'ispirazione poetica, che negli anni giovanili afferrava con prepotenza Salvatore Cacciatore (16 settembre 1946 - Aragona - 25 agosto 2017) aveva un centro ben determinato: Aragona e la Sicilia. Dei caratteri precipui della sua Isola e del suo paese, "terra feudale e proletaria" (F. Geraci), coglieva in special modo le note dominanti del grottesco e del paradosso. La sua poetica, sempre di ampio respiro (Diu, l'universu ed iu… è il titolo della prima delle due raccolte di versi pubblicate), non si faceva sfuggire parimente: il valore della fede; lo struggimento nostalgico del migrante; gli accenti teneri degli affetti familiari; i drammi umani e sociali; le piaghe che sfigurano e deturpano la bellezza della Sicilia e della sua amata cittadina. Presto colloca Aragona geograficamente, ponendola al centro dei quattro punti cardinali: Aragona è supra di 'na rocca / chinu di fallaci e scarsu d'acqua… L'acropoli domina vallati: / Pizzu San Paulinu e Cammarata / Mintini, Diesi, Santu assulicchiati, / Sutera e Campofranco 'ndustriata. / Poi Casteltermini, Comitini e Mussomeli / misi a specchiu 'nda mezza latata / 'nda l'antra sutta nuvuli e li cieli: / Vulcanelli di Macalube e a so 'nfangata. / Poi Agrigento, Joppolo e Raffadali, / Favara e la campagna tutta meli. Il Nostro, solidale con i suoi avi e le sue genti ricorda, in una delle sue non rare perle poetiche, il feudo per il quale venne concessa la licentia populandi: Cara Luniddra 'ncelu sparlucenti, / ca mi cunsoli tantu e dulcimenti, / 'nda sta nuttata di suspira e canti / chi fa' sulidda 'nda li valli e munti? / Nni tia haiu rivolta la me menti!: / Ricordi quannu a Diesi la me' genti / mitiva a la to' luci e a li to' venti? / Tu nni facivi privi di spaventi. Con il feudo di Diesi evocava le prime piccole case di gesso e in Aragona ccussì è scrive: Stu paisi 'ntra colli addurmintatu, / Patria illustre di geni e brava genti, / è puru culla d'un nobili passatu, / ca seculi fa' di fari appi 'nmenti. Un manicomiu fattu a prisepiu / Cu pazzi, u primu di mia a cuminciari… O cursu Garibaldi c'è na paci, / ca tanti pazzi regnanu filici. Presepe e manicomio, ineludibile paradosso, inestricabile intreccio di caos apparente e armonia, nella composizione delle polarità. La Sicilia, coagulo di bellezza è la cornice dell'icona della sua Aragona: Sicilia cu ti fici fu pitturi, / Sicilia cu ti fici fu sculturi / terra 'ncantata di focu e d'amuri, / terra duci cchiu' duci di lu meli, ma è anche la causa dolore di tanti troppi emigranti, lui era uno di loro: Quannu di tia mi nni vaiu luntanu / lu cori miu amaru iddu si fa comu lu feli, / e appena misi o anni passanu iu la manu, / ti la vegnu a vasu cu sacra divuzioni. Terra di viddani e suffarara, non può mancarne la nota e il nostro poeta non si sottrae dal modularla: Oh! Vergini Maria Addulurata, / apritimi la menti pi 'na vota! / Vi parlu di la vita affaticata / ca malamenti mi gira la rota… prigamu di viniri bon'annata / pi nun vidiri fami n'antra vota. / Ora ca vinni lu misi di Lugliu / tuttu lu cetu eramu cuntenti, / dicennu ni finì ogni 'mpidugliu / l'annata vinni bona veramenti. / Ogni parlari vinni fattu a trugliu, / ogni discursu vinni differenti, / ogni viddranu ci piglia un frivugliu / ca dici ca frummentu unn'avi nenti. 

                Quelle proposte sono alcune pennellate in versi tratti da: Diu, l'universu ed iu… Poesie siciliane, ASLA, Palermo 1984, con le quali Salvatore Cacciatore delinea Aragona, situandola mirabilmente nello spazio a sud del Val di Mazzara, del quale fino alla fine del Settecento era parte integrante della zona meridionale dello stesso, senza sottrarla alla storia di gioia e sofferenza, di attesa e speranza, di affanno e riposo, di ogni donna e uomo.   

Fòcaccia

©Riproduzione riservata