giovedì 10 dicembre 2020

Battiato, ©Vota la Cover di "La cura": Alice, Celentano, Errore, Noemi, Mannoia, Ranieri...

La cura di Franco Battiato e Manlio Sgalambro è stato pubblicata nel 1997 dalla Mercury Records come estratto dall'album L'imboscata. In versione digitale è certificato doppio disco di platino con oltre 60.000 copie vendute. Oggi è protagonista della nostra rubrica "©Vota la Cover": qui la prima versione incisa da Franco Battiato La cura e la versione con orchestra. Ne ha incisa un'altra in spagnolo, El cuidado con testo adattato da Milagrosa Ortiz Martín. È presente nell'album La emboscada e come seconda traccia dell'EP di Di passaggio. E poi la versione multilingue con Dalla, Morandi, Donovan, Ferri, Iskra, Raissadat.

Ascoltiamo anche:
Noemi 

Fiorella Mannoia

Massimo Ranieri

Adriano Celentano

Alice

In inglese interpretata da Greg Castiglioni

La versione più recente appena incisa da Loredana Errore

Ecco le cover di giovani artisti

Elena Manuele (da Sanremo Young) 

Angelo Marco

Irene La Rocca

Commento di Andrea: Assolutamente stupenda questa interpretazione..... !!!! intensa, emotiva, tecnicamente perfetta, capace di sottolineare i colori e i sentimenti del testo... !! che bello

Marta Pedoni

Il commento di Michele Simone: scopro solo dopo 3 anni...Da grande esperto posso dire che cè tutto,cuore,voce,talento ,ancor di più di certi cantanti di oggi etichettati con la spintarella..Spero tu possa aver trovato ciò che desideravi e non mollare questa stradaaa...Bravissimaaaaaa

Da wikipedia:

Ne La cura, la voce di Battiato si rivolge ad una persona amata con evocazioni ed esortazioni alla guarigione facendo leva sul potere terapeutico della musica e delle parole, ricorrendo a suggestioni filosofiche («Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza»), esotiche («Vagavo per i campi del Tennessee / come vi ero arrivato chissà») e oniriche («Più veloci di aquile i miei sogni / attraversano il mare»).

Il brano riscuote in breve tempo un grande successo di pubblico e critica, venendo giudicato "Canzone italiana dell'anno" al Premio italiano della musica del 22 marzo 1997. Pochi mesi dopo, Battiato parteciperà con la canzone al Festivalbar 1997.

La seconda traccia inclusa nel singolo, estratta dall'album La emboscada, è la versione spagnola di Strani giorni, con testo adattato da Milagrosa Ortiz Martín.

Testo
Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo
Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore
Dalle ossessioni delle tue manie
Supererò le correnti gravitazionali
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie
Perché sei un essere speciale
Ed io, avrò cura di te
Vagavo per i campi del Tennessee
Come vi ero arrivato, chissà
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
Attraversano il mare
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi
La bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono
Supererò le correnti gravitazionali
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
Ti salverò da ogni malinconia
Perché sei un essere speciale
Ed io avrò cura di te
Io sì, che avrò cura di te
Fonte: LyricFind
Compositori: Francesco Battiato / Manlio Sgalambro
Testo di La cura © Universal Music Publishing Group