giovedì 27 agosto 2020

Cinemadamare, a volte basta uno starnuto per gridare Covid-19


Allarme in Ascoli Piceno per un raffreddore. Registi di Cinemadamare sottoposti a tampone, dopo che una di loro aveva manifestato febbre a 37. I tamponi sono risultati tutti negativi. Salta la manifestazione! di Emanuela Del Zompo Il giorno 24 agosto il raduno di Cinemadamare è arrivato nella città di Ascoli Piceno per girare cortometraggi per la promozione della città. Il 25 agosto si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell'evento presso l'auditorium del Polo di Sant'Agostino in corso Mazzini. Dopo la conferenza è stato comunicato che una ragazza del gruppo rimasta in palestra Monterocco, aveva la febbre a 37. Sono subito scattate le misure di precauzione e tutto il gruppo è stato messo in isolamento presso la palestra, sorvegliato dalla polizia municipale. L'asl è arrivata solo il giorno dopo a fare i tamponi che sono risultati tutti negativi.

La domanda che sorge spontanea, riferendomi agli organi di informazione locale, era  necessario, prima di verificare i dati e le informazioni, creare tanto allarmismo pubblico su una questione che si è rilevata una bolla di sapone?

Come cittadino e lettore ho il diritto ed il dovere di essere informato bene, con questo non voglio sottovalutare il problema Coronavirus, ma rivolgendomi ai colleghi della stampa, smettetela di scrivere titoli sensazionali, e dati non verificati, prima di pubblicare una notizia che molte volte mette nel panico il lettore e negativizza un evento che poteva dare lustro alla città di Ascoli Piceno.

"Quest'inverno con l'influenza stagionale, saremo tutti malati di Covid-19!"