sabato 20 giugno 2020

Carboidrati a Fattitaliani presenta "Pane e nostalgia" il 1° brano da solista. L'intervista

Pane e nostalgia è il brano d’esordio come solista del cantautore calabrese Pasquale Sculco, in arte Carboidrati: è stato suonato totalmente in home-recording nelle stanze dei musicisti che hanno gentilmente donato la propria arte all’interno della canzone, mentre la voce è stata incisa al “Music Ranch” di Claudio Bastianelli.
Nel video, creato ed ideato da Gianfranco Sposato, le parole vengono accompagnate  da una sequenza di immagini metaforiche che, in modo ritmico, cercano di evocare la sensazione della nostalgia e i movimenti della memoria. Fra le tante inquadrature, molto significative sono le immagini che ritraggono la Calabria,  terra d'origine del cantautore e sempre al centro della sua attenzione. L'intervista di Fattitaliani.
Che cosa rappresenta per te l'uscita del singolo "Pane e nostalgia"?
Il brano "Pane e nostalgia" rappresenta un passaggio importante poiché è il primo brano da solista. Il testo infatti racconta qualcosa di molto personale e intimo.
Che cosa ti piacerebbe che il pubblico cogliesse in modo particolare del brano?
Penso che la cosa più importante sia il messaggio del brano: non è il tempo ad essere cattivo, ma spesso siamo noi che egoisticamente vorremmo restare sempre giovani e nei soli posti che ci fanno stare bene. La vita però è evoluzione, nel bene e nel male e il tempo è solo l'immagine di questa evoluzione. 
A parte il nome, che cosa ti porti dentro e appresso dell'esperienza con i Carboidrati?
Tutta l'esperienza di oltre dieci anni dove ho avuto la possibilità di occuparmi di tutti gli aspetti del progetto. Da questo bagaglio è nata anche l'idea di mettere su un'etichetta musicale tutta mia, in modo da formalizzare tutti questi anni. 
Com'è attualmente il panorama musicale in Calabria? è una regione fertile in tal senso?
La Calabria è una regione molto fertile di idee ed è la mamma di personaggi geniali che hanno caratterizzato il nostro pensiero e la nostra cultura (Telesio, Campanella, Rino Gaetano, Luigi Lilio). Da questa storia mi viene spontaneo pensare che sia una terra molto originale e fertile, ma le idee poi devono avere sempre un supporto pratico. Qui diciamo che si potrebbe fare di più. 
Ti vedresti senza la tua regione? che cosa c'è in te di tipicamente calabrese?
Senza la mia regione dovrei pensarmi con un altro nome. È tutto collegato e connesso che non riuscirei mai a immaginarmi staccato, sarei stato un altro. Di tipicamente calabrese penso di avere la sopportazione alle delusioni e la capacità di capire le persone di m... a 
Nel campo discografico si fa più fatica ad emergere o a rimanervi?
Non saprei perché ognuno ha la sua storia. Penso che la cosa più difficile sia rimanere se stessi sia quando si cerca di emergere che quando bisogna restarci dentro ad un contesto così. Giovanni Zambito.
BIOGRAFIA
Carboidrati è il nome d’arte del cantautore, musicista, performer calabrese Pasquale Sculco. Nato nel 1994 a Firenze è stato per 13 anni il frontman della omonima band “Carboidrati”.
Dopo scelte di vita importanti, buona parte della band ha deciso di non continuare più nel mondo della musica, lasciando tutto il progetto in mano al frontman che esordisce per la prima volta come solista con l’inedito “Pane e nostalgia”. 
Di seguito la biografia della precedente formazione:
"CARBOIDRATI" è stato il nome della band calabrese composta da sei musicisti calabresi: Pasquale Sculco (Voce e Chitarra), Pietro Sculco (Chitarra), Antonio Sessa (Basso e voce), Pierpaolo Gangale (Batteria 2015-2019),Leonardo Carluccio (Tastiera).
“Come i carboidrati danno energia al corpo, loro danno energia suonando”.         
Il loro genere musicale spaziava senza confini precisi di generi o mode riempiendo le piazze con energia e gioia. Nel 2010 cominciano ad avere i loro primi successi nazionali.
Le luci della ribalta e la loro definitiva affermazione avviene con la partecipazione al famoso talent televisivo condotto da Maria De Filippi “Amici” nel 2014 dove arrivano alla fase finale.